Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento. Qui è il Tesoro delle Antichità di Roma. E’ adesso il tempo delle celebrazioni winckelmanniane.

Johann_Joachim_Winckelmann_(Raphael_Mengs_after_1755)72457-image003670X350_001_80monumento-Winck

“Vivo come un artista e come tale sono accolto nei luoghi dove ai giovani è permesso di studiare, come nel Campidoglio. Qui è il Tesoro delle antichità di Roma e qui ci si può trattenere in tutta libertà dalla mattina alla sera”.   È il 7 dicembre del 1755 ed è con queste parole che Johann Joachim Winckelmann, giunto a Roma da appena tre settimane grazie a una borsa di studio conferita dal principe Elettore di Sassonia, descrive a un amico la sua prima visita al Museo Capitolino, il primo museo pubblico d’Europa, luogo in cui il vitale rapporto con l’Antico può essere coltivato […]

  

I Longobardi e la storia d’Italia. La mostra al MANN di Napoli.

domini_longobardi14653_179_pluteoagnello64721-LONGOBARDI14650_179_CofanettoNovales14648_179_AOSTA-SanLorenzo14657_179_BorchiaOroGemme-14908_179_EdittoRotariRP14667_179_gota14922_179_Pavone

Un grande evento internazionale. Nord e Sud Italia uniti per la più importante mostra mai realizzata sui Longobardi. La mostra è stata prima al Castello di Pavia, ora dal 15 dicembre 2017 e fino al 25 marzo al MANN di Napoli; ad aprile 2018 al Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo. Devo confessarvi d’aver visto una mostra epocale. Pavia prima  è tornata capitale del “Regnum Longobardorum” e Napoli si fa adesso portavoce del ruolo fondamentale del Meridione nell’epopea degli “uomini dalla lunghe barbe” e nella mediazione culturale tra Mediterraneo e nord Europa. Una collaborazione internazionale a tre – Musei Civici di […]

  

La Croce ritrovata di Santa Maria Maggiore al Museo Civico Medioevale di Bologna. Un segno dei tempi per tutta l’Europa.

65713-Croce_Santa_Maria_Maggiore

                                                                           Mi preme sottoporvi la mostra  “La Croce ritrovata di Santa Maria Maggiore”, organizzata dai Musei Civici d’Arte Antica, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Bologna presso il Museo Civico Medievale, dedicata alla croce ritrovata nell’ottobre 2013, durante i lavori di pavimentazione del portico della chiesa di Santa Maria Maggiore. L’esposizione, curata da Massimo Medica, nasce dall’occasione di esporre per la prima volta al pubblico questo prezioso esemplare di croce viaria a seguito del restauro eseguito da Giovanni Giannelli (Laboratorio di restauro Ottorino Nonfarmale S.r.l.). L’opera rientra nella tipologia di croci poste su colonne, che venivano collocate nei punti focali della […]

  

Leopoldo de’ Medici principe dei collezionisti. In mostra il Tesoro dei Granduchi a Palazzo Pitti-Firenze .

Fig.-2_civita_image_hd_attach (1)Fig.-5_civita_image_hd_attachFig.-6_civita_image_hd_attachFig.-7_civita_image_hd_attachFig.-3_civita_image_hd_attachFig.-10_civita_image_hd_attachFig.-8_civita_image_hd_attach (1)Fig.-9_civita_image_hd_attachFig.-1_civita_image_hd_attach

Enciclopedica figura di erudito, divenuto cardinale all’età di cinquant’anni, Leopoldo de’ Medici (Firenze, 1617 – 1675), figlio del granduca Cosimo II e dell’arciduchessa Maria Maddalena d’Austria, spicca nel panorama del collezionismo europeo per la vastità dei suoi interessi e la varietà delle opere raccolte. Servendosi di abilissimi agenti, mercanti e segretari italiani e stranieri, radunò, nel corso della sua vita, esemplari eccellenti e raffinati nei più diversi ambiti: sculture antiche e moderne, monete, medaglie, cammei, dipinti, disegni e incisioni, avori, oggetti preziosi e in pietre dure, ritratti di piccolo e grande formato, libri, strumenti scientifici e rarità naturali. Uomo scrupoloso […]

  

Scoperte archeologiche a Como ora in mostra nella città lombarda. Opere e suppellettili precedenti alla fondazione della colonia romana.

veduta-generale-del-cantiere-di-scavo-in-occasione-della-costruzione-del-nuovo-ospedale-sant_anna-di-como-2007_c2a9-mibact4_vaso-a-tre-bracci-con-tre-coppe-dal-corredo-della-tomba-3-di-grandate_2011_c2a9-mibact8_grande-vaso-in-bronzo-stamnos-con-coperchio_cinerario-della-tomba-del-carro-della-ca_-morta_v-sec-a-c-_c2a9-mibact3_corredo-tomba-1_nuovo-ospedale-sant_anna-di-como_-vi-sec-a-c7_tomba-16-del-nuovo-ospedale-sant_anna-di-como_in-corso-di-scavo6_carro-cerimoniale-protostorico_v-sec-a-c-_rinvenuto-a-lazzago-nel-1928_esposto-al-museo-archeologico-di-comoGuttus ornitomorfo_lancio

Meravigliano non poco le scoperte archeologiche qui in Lombardia, ora con gli scavi recenti a Como si fa finalmente il punto sulle popolazioni che l’hanno abitata nel V e VI secolo avanti Cristo.  Per la prima volta in mostra, reperti archeologici di grande importanza storica , esito della ricerca condotta a Como negli ultimi dieci anni; vengono esposti nella suggestiva Chiesa di San Pietro in Atrio, fino al 10 novembre. La coinvolgente e storica  mostra dal titolo  “Prima di Como. Nuove scoperte archeologiche dal territorio”, organizzata congiuntamente dalla Soprintendenza Archeologica e dai Musei Civici di Como , è a cura […]

  

“Palmira” un libro cardine di Nicolò G. Brancato, premiato a Firenze e capolavoro di notizie e documenti. E ad Aquileia una mostra su i “Volti di Palmira”.

