“Il Campo dei Santi” è il romanzo apocalittico che preannuncia la conquista musulmana di Roma. E’ divenuto oggi la Bibbia dei Sovranisti.

campo-dei-santi51KzJ8NwjUL._SX340_BO1,204,203,200_attentato-egittogettyimages-996066376-1024x1024Jean_Raspail_à_La_HougueUDIENZA GENERALE DEL MERCOLEDIPAPA FRANCESCO JORGE MARIA BERGOGLIOIMG_1737-k1KD-U30801032919330kbG-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Il Campo dei Santi, traduzione italiana di Fabrizio Sandrelli, Collana Il Cavallo Alato, Padova, Edizioni di Ar, 1998(Le Camp des saints, Paris, Laffont, 1973), è un romanzo fantapolitico  dello scrittore francese Jean Raspail  pubblicato nel 1973  e tradotto nel 1988 in Italia, certamente anticipatore in quanto ambientato negli anni Novanta del Novecento, il libro descrive quelle che per l’autore sarebbero le conseguenze dell’ immigrazione nelle società occidentali. Ha scritto il collega Nicola Porro qualche giorno fa che “ll campo dei santi di Jean Raspail è un libro eccezionale, e pur scritto nel 1973, sembra che ripercorra esattamente, anche se in […]

  

SplendOri. Il lusso negli ornamenti ad Ercolano. Una mostra che rende chiara la preziosità dei Beni Culturali in Italia.

illuminazione-ingresso-parco-corso-resina-278945-3648-c-1024x65978355-3058-1024x787gioiello-5goielli-3img_5833-1024x6833_anteprima-stampa

Vogliamo chiudere l’anno 2018 con una mostra singolarissima e di alto valore. Al via la mostra “SplendOri. Il lusso negli ornamenti ad Ercolano”, la prima grande mostra del Parco Archeologico di Ercolano all’interno dell’Antiquarium del Parco, anche questo per la prima volta aperto alla fruizione del pubblico. La mostra è visitabile  fino al 30 settembre 2019. Una collezione di circa 100 monili e preziosi, unica per quantità e valore dei pezzi in mostra, viene presentata al pubblico sul luogo stesso del ritrovamento; oggetti appartenuti agli antichi ercolanesi, alcuni ritrovati con gli abitanti nel tentativo di porli in salvo dalla imminente catastrofe […]

  

Metlicovitz. I Manifesti di un pioniere della Pubblicità, al Civico Museo Revoltella di Trieste.

Mostra_Metlicovitz_Triestemetlicovitz_distillerieitalianemetlicovitz_sognovalzermetlicovitz_ilragnoazzurrometlicovitz_madamabutterflymetlicovitz_inaugurazionesempionemetlicovitz_lasera

150 anni fa nasceva a Trieste, figlio d’arte, Leopoldo Metlicovitz (1868-1944) , uno dei maestri assoluti del cartellonismo italiano. Suoi sono decine di manifesti memorabili, dedicati a prodotti commerciali e industriali, ma anche a grandi eventi come l’Esposizione internazionale di Milano del 1906, a famose opere liriche (Madama Butterfly, Manon Lescaut, Turandot) e a film dell’epoca del muto (primo fra tutti Cabiria, storico precursore del kolossal). Assieme ad artisti quali Hohenstein, Laskoff, Terzi e al più giovane concittadino Marcello Dudovich, Metlicovitz (che di quest’ultimo fu il “maestro”) operò per decenni alle Officine Grafiche Ricordi di Milano, dopo un avvio come […]

  

Depositi di Capodimonte. Storie ancora da scrivere. Aperto a Napoli il forziere delle meraviglie al Museo e Real Bosco di Capodimonte.

