La sharia cancella i nudi in Turchia. Vistosa contestazione per una mostra d’arte contemporanea nell’era di Erdogan.

1615b7b1d4aa8f59209f956232dcead6Donne-nel-cortile

Il Medioevo è piombato in Turchia nell’era di Erdogan. Quella che era la Turchia laica messa in piedi da Ataturk ormai non c’è più. Ne è prova l’esposizione “La porta si apre a chi bussa” (“Kapı çalana açılır”) organizzata presso la villa del principe Abdülmecid II (sulla sponda asiatica del Bosforo), esattamente il  22 ottobre 2017, e prontamente   interrotta a causa di  una violenta irruzione.  E’ successo che nel corso della mostra, realizzata in parallelo alla 15esima Biennale di Istanbul, alcune persone siano entrate nel palazzo urlando: “è questa la laicità?”; e ancora : “il Paese è arrivato a questo […]

  

Lo sguardo dell’altro. L’omosessualità nei capolavori dell’arte occidentale in mostra al Museo del Prado.

20170614-636330356916127386_20170614111638-kvAB--656x437@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204855_imagenes_lv_terceros_cc40e420-1b2a-4153-a2d7-622c2a60f1d0-kDx--656x831@LaVanguardia-WebErmafrodita-1-696x392img_scolome_20170614-155441_imagenes_lv_terceros_d6a56ce7-9cf5-446f-ace1-620334e8a1c7-kvAB--656x228@LaVanguardia-Web20170614-636330353755085533_20170614111136-kvAB-U423380475973p5D-992x558@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204607_imagenes_lv_terceros_d0252f42-d432-409d-b891-416ea70b68b5-kDx--656x1009@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204121_imagenes_lv_terceros_a527657f-e875-4cd3-861d-359eeb445251-kDx--656x1231@LaVanguardia-Webimage

Il  Museo del Prado, tempio dell’arte a Madrid   accoglie in questi giorni una mostra sul tema dell’omosessualità, dal titolo “Lo sguardo dell’altro. Scenari per una differenza”. Potrà essere scioccante per i perbenisti l’intera tematica inscenata, ma i capolavori esposti  sono e hanno dell’incredibile. “La mirada del otro. Escenarios para la diferencia.” è infatti il titolo dell’iniziativa del Prado che, fino al 10 settembre, propone un itinerario guidato tra le sue sale pensato per contemplare la realtà storica delle relazioni sentimentali tra persone dello stesso sesso o di identità sessuali “fuori dalla norma”. La mostra si tiene in  occasione della celebrazione […]

  

Love. A Milano arte e amore in mostra alla Permanente.

7121-771807121-771677121-771787121-771767121-771737121-77183

                                               Il fascino dell’amore. L’amore che tiene in vita. Su questo tema che impregna da sempre il mondo, gli artisti e l’arte, ecco al Palazzo della Permanente a Milano (via Turati 47) l’arte contemporanea messa in mostra con “Love”, a cura di Danilo Eccher, fino al 23 luglio 2017. Dicevamo che il tema dell’amore ha sempre affascinato e avvolto l’essere umano e le sue arti. Tutto ciò fin da quando la donna sepolta ad Ostuni 38 mila anni fa in una grotta, luogo  che è stato casa, chiesa e sepolcro, è stata ornata di collane di conchiglie; poi il tema […]

  

Renata Guga Zunino, un fenomeno dell’arte italiana, in mostra a Moncalvo nel Monferrato, con autoritratti sognanti.

17800261_1676305776003976_3744440265523808871_n2gugamuseo_civico_moncalvo1

Di Renata Guga Zunino,  da tempo  considerata un “fenomeno dell’arte italiana”, nobile,  illustre e  creativa pittrice dei nostri tempi, capace di sorprendere  sempre critici, intellettuali, e artisti  in massa, ecco una sua bellissima mostra  aperta fino al 4 giugno nel Monferrato, esattamente a Moncalvo (Biblioteca Civica- Piazza Buronzo 2)  con il titolo “Autoritratto ovvero caleidoscopio”. Il caleidoscopio, che vuol dire vedere bello,  dal greco “καλειδοσκοπεω”,  è uno strumento  ottico  che si serve di specchi o frammenti di vetro  per creare una molteplicità di strutture simmetriche, nel nostro caso e a proposito di Renata Guga Zunino ci si trova dinanzi a […]

  

Annette Messager. Uteri in fiore, sesso e provocazioni sono il panorama della mostra dell’artista all’Accademia di Francia-Villa Medici a Roma.

ANNETT~1134349-mdjalousie-love_w%20(00000002)134350-md

Generazioni vecchie e nuove di maschi hanno sempre disegnato “membri” a testimonianza della loro giovinezza e virilità. E disegni di questo genere, i ragazzi li hanno disegnati ovunque, sui muri delle classi, sui banchi e sulle cattedre degli insegnanti, sulle porte dei bagni, alle fermate degli autobus; taluni anche sui quaderni, sui diari delle ragazze come fosse un approccio iniziale e ingenuo di storie. Insomma, un graffito osceno poteva anche richiamare un disegno di Mirò, tant’è che persino un bellissimo verso di una canzone di Gianna Nannini del 1987 recitava così: “I maschi disegnati sui metrò confondono le linee di […]

  

L’arte erotica in asta da Sotheby’s.