3306033image56????????????????????????????????????????????????????????image77imageimage44

Nicolò Giuseppe Brancato, archeologo e studioso di Epigrafia Latina di fama internazionale, ha appena vinto il Premio per l’Archeologia al Premium International Florence Seven Stars 2017 di Firenze per il suo ultimo trattato su “Palmira” pubblicato da Artecom-Roma. Questa la “motivazione: “NICOLO’ BRANCATO. Archeologo  attento e scientificamente preparato in campo internazionale, attivo   nelle campagne di scavo archeologico volte a scoprire e recuperare le memorie bibliche di intere civiltà, ad iniziare da quella romana, Nicolò Brancato  merita il plauso dell’intellettualità  italiana  specie per il suo ultimo trattato su “Palmira” pubblicato da Artecom- Roma”. Per la verità l’illustre studioso, ha speso un’intera […]

  

Pompei e i Greci. Una mostra nella Palestra Grande degli Scavi di Pompei racconta i contatti fra Pompei e il Mediterraneo greco.

pompeigreciguide27a_Afrodite-5345-800-600-8023a_Statua_di_Apollo-5341-800-600-8024_Gioielli-5342-800-600-80Mostra_Pompei_e_i_Greci25a_Rilievo_votivo-5343-800-600-80Enlight19-5349-800-600-80Enlight16-5346-800-600-80

La mostra, curata dal Direttore generale di Pompei Massimo Osanna e da Carlo Rescigno (Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli), è promossa dalla Soprintendenza Pompei con l’organizzazione di Electa. Pompei e i Greci racconta le storie di un incontro,  partendo da una città italica, Pompei, se ne esaminano i frequenti contatti con il Mediterraneo greco. Seguendo artigiani, architetti, stili decorativi, soffermandosi su preziosi oggetti importati ma anche su iscrizioni in greco graffite sui muri della città, si mettono a fuoco le tante anime diverse di una città antica, le sue identità temporanee e instabili.   Sono oltre 600 i […]

  

Bruciato il sito archeologico di Villa Faragola ad Ascoli Satriano nel Foggiano.

rogo-foggiano-sito-archeologicoimage2-e1487777859912b35689b8-e852-4971-999b-b544b7e5d195_large7bbce169-369d-4eb3-8f8f-37b8aaea4ddf_medium00311e99-a8ce-4570-a638-bb17322e896c_largea49d0440-98e8-4f69-ae69-c9849259f1b2_large095127309-cd7fedaf-7567-4b93-8b2b-91f8db2b51e917987e3a-eeb1-43a2-807f-ac4b808e81ed_large21427476_10214060155128113_2798900324698074763_o

E’  ancora il Patrimonio archeologico italiano a soffrire e ad essere oltraggiato, perché qualche giorno fa è andata a fuoco  -meglio dire data alle fiamme- la  copertura in legno di Villa Faragola, sito importante di scavi in quel di Ascoli Satriano in provincia di Foggia. Nulla ancora si sa dalle indagini subito avviate  anche perché  nella zona archeologica non ci sono telecamere di sorveglianza.  L’archeologo Giuliano Volpe  presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e Paesaggistici del Mibact  è certo della pista dolosa e scrive di un quadro archeologico da fine del mondo, per i “mosaici danneggiati irrimediabilmente, di marmi […]

  

Scoperta una Pompei transalpina. Sono i resti di un sito romano vicino a Lione in Francia .

pompei-transalpina-pochi-chilometri-lione-rinvenute-tracce-insediamento-romano-2

Trenta chilometri a sud di Lione, città che  fu la capitale della tribù degli Allobrogi soldati forti e ricchi inglobati poi nell’esercito di Giulio Cesare, c’è Vienne, cittadina francese della regione del Rodano-Alpi. La città ebbe una sua fase  imponente e  splendida già in epoca imperiale, tanto che a quel tempo occorre far  risalire  il Tempio di Augusto e Livia, mentre a un periodo più tardo appartiene il circo. Dallo scorso  aprile 2017 è iniziata  una imponente campagna di scavi, facente capo a un illuminato archeologo che è  Benjamin Clement, a capo di una squadra che sta riportando alla luce […]

  

L’invasione turca del 1480 a Otranto raccontata da navi e croci incise in una grotta scoperta nella valle dell’Idro.

3_3_31_3_34_3_23_3_3

Eccezionale scoperta a Otranto, per via di strani graffiti leggibili in una grotta nascosta lungo la valle dell’Idro. Infatti dai graffiti si possono identificare croci e navi incise sulle pareti e che danno subito idea di quella terribile invasione che subì Otranto con i suoi ottocento martiri. Da allora il detto “mamma li turchi” a sottolineare la loro ferocia verso gli abitanti della cittadina salentina  che rifiutarono di convertirsi all’islam. Lungo la valle dell’Idro ecco scoperta  una cavità artificiale di cui ancora non si era avuta notizia. Nascosta da un fitto canneto, si compone di due ambienti principali divisi da un […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018