86063-03-casciaro_paesaggio_OA7740_0271ceramica2-420x455calcedonio_reina_ragno_chiostro_0405bde_maria_il_voto_0380bciardo_notturno_leccese_0396bman-franceseforse-fruttierA-CON-PUTTI-DANZANTIpostiglione_monaca_adorazione_0448

Nell’immaginario collettivo i depositi sono universi chiusi, sotterranei polverosi, custodi impenetrabili di tesori nascosti e ignorati, spesso associati al mito e al mistero. Si originano dalle scelte fatte dagli uomini, identificano un’epoca e, attraverso la selezione delle opere, rendono possibile rintracciare un gusto, una ragione storico artistica, una esigenza conservativa. Nonostante la vastità dello spazio espositivo – 15.000 mq organizzati in 126 sale – anche il Museo di Capodimonte conserva parte della sua collezione in cinque depositi medi e grandi che conservano opere di ogni tipo, importanti, con attribuzione incerta, in condizioni conservative precarie. Tra queste vi sono, ad esempio, la collezione di oggetti esotici del Capitano James Cook […]

  

Lux Mundi. Il Natale al Complesso Monumentale di Spoleto.

86253-Filippo-Lippi-Incoronazione-della-Verginesanteufemia2santeufemia2-3Cappella-dellAssunta-Duomo-Spoleto-1000x600santeufemia2-2scambio scuola lavoro isda foto di tommaso

In occasione delle festività natalizie, l’Archidiocesi di Spoleto-Norcia – attraverso l’Ufficio dei Beni Culturali Ecclesiastici e con il supporto di Opera Civita – presenta “Lux mundi”, calendario di appuntamenti che mirano a far conoscere il Complesso Monumentale di Spoleto composto da Basilica Cattedrale, Museo Diocesano, Basilica di Sant’Eufemia e Chiesa della Manna d’oro.“Ego sum lux mundi” (“Io sono la luce del mondo”) sono le parole impresse nel libro mostrato dal Cristo Pantocratore assiso in trono tra la Vergine e San Giovanni evangelista, raffigurato nel grande mosaico di Solsterno – datato 1207 – sulla facciata del Duomo di Spoleto. L’elegante prospetto, di chiara matrice bizantina, verrà illustrato nelle visite guidate di mercoledì 26 […]

  

I Presepi di Maria Lai. Al Museo Novecento di Firenze i capolavori dell’artista italiana filtrati dalla poesia dell’esistenza.

220px-Maria_lai_da_Ulassai7_112_2008122212463844_Presepe-1984.-Ceramica-filo-su-velluto-legno-acrilico-56x56x21-cm-89-presepi-marialai86109-maria-lai-8720dsc_6153-presepeimg_20171120_150801presepe-stellato-maria-lai44_Presepe-1984.-Ceramica-filo-su-velluto-legno-acrilico-56x56x21-cm-presepe-in-nicchia-maria-lai-1immagine tratta da inventata da un dio distratto19

Il 20 dicembre 2018 il Museo Novecento di Firenze   ha  inaugurato  Room, nuovo spazio espositivo al piano terra, con un progetto dedicato a Maria Lai (Ulassai, 1919 – Cardedu, 2013), una delle più importanti artiste italiane del XX secolo. A quasi cento anni dalla nascita il museo rende omaggio a questa protagonista silenziosa dell’arte contemporanea, con la mostra “L’anno zero” (fino al 28 marzo 2019) dedicata ai presepi in terracotta, pietre, stoffa e legno, uno dei temi più cari all’artista, già presente a Firenze nella monografica Maria Lai. Il Filo e l’infinito, mostra dedicatale questa primavera a Palazzo Pitti. Con i presepi Maria Lai – che […]

  

L’amore materno nell’arte moderna da Previati a Boccioni. Una mostra straordinaria ai Musei Civici di Verona

17.11.1.SONY DSC10.18.2_-814x1024generico-508379_660x368maternita-verona-pelizza-volpedo

Il tema della maternità, in un momento nodale nell’arte italiana fra Otto e Novecento, è al centro della mostra “L’amore materno alle origini della pittura moderna, da Previati a Boccioni” proposta dai Musei Civici di Verona negli spazi della Galleria d’Arte Moderna Achille Forti, aperta fino  al 10 marzo 2019. “La mostra, curata da Francesca Rossi e Aurora Scotti – ha dichiarato  l’assessore alla Cultura Francesca Briani –, è testimonianza dell’importante e proficua collaborazione tra i musei veronesi e i Musei Civici di Milano, il Mart di Rovereto e il Banco BPM. Inoltre, conferma l’impegno dell’amministrazione a sostenere iniziative culturali […]

  

Riflessioni sul Natale. Ecco il Natale in Puglia con ben sette presepi viventi da non perdere.

