Capolavori svizzeri. La prestigiosa Collezione Christoph Blocher alla Fondation Pierre Giannada di Martigny- Svizzera.

00.jpg77Ferdinand Hodler - Le Bucheron (FILEminimizer)(1)0.jpg66Giovanni Segantini - Repos à l'ombre (FILEminimizer)(1)Albert Anker - Nature morte café et pommes de terres (FILEminimizer)

Dal prossimo 6 dicembre 2019  la Fondation Pierre Gianadda celebra la pittura svizzera e presenta un insieme eccezionale di capolavori provenienti dalla Collezione Christoph Blocher, una delle più prestigiose raccolte di pittura svizzera.  La mostra “Capolavori svizzeri. Collezione Christoph Blocher”, aperta fino al 14 giugno 2020,  curata dal collega  Matthias Frehner, storico dell’arte, già direttore del Kunstmuseum di Berna, comprende oltre 130 opere rappresentative degli anni eroici dell’arte svizzera a partire dalla modernizzazione della Confederazione nel 1848 fino al giovane Alberto Giacometti. Accanto ai celebri dipinti di Albert Anker (1831-1910) e di Ferdinand Hodler (1853-1918), di cui Christoph Blocher è […]

  

wo-MAN RAY e le seduzioni della fotografia. Camera / Centro Italiano per la Fotografia espone a Torino il mondo femminile del primo fotografo surrealista.

Man-Ray.-The-Fifty-Faces-of-Juliet_2.man-rayMan-Ray.-The-Fifty-Faces-of-Juliet_1.s-l30003-653x3674507584_6_06f6_la-priere-1930-photographie-sur-toile-de_85d7f8ae87598e9bde1e1dd3f5c5f4951man-ray_-le-violin-de-ingres_-1924

 “Solo da Man Ray potevamo attenderci la Ballata delle donne del tempo presente”, scriveva André Breton a proposito dei ritratti femminili del genio nato a Philadelphia nel 1890, sbarcato a Parigi nel 1921 e lì divenuto protagonista assoluto delle stagioni dadaista prima e surrealista poi.  CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia rende fino al 19 gennaio 2020  omaggio al grande maestro con la mostra “wo/MAN RAY. Le seduzioni della fotografia” che racchiude circa duecento fotografie, realizzate a partire dagli anni Venti fino alla morte (avvenuta nel 1976), tutte dedicate a un preciso soggetto, la donna, fonte di ispirazione primaria […]

  

Agli Uffizi a Firenze la mostra con cento opere su Pietro Aretino, il grande regista del Rinascimento. Anticipatore della storia e della critica d’arte.

???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????Fig. 6Fig. 7 a???????????Fig. 8Fig. 12Fig. 13???????????Fig. 15???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????Fig. 11Fig. 7 b??????????

Nell’aula magliabechiana della Galleria la prima mostra in assoluto dedicata al poliedrico intellettuale del Cinquecento: in esposizione oltre 100 opere tra dipinti, sculture, scritti, oggetti preziosi. “Mi dicono ch’io sia figlio di cortigiana; ciò non mi torna male; ma tuttavia ho l’anima di un re. Io vivo libero, mi diverto, e perciò posso chiamarmi felice. – Le mie medaglie sono composte d’ogni metallo e di ogni composizione. La mia effigie è posta in fronte a’ palagi. Si scolpisce la mia testa sopra i pettini, sopra i tondi, sulle cornici degli specchi, come quella di Alessandro, di Cesare, di Scipione. Alcuni […]

  

Molfetta celebra Gaetano Grillo, figura capitale dell’arte italiana, con una grande mostra personale nell’Ex Molino e Pastificio Caradonna. Memorabile la donazione di una scultura monumentale alla città.

alfabeto-grillico-3grillo02111945993fbe-6575-44e4-a3e3-8e53899cf28b84daffa0-d411-436a-a354-b620de690e4a2f956811-6a4f-4845-a13a-89464c4686a1728d602f-c3a5-457c-be82-d25fe517612bfef85289-ed1f-4764-9d68-2c6bc33d8d44ListenerIMG_1688IMG_1690IMG_1687

Iniziamo col dire che sono poche decine le mostre di peso, valore e cultura, che si fanno nel paese Italia; perché la gran parte sono cimiteriali, fuori da ogni segnale di contemporaneità,  e alimentano come si suol dire “la cassetta”-che vuol dire da cestinare-. Invece, in quella manciata di mostre di rilievo, cariche di altissimo  spirito del nuovo, e orientate a segnare e indicare dove va l’arte contemporanea oggi, c’è la mostra di Gaetano Grillo. Gaetano Grillo, già  illustre  docente  e direttore del Dipartimento di Pittura della prestigiosissima  Accademia di Belle Arti di  Brera a Milano, ritorna a Molfetta in […]

  

Natura in posa. Capolavori dal Kunsthistorisches Museum di Vienna in dialogo con la fotografia contemporanea. La mostra al Complesso di Santa Caterina a Treviso.

03_6303_Lachapelle92527-05_2213_602_LachapelleGG_9565.tif11_2708_53

L’esposizione documenta come il soggetto della Natura morta si sia sviluppato tra la fine del Cinquecento e lungo tutto il XVII secolo a livello europeo, attraverso 50 capolavori provenienti dal Kunsthistorisches Museum di Vienna, presentati ora, per la prima volta, in Italia. La rassegna è parte di un ampio progetto di promozione messo a punto dalla Città di Treviso insieme a importanti partner istituzionali allo scopo di valorizzare, in Italia e all’estero, le eccellenze culturali, artistiche ed enogastronomiche della città e dell’intero territorio della Marca trevigiana e del suo straordinario patrimonio di tradizioni.La prima tappa di questo progetto promosso dalla […]

  

Veleni e magiche pozioni. Grandi storie di cure e delitti in una mostra ad Este nel Museo Nazionale Atestino.

