Mario Sironi, dal Futurismo al Classicismo 1913-1924. Duecento opere di un protagonista dell’arte italiana del ventennio fascista esposte a Pordenone. Un evento colto e singolare.

image_large7image_large4image_large3image_large 1image_large2image_large5image_largeExposition work of art "Mario Sironi e le Illustrazioni per

La Galleria Harry Bertoia del Comune di  Pordenone ospita fino al 9 dicembre  la mostra “Mario Sironi. Dal Futurismo al Classicismo 1913-1924” a cura di Fabio Benzi e realizzata dal Comune di Pordenone e dall’ERPaC – Ente Regionale per il Patrimonio Culturale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia con l’attiva collaborazione dell’Associazione Mario Sironi.   La mostra intende approfondire attraverso l’esposizione di duecento opere una fase cruciale dell’evoluzione stilistica di Mario Sironi (1885-1961), pittore, illustratore, grafico, scultore, decoratore, scenografo, tra le figure più originali, intense e radicali del secolo scorso. L’attenzione è dedicata a un decennio della sua intensa attività; un periodo che si rivelò fondamentale per tutta […]

  

L’Universo futurista alla Fondazione Cirulli di Bologna. 200 opere di un grandioso e stravolgente movimento artistico italiano.

Website_Cover_23-02-18O0002157O0005033O0002743O0004641O0002854O0001268

A San Lazzaro di Savena, a pochi chilometri da Bologna, la Fondazione Massimo e Sonia Cirulli,  avvia un singolare percorso, ovvero  una nuova istituzione privata italiana che nasce sulla base di uno archivio storico dedicato alla cultura italiana del XX secolo, avviato a New York nel 1984 dai suoi fondatori, Massimo e Sonia Cirulli e che oggi conta una collezione di alcune migliaia di pezzi. Gli obiettivi della Fondazione sono la valorizzazione, in ambito nazionale e internazionale, dell’arte e della cultura visiva italiana del XX secolo attraverso una rilettura dal taglio inedito e multidisciplinare della sua eredità culturale e la […]

  

In asta tre cartoline di Basquiat sfiorano le trecentomila euro. Esiti dell’ultima Asta Pandolfini Casa d’Aste. Solido mercato dell’arte contemporanea.

6E1649A9-CAF2-41D3-AF3B-87432EC1E67AF533DC85-5FC7-43F8-893C-192D1E30902B (1)60B3E4F3-8559-49FC-B942-0AE1AB43E6CCuntitled

Solida realtà del mercato, il dipartimento di ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA di Pandolfini con la vendita di giugno ha confermato il trend positivo che dalle ultime stagioni premia le scelte e la gestione. La notizia con cui Pandolfini ha il piacere di aprire questo resoconto è l’aggiudicazione, che non giunge inaspettata, per quasi 300.000 mila euro delle 3 belle opere Jan-Michel Basquiat che erano in catalogo. Sono le sue caratteristiche “cartoline” dei primi anni ’80 in cui tratta i personaggi e temi che gli sono propri: robot, guantoni e teschio. I tre SENZA TITOLO, che provengono da una importante collezione italiana, […]

  

Henri Matisse. Al Forte di Bard in Valle d’Aosta la produzione di opere legate alla drammaturgia. Eccolo campione sulla scena dell’arte.

Henri-Matisse-Il-clown-da-Jazz-Tériade-Editore-Parigi-1947-Kunstmuseum-Pablo-Picasso-Münster-©-Succession-H.-Matisse-S.I.A.E-20181200x771-654x42077921-cauchemar_clean_xMostra_Matisse_Forte_di_Bard.jpg.pagespeed.ic.tE0Mj3Cd_QM_4861704a10Henri-Matisse-Il-cowboy-da-Jazz-Tériade-Editore-Parigi-1947-Kunstmuseum-Pablo-Picasso-Münster-©-Succession-H.-Matisse-S.I.A.E-2018-1200x781-1200x781-645x42042a8b6d39019e91bdd353610b1de6b11-625x350

L’esposizione “Henri Matisse. Sulla scena dell’arte” presenta un capitolo centrale dell’intera vita dell’artista francese Henri Matisse: il rapporto con il teatro e la produzione di opere legate alla drammaturgia. Una mostra inedita che porta al Forte di Bard, in Valle d’Aosta, fino  al 14 ottobre 2018, oltre 90 opere realizzate in un arco temporale di 35 anni, dal 1919 fino alla morte dell’artista, avvenuta nel 1954. Si tratta principalmente della cosiddetta période Nicoise: Matisse, infatti, nel 1917 scelse Nizza come luogo principale della sua creazione artistica. Il percorso espositivo, curato da Markus Müller, direttore del Kunstmuseum Pablo Picasso di Münster, […]

  

La nonnina che elogia il Fascismo, e i nipoti entusiasti della nonna fascista. Ma la legge Fiano cancellerà anche l’arte e l’architettura fascista?

