Kehinde Wiley ritrae a colori l’universo femminile americano. La mostra alla William Morris Gallery di Londra.

william-morris-gallery-54-1571837839Kehinde-Wiley-Saint-Jerome-Hearing-the-Trumpet-of-Last-Judgment-2018-2019-Kehinde-Wiley-Courtesy-of-Roberts-Projects-5-1581780699Kehinde-Wiley-Naomi-and-her-Daughters-56-1581780700

                                                                                                                                                                                                 La William Morris Gallery di Londra presenta una retrospettiva dedicata ai nuovi lavori di uno dei più importanti artisti americani contemporanei, Kehinde Wiley. Non solo si tratta della prima mostra personale londinese su Kehinde Wiley, aperta fino al 25 maggio 2020, ma anche la prima a presentare esclusivamente ritratti femminili. La scelta del museo di Morris per ospitare l’esibizione nasce dal fatto che Wiley, per oltre quindici anni, si è ispirato agli iconici disegni floreali di William Morris per i suoi dipinti. Partendo dal suo interesse per la relazione tra il corpo umano e il decorativo, i modelli di […]

  

All’alba di un nuovo mondo. E’ il libro di Angelo Panebianco e Sergio Belardinelli uscito presso Il Mulino. Il punto sulla crisi che avvolge l’Europa.

9788815280855_0_221_0_751555693825502_1555693846.jpg--con_la_crisi_della_societa_aperta__il_pessimismo_diventa_un_autoprofezia2015_cmc_DSCF1690imagespapa-benedetto-xvi-800x600

“Il pessimismo rischia di funzionare come una profezia che si autoadempie”, scrive Angelo Panebianco nel suo nuovo libro “All’alba di un nuovo mondo” (pp.132, Il Mulino, 2019 ) scritto assieme a Sergio Belardinelli; in verità questo testo, di due studiosi e intellettuali italiani (nel libro si definiscono “liberali realisti”) sembra offrire il fianco ai declinisti e ai populisti, cui Panebianco e Belardinelli si oppongono.Il libro è un canto funebre del finto liberalismo, una denuncia dell’incoscienza culturale in cui si consuma la moderna tragedia della secolarizzazione, della crisi da legittimità di un pensiero debole, debolissimo. Emerge tutta la fragilità di una […]

  

I libri dei virologi sul coronavirus, che noia. Una saggistica di basso livello che non merita la sufficienza.

51Iv19VdNwL._SY346_index5e7b21c12400006007cea41b.pngcapua-1187x7685180483_2223_19_aprile_massimo_galli_barbara_d_urso_direttagismondo-sacco-libro-coronavirus-burioni-san-raffaele-1-750x391000559FA-silvio-brusaferro-presidente-dell-istituto-superiore-di-sanita

Fino a poco tempo fa nessuno, o quasi, conosceva la classe dei virologi. E nessuno sapeva che in Italia ce ne fossero  talmente tanti che, tra questi,   pochi si tuffavano a studiare i virus e le loro famiglie;  adesso con l’arrivo della peste del XXI secolo  si è verificata una mania inverosimile  di interesse con plotoni pronti all’attacco di un mostro invisibile,  che tanto invisibile non è,  ma ben evidente nei corpi degli oltre trentamila morti che abbiamo avuto in Italia. Una tragedia immane, con tutti i problemi a seguire e che  ci avvolgeranno nei prossimi mesi. Ora sappiamo che l’epidemia […]

  

Morto Germano Celant. Addio al critico d’arte padre dell’Arte Povera, ucciso dal Coronavirus.

Germano-Celant-Fondazione-Prada-Osservatorio-Foto-Ugo-Dalla-Porta3030635707541a+5-QHECL._SX288_BO1,204,203,200_md30295196867

E’ morto Germano Celant, critico dell’Arte Povera, oggi 29 aprile 2020  ucciso dal Coronavirus. Ho perso un grande amico. Aveva 80 anni, era ricoverato a Milano per Covid-19. Il collega era  uno dei più celebri storici dell’arte contemporanea,  italiano,  alla fine degli anni Sessanta aveva dato vita al movimento di Arte povera, poi diventato il più rilevante fenomeno artistico in Italia nella seconda metà del Novecento. Germano Celant era nato a Genova nel 1940, si è spento all’Ospedale San Raffaele di Milano, dove era ricoverato  da circa due mesi nella terapia intensiva e non ce l’ha fatta nella sua lotta […]

  

Il MoMA licenzia per il Coronavirus. Il Museo d’Arte Moderna di New York è in affanno. Anche l’arte internazionale subisce il dramma di questa peste planetaria.