Loysel-Lot-7-La-Grande-Nevrose-by-Jacques-Loysel-1867-1925-19th-century-2_1487327521344726

Si è tenuta da Sotheby’s una grande vendita tematica dedicata all’Eros, con una collezione che attraversa secoli di arte erotica, che ha sorpreso tutti realizzando molti record e dimostrando che l’erotismo   non ha tempo  ed è  quasi  senza prezzo. L’asta ha totalizzato 5,3 milioni di sterline, nonostante la mancata vendita di un quarto delle opere in catalogo. Grande successo per “La Grande Nevrose”, scultura che raffigura una figura femminile in marmo realizzata dallo scultore francese Jacques Loysel, l’opera è stata venduta per 1,8 milioni di dollari. Record anche per Sarah Bernhardt, la sua “Ophelia” ha venduto per 310mila sterline. Oltre […]

  

John Currin, pittore di vita e di donne. L’artista americano in una grandiosa mostra al Museo Bardini di Firenze.

9b1526fd5c4b38e223fc84490315de01-kRKC-U1080744491029eDC-1024x576@LaStampa.itJohn-Currin1John-Currin-painting-at-Gagosian-in-Parisimages55R1547280-copie-820x550?????????????????Fig._3-The_PenitentOLYMPUS DIGITAL CAMERAlarge

John Currin( americano di Boulder-Colorado, 1962), è  senz’altro tra i più significativi  artisti del nostro tempo. Pittore di vita e di donne. E’  protagonista di un grande evento al Museo Stefano Bardini di Firenze (fino al 2 ottobre 2016), e si tratta della prima mostra personale di Currin in uno spazio pubblico italiano. Pittore sofisticato per tecnica e cultura visiva, Currin è conosciuto e apprezzato per ritratti elegantissimi e scene anche lascive interpretate con un ironico, sconcertante  realismo. Nei  dipinti, spesso  quadri di piccolo formato, Currin dissimula una conoscenza spiccata della storia dell’arte e un gusto assai sofisticato della composizione […]

  

Il performer spagnolo Abel Azcon espone a Roma il suo corpo messo in vendita. Estreme performance che vanno oltre la body art.

1(119)3(37)970079700597008

               Si è inaugurata a Roma (il 16 novembre 2015) alla Galleria Rossmut, e per la prima volta in Italia, la personale di uno degli artisti-performer più controversi e discussi degli ultimi anni, lo spagnolo Abel Azcona, classe 1988; catalogo e mostra sotto la cura audace e mirata  di Diego Sileo. La mostra è il risultato della performance che Azcona ha realizzato in un albergo di Madrid il 28 e 29 marzo 2015. Dietro pagamento di 100 euro, 24 partecipanti hanno avuto a disposizione un’ora di intimità da passare senza limiti con l’artista. Il ricavato è stato successivamente donato ad […]

  

Medhi-Georges Lahlou, è l’artista dai tacchi rossi, e coniuga sesso, religione e ambiguità.

foto-67207_1183_13828im_pf_lahlou_themeeting_web-4-630tachispillo1index1tacchispillo51-560x331index2013-67207-230918_35711_11453_ttacchispillo2

Medhi Georges Lahlou è l’artista, fotografo-pittore, detto anche l’uomo dai tacchi rossi, che ogni giorno macina sesso religione e ambiguità. Insomma nella sua arte si aggrovigliano le proibizioni del sesso e della religione . L’ambiguità è diventata il suo stile forte, il timbro estetico. Ormai tutti sanno che Lahlou ha preso l’abitudine di percorrere decine di kilometri sui suoi tacchi a spillo rosso fuoco ; vi assicuro che non si tratta né di provocazione né di eccentricità, la sua è una vera e propria performance che mira a schedare la storia del nostro tempo, a incrociare religione e fanatismo, ed […]

  

La prostituzione a Parigi tra Secondo Impero e Belle Epoque. Capolavori in mostra al Museo d’Orsay di Parigi svelano splendori e miserie.

image4imageimage2image5image1image9image8image7prostitutionedouardmanet-olympia1865Henri-de-Toulouse-Lautrec-1864-1901-au-moulin-rouge-1892.95-300x26107__forain_derriere_les_coulisses25__gacrame_intacrieur_grec1

Dopo aver esposto senza pudori il nudo maschile, anche con tendenza gay, (è dell’autunno 2013 la mostra «Masculin Masculin»), il Musée d’Orsay di Parigi, che continua a non porsi nessun tabù, con “Splendori e miserie. Immagini di prostituzione a Parigi” presenta capolavori, dipinti che raccontano l’amore a pagamento ed esponendo, nella scenografia del regista di teatro canadese Robert Carsen, i seni prosperosi e le gambe al vento delle prostitute e cortigiane che hanno ispirato gli artisti tra il Secondo Impero e la Belle Epoque, da Degas a Toulouse-Lautrec, da Manet a Gervex, fino a Derain, Kupka, Picasso, Munch, Vlaminck. Non […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018