Gerhard Richter, il pittore più famoso d’Europa, è contro l’accoglienza e si scaglia contro le menzogne della Merkel.

richter(3)40794c95-d9e1-4558-abd2-8aa39be729f1-2060x12361466945458-13059338-10209856245861809-1475520219-n

                                          L’arte è bellezza, ma soprattutto storia e  anche politica. E’ vero che “l’arte serve a creare  a creare felicità e benessere” a detta di Gerhard  Richter ex marito di Isa Genzken, ma di questi tempi -osserva l’artista-  l’Europa è presa, avvolta, invasa  dai migranti e chi parla di  accoglienza ha rotto proprio le palle.  Conosciamo i giochi e le frasi fatte da tempo, ovvero  l’arte della politica e la politica dell’arte. Ma l’arte oggi a detta di Richter “Non ha potere”. E’ polemico Gerhard Richter, il pittore più famoso d’Europa,   anzi furibondo e in una interessantissima intervista per il […]

  

La figura del “Curatore” è morta. Per sempre. Il lavoro del curatore ritorna finalmente in mano a Critici e Storici d’Arte Contemporanea.

obrist copyimages2imagesbonamithC1WG7D6C3f41b4cthF4TMF9ZH

Che strano appellativo hanno messo in piedi qualche decennio, per inventarsi la figura del   “curatore” ovvero di chi poteva mettere in piedi una mostra, e da  allora ecco riversarsi sulla scena italiana, per lo più, e non solo,   tutta una miriade di galleristi, direttori di museo, giovani laureati, disoccupati, che presentavano il loro biglietto da visita con su scritto “Curatore”. Ma curatore di che? Curatori di asma, di bronchiti, di eczemi, di calli, ecc. Che brutto termine “Curatore”.  E cosa doveva fare  un curatore?  Tutti se lo chiedevano e molti quando ricevevano tra le mani  un biglietto da visita […]

  

La coppia artistica Gilbert & George progetta a Londra una fondazione per l’arte contemporanea, mentre gli artisti italiani aspettano ancora il “mercante”.

gil-george-fondazione

Gilbert & George, sono una delle coppie più famose dell’arte del secondo Novecento, vivono a Spitalfields, nella zona est di Londra, fin dal 1969; ebbene questo territorio, questo quartiere, è stato lo scenario di ispirazione di alcune delle loro opere più famose. Basti pensare  che da quel lontano 1969, i due  per anni e anni hanno fatto colazione tutte le mattine nello stesso bar. Una coppia artistica, una coppia fuor dal comune. I famosissimi Gilbert & George,  ora stanno  progettando di dare un nuovo contributo alla zona trasformando  una tipica casa in una galleria non-profit con relativa  fondazione per le […]

  

La fotografia di Giorgio Cutini. Un viaggio fra Marche e Italia con immagini divenute scatti miracolosi che sfogliano luci, bellezze e poesia.

omaggio_a_giacomelli_1ritratto_della_baronessa43bis_bn_Roma01-metropoli

Dopo la recente mostra  dal titolo “Le mie poetiche Marche” che il fotografo Giorgio Cutini ha tenuto insieme agli scatti  di Mario  Giacomelli ed  Eros De Finis, nel luglio 2016 nella Casa natale di Raffaello a Urbino, in occasione del Premio Gentile da Fabriano  XX edizione 2016,  è in corso anche al Plus Berlin di  Berlino la mostra di Cutini dal titolo “Alla ricerca del tempo perduto”. Mostre, ambedue, che fotografano il paesaggio e i luoghi amati dall’artista fotografo; un paesaggio sottoposto allo scorre del tempo e dei giorni e, dunque, per la fotografia, della luce che investe e perfora […]

  

Il primato della GAMeC di Bergamo, vincitrice del Premio Capitani Lombardia. Museo di eccellenza internazionale.

gamec(1)

L’eccellenza nell’arte. La GAMeC di Bergamo ha vinto il “Premio Capitani Lombardia” sezione Cultura, riconoscimento nazionale nato a Bologna nel 1995 per sostenere le realtà imprenditoriali che portano le eccellenze italiane nel mondo. D’altronde anche la cultura è  colonna  portante di un paese,  è anche colonna portante dell’economia e dello sviluppo del paese Italia, ovvero del nostro paese, un luogo ricco di storia e beni che campionano passato e presente  e devono sempre più essere valorizzati.  Quest’anno “Capitani dell’Anno” ha scelto Bergamo per premiare le imprese lombarde, perché la città lombarda  è seconda provincia industriale d’Europa con 9,7 miliardi di […]

  

Luca Alinari e le opere Anni Settanta. A Milano la mostra di un intellettuale che trasfigura mondo e storia in bellissime favole.