A sign announcing the Museum of Modern Amoma3301c329aed1a7f8fff7d442fe01aa67bb-kdUH-U3170824060075PHH-656x492@Corriere-Web-Sezionicoronavirus-grafica-virusMoMA gets US dollar 200 million donation from Rockefeller Estate

Il MoMA licenzia in tronco tutti i dipendenti del Dipartimento Educativo e non è il solo museo a tagliare il personale. Poche sorprese, è solo il modello americano. Ci notifica l’agenzia “Americans for  the Arts” che  l’impatto dell’emergenza Covid-19 sul mondo dell’arte negli Stati Uniti è economicamente quantificabile in una perdita di 4,5 miliardi di dollari, e ciò solo fino ad ora. Per avere un quadro ampio  dell’enorme  danno economico, occorre sapere  che l’arte e la cultura rappresentano il 4,5% del PIL dell’intera nazione, con un giro di 878 miliardi di dollari e un bacino di 5 milioni di posti […]

  

Il Coronavirus è guerra batteriologica: questa l’idea del Cardinale dello Sri Lanka e Arcivescovo di Colombo, Sua Eminenza Malcolm Ranjith e di Richard Ebright, esperto di biosicurezza della Routger University’s Waksman Institute of Microbiology( New Jersey-Stati Uniti).

coronavirus-grafica-virus-696x464richard--web copyCardinal_Ranjith800px-Old_Queens,_New_Brunswick,_NJ_-_looking_north,_20149485810rosario150320_8-500x500_12

Dimenticate l’influenza, questa malsana idea che ci hanno propinato  con l’arrivo del Coronavirus che ha scatenato un’epidemia mondiale. Nessuno si allarmi ma riflettiamo su considerazioni che  arrivano da tutto il mondo, e cerchiamo  di seguire  quanto le autorità sanitarie nazionali e internazionali ci impongono. In Italia   decine di migliaia le persone contagiate ( lo dicono i modelli matematici), e migliaia  e migliaia quelle che sono morte, nello strazio di noi tutti. Non è da meno nel mondo intero e negli Stati Uniti. La Cina ora trema per la seconda ondata. La situazione numerica è in  crescendo  con mille drammi per […]

  

“Il Palazzo sul Potomac. The Embassy of Italy in Washington”, il volume “capolavoro” dell’Ambasciatore Gaetano Cortese su Villa Firenze a Washington, una delle sedi diplomatiche più prestigiose del mondo.

Cortese_Washington_smLIBRI: PRESENTAZIONE 'IL PALAZZO SUL POTOMAC' ALLA FARNESINAMostraImmagineFoto.aspxIMG_4854 (2)IMG_2219IMG_4855IMG_4856 (2)8268530550_ce0e2a9716_o8268531122_2c161ec3a8_o8267461889_03ce3a4288_o8267463111_d3d912d92f_oCortese_Cop_Washington_ITA8267462549_c5d59bc1d9_oListener.pngvvvListenerListener.pngccc

Nella straordinaria e  superba collana di volumi dedicati alle sedi della Ambasciate italiane in tutto il mondo, molti curati  dall’illustrissimo Signor Ambasciatore  Gaetano Cortese, ecco la nostra attenzione  nel mettere in luce anche il volume in lingua italiana su “Il Palazzo sul Potomac. L’Ambasciata d’Italia a Wahington (Servizi Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2011, pp. 460) poi in lingua inglese “Il Palazzo  sul Potomac. The Embassy of Italy in Washington” (Editore Carlo Colombo-Roma, 2012 prima edizione), ovvero su  Villa Firenze  divenuta  Residenza Ufficiale dell’Ambasciatore d’Italia, la più prestigiosa tra tutte le Residenze diplomatiche di Washington, DC. Il volume, in lingua inglese, […]

  

I finalisti del World Press Photo 2020: dal Coronavirus in Cina al Sudan e ai combattenti curdi.