3-tricase-presepe-vivente-2014-cometapresepe_vivente_di_tricasepresepe-vivente-lecce-specchia-salentoPRESEPE-MOTTOLA_ARCHIVIO_01-Copiapresepe_pezze_di_grecopresepe_vivente_tra_i_trulli_di_alberobellonatale_in_contea_castropresepe_vivente_a_caprarica_di_lecce

Presepi viventi, segno certo della cristianità e al di là di ogni gioco, canto (penso alla Bella Ciao cantata alla festa di Natale alle Elementari De Amicis di Napoli su cui deve intervenire il Ministro Bussetti o ancora alla Bella Ciao cantata nel coro di Natale in una parrocchia a Bologna)   e parole sull’accoglienza di cui si blatera in questi giorni. Ben oltre il cattivo, cattivissimo esempio del parroco pistoiese don Paolo Farinella o del vescovo di Lecce, Seccia che insiste sull’accoglienza tanto che nella benedizione del Bambinello posto nel Presepe di Piazza Duomo a Lecce ha avuto la sfacciataggine […]

  

Il Museo Diocesano di Milano presenta il monumentale dipinto di Antonio Campi (1524- 1587) raffigurante Santa Caterina visitata in carcere dall’imperatrice Faustina.

Totale recto85085-Totale_recto-600x320

Sarà un’occasione unica per ammirare la tela di enormi dimensioni (400×500 cm) del maestro cremonese, prima del suo ricollocamento nella chiesa di Santa Maria degli Angeli a Milano, da cui originariamente proviene. L’opera è giunta al Museo Diocesano di Milano, dopo essere stata riportata al suo antico splendore dalla Fondazione Credito Bergamasco – in cinque mesi di accurato lavoro svolto a Palazzo Creberg (Banco BPM Bergamo) dalla restauratrice Delfina Fagnani-Sesti Restauri – e poi esposta al pubblico nella medesima sede nell’ambito del proprio pluriennale   progetto “Grandi Restauri”. La restauratrice spiega come, nei cinque mesi di lavoro, “sono state eseguite, come […]

  

L’Adorazione dei Magi del Perugino è l’appuntamento natalizio a Milano in Sala Alessi a Palazzo Marino. Una fila strepitosa e inarrestabile ha accolto il capolavoro.

Adorazione dei Magi - LDfoto-lapresse-matteo-ecke-01122018-milano-italia-cronaca-code-per-ladorazione-dei-magi-del-perugino-a-palazzo-marinonella-foto-visitatori-in-attesa-r5dgj2OWJTUO9HArte/L'Adorazione dei Magi del Perugino a Milano per Nataleperugino-ladorazione-dei-magi-Crediti-foto-Nick-Zonna20181130_video_18595613_jpg--J76JQEHO

Giunto alla sua undicesima edizione, il tradizionale appuntamento natalizio con l’arte di Palazzo Marino è tornato in Sala Alessi con un nuovo capolavoro, visitabile fino al 13 gennaio 2019, questa volta realizzato da Pietro Cristoforo Vannucci meglio noto come il Perugino (Città della Pieve circa 1450 – Fontignano 1523). L’opera, concessa eccezionalmente in prestito dalla Galleria Nazionale dell’Umbria, è l’Adorazione dei Magi, realizzata dall’artista intorno al 1475. La grande pala d’altare (olio su tavola, 242 x 180 cm) è attribuita al periodo giovanile del Vannucci e rappresenta il primo significativo impegno dell’artista a Perugia. Il dipinto fu realizzato per la […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019