Carlos Cruz-Diez e il colore come evento di spazi. Una mostra a Milano (Dep Art Gallery) celebra l’artista franco-venezuelano, appena scomparso, tra i maggiori esponenti dell’arte cinetica.

Carlos-Cruz-Diez-at-the-Miami-Marlins-Ballpark-Stadium-©-Atelier-Cruz-Diez-Rolando-de-la-Fuente95001-Carlos_Cruz-Diez_Color_Aditivo_Panam_3_2010_cromografia_su_alluminio_60x80_cmcarlos-cruz-diez-colore-come-evento-di-spazi_01919172d0-e550-460a-8aa4-33da20102e52Physichromie Panam 232Lugar: Ciudad de Panama, Panamacarlos-cruz-diez-colore-come-evento-di-spazi_03

E’ in corso  alla Dep Art Gallery di Milano, la prima mostra personale di Carlos Cruz-Diez dopo la sua recente scomparsa. “È con grande tristezza che annunciamo la morte del nostro amato padre, nonno e bisnonno, Carlos Eduardo Cruz-Diez, in data sabato 27 luglio 2019 nella città di Parigi, Francia. Il tuo amore, la tua gioia, i tuoi insegnamenti e i tuoi colori, rimarranno per sempre nei nostri cuori”. È un messaggio di profondo cordoglio quello che si legge sulla pagina iniziale del sito dell’artista Carlos Cruz- Diez nato a Caracas nel 1923 e morto nella sua casa parigina – in cui […]

  

L’artista israeliana Yael Bartana in una mostra a Modena nella sede di Fondazione Modena Arti Visive. Installazioni video e fotografiche che intrecciano realtà e finzione, identità, rito e lo stato-nazione.

13) Yael Bartana on set of the performance What if Women Ruled the World 2018 150 dpi1) Yael Bartana. A Declaration 2006 150dpi3) Yael Bartana Summer Camp 2007 150dpi2) Yael Bartana A Declaration 2006 150 dpi4) Yael Bartana Summer Camp 2007 150 dpi9) Yael Bartana True Finn 2014 150 dpi6) Yael Bartana The Recorder Player from Sheikh Jarrah 2010 150 dpi5) Yael Bartana The Recorder Player from Sheikh Jarrah 2010 150 dpi8) Yael Bartana True Finn 2014 150 dpi7) Yael Bartana True Finn 2014 150 dpi12) Yael Bartana Tashlikh (Cast Off) 2017 150 dpi10 Yael Bartana Tashlik (Cast Off) 2017 150 dpia703da3e-87be-42c0-ba77-b6c48932187c

A Modena, fino  al 13 aprile 2020 nella sala grande e nelle sale superiori della sede FMAV – Galleria Civica a Palazzo Santa Margherita, Fondazione Modena Arti Visive presenta la personale dell’artista israeliana Yael Bartana (Kfar Yehezkel, 1970), che attualmente vive e lavora tra Amsterdam e Berlino. L’esposizione, curata da Chiara Dall’Olio, presenta sei installazioni video e fotografiche, che affrontano diverse declinazioni dei concetti di “identità”, “stato-nazione” e “rito”, e la strumentalizzazione di questi termini nella scena politica di oggi. Mentre l’Italia e l’Europa stanno affrontando tensioni nazionaliste e nuove spinte separatiste, l’artista intende attirare l’attenzione sull’esistenza di meccanismi sociali […]

  

Molfetta celebra Gaetano Grillo, figura capitale dell’arte italiana, con una grande mostra personale nell’Ex Molino e Pastificio Caradonna. Memorabile la donazione di una scultura monumentale alla città.

alfabeto-grillico-3grillo02111945993fbe-6575-44e4-a3e3-8e53899cf28b84daffa0-d411-436a-a354-b620de690e4a2f956811-6a4f-4845-a13a-89464c4686a1728d602f-c3a5-457c-be82-d25fe517612bfef85289-ed1f-4764-9d68-2c6bc33d8d44ListenerIMG_1688IMG_1690IMG_1687