6dbb11_a1438544638f46448f3591f94059ee2d~mv2_d_4046_3980_s_4_26dbb11_30b044a9bcb64a9aad6a82c8b8299c8f6dbb11_cc6b23da5efb435897ed8a4357c39b4b6dbb11_ecf2b1aab6dc4c92bf8cce3b9abee3e66dbb11_e4c2f5e2b256464cb1914889df701f916dbb11_b524b73fdfaa4186b591857d9f4024ef

Dopo la storica esposizione con opere Anni Settanta  tenuta a Palazzo Pitti nello scorso giugno la Galleria Marini (Via Appiani 12, Milano) accoglie nella sua galleria l’artista  Luca Alinari (finissimo disegnatore e abile pittore)  ancora una volta  con  opere degli anni ’70, particolarissima stagione  e capitolo di svolta della intera pittura dell’artista toscano. Le opere, significative, preziose e quasi introvabili perché collocate ormai in collezioni importanti, riescono a raccontare come l’artista fiorentino  abbia con successo affrontato e vissuto quegli anni riuscendo anche ad anticipare molti movimenti artistici nati anni dopo. In mostra  presenti una quarantina di opere comprendenti il periodo […]

  

Maria Mater Misericordiae, un tema affidato ai grandi artisti del Rinascimento italiano. A Senigallia capolavori da tutto il mondo. Un omaggio alla Vergine per il Giubileo.

17514b8d76391f2e346f3959ce956286_L20161027-mostra-maria-senigallia-7-150x150Mostre: a Senigallia "Maria Mater Misericordiae"SENIGALLIAmatermisericordiae222-800x445index89unnamed-162x357??????????????????????????index9indexmaria_hps

La città di Senigallia, nelle Marche,  ospita la mostra “Maria Mater Misericordiae”, un viaggio artistico alle radici del sacro, un racconto per immagini affidato ai più grandi artisti del Rinascimento italiano sulla devozione nei confronti di Maria, madre misericordiosa, alla quale chiedere protezione per i propri cari e per le proprie città minacciate dall’incubo della peste. E’ questo il senso profondo di “Maria Mater Misericordiae”, la mostra organizzata dalla Regione Marche, e in particolar modo dall’Assessore alla Cultura che è stato precedentemente sindaco di Loreto, nell’ambito del programma di eventi sul giubileo della misericordia e dal Comune di Senigallia, allestita nel palazzo del Duca di […]

  

Le barbe dell’Islam. Quando la fotografia certifica la storia e la racconta con immagini di strabiliante attualità.

taglio barba 4taglio barbataglio barba 2taglio barba 1

La popolazione maschile di Mosul non ne poteva più del Califfato Nero, ovvero dell’Islam e della sharia imposta con la forza. E quando la città è stata liberata dalle forze internazionali, il sollievo della popolazione, uomini, donne e bambini, è stato grande. Fotografi al lavoro nel descrivere questi momenti, nel cogliere i cambiamenti di vita, nel documentare la vita passata e presente. Ecco allora delle foto che vanno a cogliere il taglio della barba che era stata imposta agli uomini dagli islamici del califfato. A decine, in fila davanti a barbieri volontari che si sono prestati a riportare la normalità. […]

  

Fabio Mauri al Museo Madre di Napoli. In mostra l’esponente delle neoavanguardie con capolavori che hanno riletto ideologie e linguaggi della propaganda.

1ggVENEZIA 29/05/13 - 55a Biennale arte - giardini di castello.215905184685(1)fabio-mauri_sitoFabio-Mauri

“Retrospettiva a luce solida” è il titolo della mostra monografica dedicata dal Museo Madre di Napoli nel mese di novembre a Fabio Mauri (Roma, 1926-2009), magistrale esponente delle neo-avanguardie della seconda metà del XX secolo, la cui pratica artistica – incentrata sull’esplorazione dei meccanismi dell’ideologia e dei linguaggi della propaganda, come dell’immaginario collettivo e delle strutture delle narrazioni mediatiche – lo impone fra i più autorevoli e seminali artisti contemporanei in campo internazionale. Organizzata in stretta collaborazione con lo Studio Fabio Mauri, la mostra – la più completa mai dedicata all’artista dopo la retrospettiva, nel 1994, alla GNAM-Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma – […]

  

Zaha Hadid e la Casa Portuale di Anversa.

zaha-hadid-architectszaha-hadid-architects-port-house-antwerp-08zaha-hadid-architects-port-house-antwerp-belgiumzaha-hadid-port-house-antwerp-belgium

Zaha Hadid genio dell’architettura è scomparsa nella primavera scorsa, ma la sua creatività, il suo progettare visionario, i capolavori architettonici che ha messo in piedi stanno a segnare la sua chiara fama. E sono questi capolavori oggi a vivere e a parlare della sua genialità. Anzitutto fa un gran parlare la risistemazione della nuova Casa Portuale di Anversa firmata dal suo studio Zaha Hadid Architects, ancora fresca di inaugurazione. Un edificio che pare cresciuto come un fungo, ben collocato sopra il vecchio complesso che, slanciata astronave si volge verso il mare, come se lo volesse sfidare, schiacciare, provocarlo. E, osservate […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020