World Press Photo Story of The YearIvor-Prickett-The-New-York-TimesWorld-Press-Photo-of-the-Year-Nominee_Tomek-Kaczor_for-Duzy-Format-Gazeta-WyborczaWorld-Press-Photo-of-the-Year-Nominee_Farouk-Batiche_Deutsche-Presse-AgenturWorld-Press-Photo-of-the-Year-Nominee_Yasuyoshi-Chiba_Agence-France-Presse

Questa è storia contemporanea. Ecco la storia del nostro tempo, raccontata per immagini. Sono stati annunciati i finalisti del World Press Photo 2020. Vi figurano anche sei fotografi italiani. Non è poco, e lasciano leggere la qualità e l’artisticità.  C’è tutto il 2019, raccontato in volti, gesti e atmosfere, nelle fotografie dei finalisti della 63ma edizione del World Press Photo, il concorso di fotogiornalismo più prestigioso al mondo, i cui vincitori saranno annunciati nel corso di una cerimonia di premiazione ad Oude Kerk, ad Amsterdam, il 16 aprile 2020. 73996 le fotografie esaminate dalla giuria, realizzate da 4283 fotografi provenienti […]

  

La Deutsche Bank in crisi profonda. In vendita la sua stellare collezione d’arte. Di riflesso il mercato dell’arte vive momenti di grande affanno. Di seguito è pubblicata la notizia che la collezione non sarà più in vendita.

image-27richter-deutsche-bank-wall-street69521-A19940390_KounellisGeorg-Baselitz-Kopf-inchiostro-su-carta-©K19850058-Deutsche-Bank-Collection-1024x719luca-vitone-1964-mare-nostrum25

La crisi economica che si fa sempre più stringente sull’intera Europa, ed anche sulla Germania che aveva l’economia più forte, sta rivelando affanni e asfissie anche per l’arte contemporanea. Ne è dimostrazione il lungo periodo di crisi per la Deutsche Bank, che è costretta a vendere i pezzi pregiati della sua collezione, da Gerhard Richter a Emil Nolde. La Deutsche Bank, che l’anno scorso ha annunciato l’intenzione di tagliare 18mila posti di lavoro, sta ridimensionando anche le sue attività nel campo dell’arte e ha già venduto alcune tra le opere più importanti della sua collezione, esposte nelle varie sedi diffuse […]

  

I Quadri di Pietro Barilla. Capolavori dalla Collezione Barilla d’Arte Moderna alla Pinacoteca Stuard di Parma. Un esempio grandioso di fare collezionismo.

barilla2CBAM-022-Giorgio-Morandi-1890-1964-Paesaggio-1941-600x673IMG20150708112642728_900_700Pedrignano-Parma-Sede-Gruppo-Barilla-Mario-Ceroli-1938-Cavallo-1984-600x427Image.ashxCBAM-004-Umberto-Boccioni-1882-1916-Il-romanzo-di-una-cucitrice-1908--600x538CBAM-006-Giorgio-De-Chirico-1888-1978-Le-consolateur-1929-600x908152357922-d2eb8d83-110d-42eb-b2e3-fa273768ef77

Nell’ambito delle iniziative di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020, è stato inaugurato alla Pinacoteca Stuard, il progetto espositivo I Quadri di Pietro. Capolavori dalla Collezione Barilla d’Arte Moderna, a cura di Giancarlo Gonizzi, voluto e organizzato dal Comune di Parma e dalla Famiglia Barilla che mette in mostra, per un anno, alcune delle più interessanti opere della Collezione Barilla di Arte Moderna, non esposte al pubblico da più di 25 anni. Dodici delle opere più amate da Pietro Barilla saranno esposte a cadenza mensile nelle sale della Pinacoteca Stuard, fino al 31  dicembre 2020, per raccontare, attraverso il pennello […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020