FIANO_EMANUELE_AGF-krDC-U70001067018017e3F-258x258@ArgomentiGerardo-Dottori-Benito-Mussolini-il-Duce-1933Enrico-Prampolini-Dinamica-dellazione.-Miti-dellazione.-Mussolini-a-cavallo-1939Adolfo_wildt_busto_di_mussolini_1924_ca__coll__priv_01Mario-Sironi-16-novembre-1922-Popolo-dItalia20110307_Roma_Palazzo_della_Civiltà_Italiana_fronte_-_lato_sxmilano-palazzo-giustizia-MARKA-kHoC--835x437@IlSole24Ore-Web1642972

Immagino ricorderete quanto è stato detto e scritto prima delle elezioni politiche del marzo 2018. Si vedevano i  fantasmi del  fascismo dappertutto, tanto che l’Onorevole Fiano spinse per una legge, approvata  dalla Camera e ancora in Commissione Senato, che mira a punire la propaganda di contenuti e immagini del regime fascista e nazifascista.  Tant’è che come Storico dell’Arte Moderna e Contemporanea mi son detto: “ma cosa succederà alle opere d’arte relative al ventennio e ai documenti storici dell’epoca?”. E agli studenti dei corsi universitari e dei licei quali opere potremmo far vedere, oppure occorre cancellare  artisti come Mario Sironi, Enrico Prampolini, […]

  

Ottantadue dipinti falsi scoperti nel museo francese Etienne Terrus di Elne.

museo francia terrusl5cm11ap0rkxyr-kCYD-U43480222246681fRF-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Una delusione senza fine, una bruttissima  scoperta, quella del museo francese dedicato al pittore Étienne Terrus di Elne, paesino di meno di 8mila abitanti alle porte di Perpignan, nel Sud della Francia,  che ha scoperto  -si fa per dire per caso-  che 82 quadri della collezione, che si credevano essere stati dipinti da Terrus, erano in realtà dei falsi.  Proprio così, dei “falsi” come si usa dire oggi da noi esperti e periti d’arte. Il problema più forte ed evidente è che i dipinti, acquistati negli ultimi venti anni, rappresentavano più della metà della collezione esposta nel museo, e se […]

  

Riaperto Palazzo Cerasi a Roma. Oggi sede di una delle collezioni di arte italiana della prima metà del ‘900 tra le più famose nel mondo.

Fondazione-Cerasi-Scorcio-696x487Fondazione-Cerasi-470x420DSC01240-FILEminimizerFondazione-Cerasi-Roma-3-560x420via-merulana-palazzo-cerasi-657x600

Riaperto, finalmente, Palazzo Cerasi, dov’era collocato l’ex Ufficio d’Igiene di Via Merulana a Roma, dopo una chiusura durata 20 anni. Riaperto dopo una trasformazione con un investimento di 5 milioni di euro per 1200 metri  quadrati. Saloni imbiancati, stucchi, pavimenti di marmo pregiato, gallerie di colonne rosate. Il restauro del palazzo ha portato  all’inaugurazione della sede di una delle collezioni di arte italiana della prima metà del’ ‘900 tra le più famose nel mondo, quella del costruttore Claudio Cerasi e della moglie Elena. I lavori, una vera e propria ricostruzione filologica dopo i crolli intervenuti nel corso dei decenni, hanno […]

  

Le foto di Claudio Centemeri raccontano i drammi e le sofferenze dei pazienti dell’ex manicomio di Mombello di Limbiate-Milano. Una mostra documentaria alla Galleria Marelia di Bergamo.

Centimeri Claudio 2 PER SITOCentimeri Claudio 3 PER SITOCentimeri Claudio 1 PER SITO

La mostra  inaugura con la sorprendente performance di un attore di rilievo, Riccardo Buffonini, il quale legge frasi, cartelle cliniche, scritti poetici, legati al tema della follia, accompagnato dal duetto jazz (Sabrina Olivieri e Alessio Sabino) che canterà e suonerà le note del melanconico ritornello “Moonlight Serenade”, un dolcissimo brano di Glenn Miller che a poco a poco diventerà ossessionante. La Galleria Marelia inaugura nell’ambito di The Blank ArtDate – Frequenze che si terrà nelle date 25-26-27 maggio 2018, (negli stessi giorni in cui la città accoglierà un elevato numero di visitatori per il ritorno della salma di Papa Giovanni […]

  

Riccardo Francalancia e il Realismo Magico. Una mostra ad Assisi celebra il pittore della quiete e del paesaggio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA78873-image001riccardo-francalancia-quirinale0021551867imageDbHandler.ashx 55imageDbHandler.ashx41890Allestimentofrancalancia4-671x44688010941

Un universo incantato che si compone di una cospicua selezione di capolavori provenienti da collezioni pubbliche e private italiane per riportare all’attenzione del pubblico una delle correnti più poetiche e suggestive dell’arte del Novecento, il Realismo Magico. All’interno di tale movimento, trova la sua dimensione più autentica l’opera di Riccardo Francalancia, artista nato ad Assisi. Ora, proprio ad Assisi, nel centralissimo Palazzo Bonacquisti,  ecco  la mostra “Una profondissima quiete. Francalancia e il ritorno alla figura tra de Chirico e Donghi” organizzata dalla Fondazione CariPerugia Arte ed aperta fino 4 novembre 2018. A cura di Vittorio Sgarbi, Beatrice Avanzi e Michele Dantini, il percorso espositivo […]

  

Novecento di carta. Disegni e stampe di illustri maestri italiani di chiara fama, al Castello Sforzesco di Milano.

04.Sironi_Allegoria dell_espansione urbanistica, 192113.Turcato_Composizione 1960caMartini Bacio,191575651-Morandi_Grande_natura_morta_con_lampada_a_destra_192816.Baldessari_IX Triennale, 1951

Nell’ambito del palinsesto culturale Novecento Italiano il Comune di Milano – Cultura e la Soprintendenza del Castello Sforzesco hanno  presentato i capolavori della grafica italiana del Novecento conservati nelle raccolte civiche e nelle collezioni di Intesa Sanpaolo con una mostra di disegni, incisioni e libri d’artista dei più celebri maestri del secolo scorso. Un’occasione per mostrare al pubblico internazionale del Castello una selezione di lavori provenienti da un patrimonio straordinario, unico per qualità e varietà, e normalmente non visibile per ragioni conservative. Prodotta e organizzata con la casa editrice Electa, l’esposizione è a cura di Claudio Salsi con la collaborazione del comitato […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018