95347-fig-15-medea-esone_fig.-14_Scattola_Giulietta_Cariverona.-150x150fig.-17-tubocuranina.-150x150Fig.-3-Scatola-in-lacca-per-il-betel_Cina_Dinastia-Qing.-150x150Fig.-1-Arikawa-Taira-no-Sadami_Inro-lacca-rossa.-150x150fig.-8-lekythos-Adria-con-atena-con-scudo-di-Medusa-Vi-V-sec-aC.-150x150fig.-4-anforette-porta-oppio_bil-bil_Cipro_Tardo-bronzo.-150x150fig.-10-Museo-Nazionale-Atestino-Este-PD-MEDUSA-produzione-di-epoca-romana.-150x150fig.-16-Digitalis-purpurea.-150x150fig.-18-Physalia_-veleno.-150x150

Una archeologa e una esperta di storia della Farmacia insieme per andare alla radice di leggende, storie, tradizioni. Per dare un preciso senso a ciò che sembra favola, riconducendo alla scienza ciò che si ritiene puro frutto della fantasia popolare. Per scoprire che se veramente la Principessa avesse baciato il rospo, il bufonide le sarebbe effettivamente apparso come un aitante, giovane cavaliere. In questa mostra, congiuntamente proposta dal Polo Museale del Veneto – Museo Nazionale Atestino, dall’Università degli Studi di Ferrara e dalla città di Este, veleni, pozioni, medicamenti vengono indagati lungo il loro più volte millenario stratificarsi. Fino al […]

  

L’architetto Carlo Scarpa, vetri e disegni/1925-1931, in una sorprendente mostra al Museo di Castelvecchio (Musei Civici) a Verona.

scarpa-vetri212a-vetro.11a-vetro.10a-vetro.3a-vetro.4a-vetro.5a-vetro.9b-disegno.

La mostra “Carlo Scarpa. Vetri e Disegni. 1925-1931” visitabile fino al 29 marzo 2020  al Museo di Castelvecchio è l’appuntamento autunnale dei Musei Civici di Verona. Dedicata al celebre architetto veneziano e alla produzione della vetreria M.V.M. Cappellin & C., l’esposizione nasce della collaborazione con Le Stanze Del Vetro e Pentagram Stiftung ed è a cura di Marino Barovier, tra i più reputati esperti dell’arte vetraria muranese, insieme ad Alba Di Lieto e Ketty Bertolaso della Direzione dei Civici Musei del Comune di Verona. “Un’interessante opportunità – ha spiegato  l’assessore alla Cultura Francesca Briani–, per vedere alcune delle più importanti […]

  

Chiara Parisi, un’italiana in Francia, direttrice del Centre Pompidou-Metz.

chiara-parisi-pompidou-2-1068x623Centre Pompidou Metznot-afraid-of-love-1-696x464

Il ministro dei  Beni Culturali, Dario  Franceschini , qualche anno fa  ebbe a nominare  nei Musei italiani   direttori per lo più stranieri,  talvolta figure sconosciute, come se in Italia non ci fossero e non  avessimo personalità riconosciute e di chiara fama. Adesso ci giunge notizia  che nel giro di valzer nell’organigramma delle istituzioni culturali francesi, Chiara Parisi, italiana, romana, è stata nominata direttrice del Centre Pompidou-Metz, al posto di Emma Lavigne, chiamata a sua volta per il ruolo di presidente del Palais de Tokyo di Parigi. A riportare l’indiscrezione, ancora non ufficiale, il quotidiano Le Figaro.    E dunque, da Villa […]

  

Ricordo del Professor Mario Ursino, illustre Storico dell’Arte Contemporanea, a pochi giorni dalla scomparsa.

m_ursino, conferenza su de Chirico alla GNAM (2005)images21O3ogNaASL._AC_UL436_71RqIpO7JyL._AC_UL436_9788849220094

Non posso non ricordare la figura del collega Professor  Mario Ursino, recentemente scomparso; era  docente di Storia dell’Arte Contemporanea alla Sapienza e alla LUMSA di Roma , e da sempre sognava un museo per De Chirico. Beh, diciamola tutta e a chiare lettere che Mario Ursino era un raffinato storico dell’arte, un signore d’altri tempi, amabile, cortese, riservato, elegante e ironico. E soprattutto preparatissimo nell’arte contemporanea. Un collega come pochi.  Nella notte tra domenica 10 e lunedì 11 novembre 2019, a Roma, ci ha lasciati improvvisamente un uomo di grandi qualità, anche modesto e appartato,  che non abbisognava di mostrarsi […]

  

Il Giambologna di Urs Fischer brucia alla Brant Foundation di Manhattan.

Giambologna di Fischer brucia alla Brant Foundation091019_r18915_p646a53dec48-234f-11e7-a553-18fc4dcb5811_1280x720_132715index

Un Giambologna di cera di Urs Fischer con l’amico Rudolf Stingel spettatore: entrambi bruceranno lentamente assieme a una sedia nella nuova mostra della Brant Foundation Art Study Center, la seconda nello spazio industriale ricavato nel Lower East Side di Manhattan in quello che fu per anni lo studio di Walter de Maria. “Third Dimension: Works from The Brant Foundation”, aperta al pubblico dal 13 novembre, presenta oltre 20 artisti centrali nella raccolta messa insieme dal tycon, industriale dei media Peter Brant negli ultimi 50 anni. La copia in cera del “Ratto delle Sabine” (l’originale e’ alla Loggia dei Lanzi a […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019