Iniziamo col dire che sono poche decine le mostre di peso, valore e cultura, che si fanno nel paese Italia; perché la gran parte sono cimiteriali, fuori da ogni segnale di contemporaneità,  e alimentano come si suol dire “la cassetta”-che vuol dire da cestinare-. Invece, in quella manciata di mostre di rilievo, cariche di altissimo  spirito del nuovo, e orientate a segnare e indicare dove va l’arte contemporanea oggi, c’è la mostra di Gaetano Grillo. Gaetano Grillo, già  illustre  docente  e direttore del Dipartimento di Pittura della prestigiosissima  Accademia di Belle Arti di  Brera a Milano, ritorna a Molfetta in […]

  

Ricordo del Professor Mario Ursino, illustre Storico dell’Arte Contemporanea, a pochi giorni dalla scomparsa.

m_ursino, conferenza su de Chirico alla GNAM (2005)images21O3ogNaASL._AC_UL436_71RqIpO7JyL._AC_UL436_9788849220094

Non posso non ricordare la figura del collega Professor  Mario Ursino, recentemente scomparso; era  docente di Storia dell’Arte Contemporanea alla Sapienza e alla LUMSA di Roma , e da sempre sognava un museo per De Chirico. Beh, diciamola tutta e a chiare lettere che Mario Ursino era un raffinato storico dell’arte, un signore d’altri tempi, amabile, cortese, riservato, elegante e ironico. E soprattutto preparatissimo nell’arte contemporanea. Un collega come pochi.  Nella notte tra domenica 10 e lunedì 11 novembre 2019, a Roma, ci ha lasciati improvvisamente un uomo di grandi qualità, anche modesto e appartato,  che non abbisognava di mostrarsi […]

  

Il Giambologna di Urs Fischer brucia alla Brant Foundation di Manhattan.

Giambologna di Fischer brucia alla Brant Foundation091019_r18915_p646a53dec48-234f-11e7-a553-18fc4dcb5811_1280x720_132715index

Un Giambologna di cera di Urs Fischer con l’amico Rudolf Stingel spettatore: entrambi bruceranno lentamente assieme a una sedia nella nuova mostra della Brant Foundation Art Study Center, la seconda nello spazio industriale ricavato nel Lower East Side di Manhattan in quello che fu per anni lo studio di Walter de Maria. “Third Dimension: Works from The Brant Foundation”, aperta al pubblico dal 13 novembre, presenta oltre 20 artisti centrali nella raccolta messa insieme dal tycon, industriale dei media Peter Brant negli ultimi 50 anni. La copia in cera del “Ratto delle Sabine” (l’originale e’ alla Loggia dei Lanzi a […]

  

Riccardo Guarneri maestro dell’arte analitica espone al DAV di Soresina un corpus di carte preziose, forme e geometrie annegate fra lampi di ombre e di luce.

IMG_2919IMG_2921IMG_2922

                                                                                                                                                                                Al DAV – Dipartimento di Arti Visive di Soresina, ecco  una mostra di grande valenza artistica e intellettuale dal titolo “RICCARDO GUARNERI – LE CARTE”, ovvero una monografica sul grande maestro italiano dell’arte analitica a cura di Francesco Mutti, con il patrocinio del Comune di Soresina e in collaborazione con ASPM Energia per la Cultura e la rivista di arte internazionale ArteiN World. Per la prima volta l’istituzione DAV pur con la  sua  giovane storia, si cimenta con l’arte contemporanea storicizzata , sfogliando proprio un movimento come quello analitico  e analizzando il percorso di uno degli esponenti di maggior […]

  

Emilio Isgrò, il poeta delle cancellature.

Codice-ottomano-della-solitudine-copia.Codice-ottomano-delle-tempeste.Giacomo-Puccini-2014-ARCHIVIO.Il-Cristo-cancellatore-1968-installaz.Nebbie-planetarie-2016-copia.

La Fondazione Giorgio Cini presenta una ricca antologica dedicata al grande artista italiano. La mostra è organizzata in collaborazione con Archivio Emilio Isgrò e propone opere dagli anni Sessanta a oggi in un’ambientazione/installazione inedita, che presenta in modo innovativo il lavoro dell’artista messinese. La stagione espositiva della Fondazione Giorgio Cini propone per l’autunno una nuova, importante antologica aperta fino al 24 novembre 2019. L’esposizione si propone come un attraversamento e un’ampia ricognizione nel suo percorso creativo e estetico a partire dagli anni Sessanta a oggi. Una ricca esposizione che si dipana dalle prime cancellature di libri, datate 1964, e continua […]

  

Ugo La Pietra in due mostre all’Accademia Carrara e alla Gamec di Bergamo, fa vivere il suo lavoro fra spazio e funzione.

UgoLaPietra_phAureliaRaffo_2014_AccademiaCarrara_GAMeC-590x543c77ea0d0-2c85-40d0-9e66-43abbea42c6e-640x34095373-UgoLaPietra_LibriAperti_erbario_installazione_20042008_AccademiaCarrara_GAMeC5564953c-3832-4d59-b9d7-9758d506099c-758x1024

L’Accademia Carrara e la GAMeC Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo  presentano Ugo La Pietra, tra antico e contemporaneo. Disegni, ceramiche, installazioni accostate ai capolavori di Accademia Carrara oltre a una rassegna di film ospitati in GAMeC con due progetti speciali. Le due mostre sono aperte fino al 6 gennaio 2020. Fin dagli anni Sessanta Ugo La Pietra ha sviluppato la sua attività artistica, facendo riferimento al rapporto individuo-ambiente e realizzando nel tempo un metodo definito “arte nel e per il sociale”. L’opportunità di poter operare, all’interno di alcune sale dell’Accademia Carrara e nella sala proiezioni di GAMeC, vede La Pietra impegnato in una duplice operazione culturale e comunicativa. In […]

  

I blu di Elia Festa, prezioso inno alla natura, in mostra all’Acquario Civico di Milano.

94427-unnamedMARE-SOTTO-9elia-festa-blau-620x298acquariioasd_2018_2_okokok_3ner-neu-ner_base_80bassa_Schermata-2019-06-30-alle-13.43.40

L’elegante edificio liberty di inizio Novecento che ospita l’Acquario Civico di Milano, accoglie – fino a domenica 3 novembre – tra le sue pareti e le sue vasche la mostra “BLAU” dell’artista Elia Festa  promossa dal Comune di Milano – Cultura dall’Acquario – Civica Stazione Idrobiologica di Milano.Non  mi ha sorpreso la mostra di Elia Festa,  visto che conosco l’artista fin dai primi anni Ottanta, ho frequentato il suo studio e ne  ho sempre apprezzato il talento che ha versato in mille scatti e opere di vivace storicità e poeticità. Conosciuto e apprezzato come fotografo già alla fine degli anni […]

  

Renato Mambor esponente tra i più importanti del ‘900 avanguardista italiano e della Scuola Romana di Piazza del Popolo , in mostra da Tornabuoni Arte a Firenze.

95351-Renato-Mambor-I-protettori-2007-acrilico-su-tela-su-tavola-cm-100x150_Renato-Mambor-Riflettore-avorio-1992-tecnica-mista-su-cartone-cm-72x97-copia.Renato-Mambor-Asciugacapelli-1966-tecnica-mista-su-cartoncino-cm-72x102.Renato-Mambor-Airone-ferito-1966-acrilico-su-tela-cm-70x100.Renato-Mambor-Battesimo-nel-colore-blu-2005-tecnica-mista-su-tela-tamburata-cm-120x170.Renato-Mambor-Uomo-geografico-_-fondo-grigio-2012-tecnica-mista-su-tela-cm-100x120.Renato-Mambor-Folla-1963-tecnica-mista-su-carta-cm-70x100.

Tornabuoni Arte, nella sua sede di Firenze, ospita  un’ampia selezione dedicata a Renato Mambor,  in collaborazione con l’archivio Mambor. La mostra, corredata da un approfondito catalogo, ripercorre il lavoro poliedrico dell’artista, tra i più originali della scena europea dell’arte durante la seconda metà del XX secolo. Mambor è stato uno dei primi a sconfinare dalla pittura verso altri linguaggi: fotografia, cinema, performance, installazioni e teatro, per tornare comunque sempre alla pittura. Continuando a lavorare sul linguaggio e sugli elementi costitutivi dell’arte, ha avviato una sperimentazione sul rapporto tra organismo e ambiente, tra arte e vita, sul cambiamento dello sguardo e […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019