Mauro Staccioli e la poetica dei contesti. A Milano una mostra allo Storico Liceo Artistico Statale di Brera lo ricorda e lo vive come uno degli scultori italiani più innovativi del secondo dopoguerra.

Mauro-Staccioli-2Mauro-Staccioli-Roma-2011-corten-galleria-Il-Ponte-Firenzeimages11images66images34images2200940-volterra1-850x426imagesSchermata_2018_01_12_alle_13.09.48Biografia-dell-autore-Mau

La prima volta che ebbi modo di conoscere il lavoro di Staccioli è stato  nel 1974, in occasione della mostra a Milano “Presenze e tendenze nella giovane arte italiana” alla Biennale di Milano al Palazzo della Permanente; mostra divisa in dieci sezioni e Mauro Staccioli vi figurava accanto ad Adami, Dangelo, Del Pezzo, Nespolo, Plessi, Pozzati, Trubbiani, Baratella, Umberto Mariani, Isgrò, Carrino, Paradiso, Pardi, Coletta, Marchese, Aricò, Barbanti, Colombo, Bonalumi, Castellani, Pinelli, Verna, Matino, e altri ancora. Poi il suo percorso artistico, umile, colto, profondo, geometrico e razionale, minimale, monumentale pur sfuggendo all’effetto tutto effimero  del monumentalismo, innervato sulle direzioni […]

  

Riccardo Guarneri, figura capitale dell’Arte Analitica in mostra a Palazzo Sarcinelli a Conegliano.Ecco la forza e la vitalità del segno, della luce e del colore.

guarneri studioRiccardoGuarneri84841-Riccardo-GuarneriGuarneri 2018 95x95 Angolare con celesteGuarneri 2018 120x95 Grigi tenuti dai gialliRiccardo-Guarneri

Oltrearte Associazione Culturale ha dato vita  alla mostra personale di  Riccardo Guarneri, aperta fino al 30 dicembre 2018 dal titolo “Variazioni del sentire”, organizzata negli spazi di Palazzo Sarcinelli nella città di Conegliano. Insieme ad opere recenti e storiche, sono presenti le opere esposte alla cinquantasettesima Biennale di Venezia 2017 Viva Arte Viva, curata da Christine Macel, dove l’artista era stato invitato  con una sala personale (uno dei 5 artisti italiani invitati), a distanza di cinquant’anni dalla prima esposizione alla Biennale. Riccardo Guarneri si è imposto sia come figura artistica indipendente, sia come precursore delle tendenze pittoriche astratte degli anni […]

  

Armando Marrocco, artista concettuale, vero sciamano dell’arte contemporanea. In mostra alla Galleria Vigato di Alessandria sue opere che attraversano tutti i movimenti del secondo Novecento.

Marrocco_A_52x365cm_1980_tmsucartone_rottasudsudest-226x300Marrocco_A_leportedeldestino_1976_tmsutavola_sdMarrocco_A_lisoladelcavaliereardente_435x435cm_1973_sd-300x300cavalieri-ardentixMarrocco_A_250x270cm_1978_tmsutela_X_Michetti-300x278

La mostra di Armando Marrocco (Galatina-Lecce 1939),  artista illustrissimo  e di chiara fama  come amo definirlo, in corso alla Galleria Vigato-Arte Contemporanea di Alessandria, sempre attenta nella scelta delle figure dell’arte contemporanea da proporre lascia vivere  sensibilmente lo spaccato di una storia quale quella di Armando Marrocco che giovanissimo è giunto a Milano nei primissimi anni ’60 del Novecento trovandosi così coinvolto nei più importanti movimenti artistici dell’epoca. La mostra, aperta fino all’8 dicembre 2018   si tiene con il patrocinio della Città di Alessandria e di “850 anni Alessandria”(1168-2018),esposizione sicuramente “storica” -aggettivo da sottolineare-  perchè riunisce opere ed esemplari  delle […]

  

Loi di Campi illuminato campione dell’estroflessione in mostra al Plus Berlin di Berlino. Grandi opere monocrome che brillano fra regole, utopie e stile lineare dell’arte.

325 OLTRE LA SUPERFICIE cm 70x50x4-2018-TM320 OLTRE LA SUPERFICIE cm50x50x3-2018-TM323 OLTRE LA SUPERFICIE cm 50x40x3-2018-TM319 OLTRE LA SUPERFICIE cm50x50x3-2018-TM324 OLTRE LA SUPERFICIE cm70x50x3-2018-TMIMG_8623

E’ da qualche tempo che il nome e l’arte estroflessa di Loi di Campi attraversa il mondo dell’arte italiana ed internazionale, lasciando sorpresi collezionisti ed esperti del settore. Ora si aggiunge la bellissima mostra che l’artista italiano sta tenendo già da qualche mese, di questo intenso 2018, al Plus Berlin di  Berlino, nella bellissima Sala Hoffmann. L’interesse suscitato sulla stampa tedesca e sulle strutture artistiche, vale a dire gallerie e musei, che vivono le ricerche più ardite e più avveniristiche, lascia pensare che Loi di Campi nel campo della spazialità e dell’estroflessione appartiene oggi di diritto  e soprattutto in bell’evidenza  […]

  

John Armleder a 360°. L’artista svizzero dal Fluxus al new-geo in una grande mostra al Museo Madre di Napoli.

36091-museo_madre_cortile_ridottorev177397(1)-oriimmagine-portante-mostra-armleder-1getimage.aspxSt. Moritz Art Masters 2011 (c)SAM / Alexandra Pauli

Il Madre di Napoli, uno dei musei più significativi del contemporaneo operante oggi in campo internazionale,  presenta la prima mostra retrospettiva,  aperta fino al 10 settembre, dedicata all’artista svizzero John Armleder (Ginevra, 1948), la cui pratica si articola, a partire dalla metà degli anni Sessanta, fra disegno, pittura, scultura, installazione ambientale, performance, video, opere sonore e musicali, testi critici, progetti editoriali e curatoriali. Armleder è uno dei grandi maestri dell’arte contemporanea, eppure la sua ricerca artistica sembra continuamente orientata a superare il confine disciplinare e intellettuale che separa, o pretende di separare, l’arte dalla vita. La sua appare un’ode alla […]

  

Omaggio a Guido La Regina. Una significativa mostra a Napoli in Castel Sant’Elmo lo incornicia tra i grandi dell’arte italiana.

Mostra-Omaggio-Guido-La-Regina38547OmaggioAVenturiGuidoLaReginaGuidoLaRegina.VeleStudioN.21950GuidoLaRegina.LaCitt1952

A Napoli-Castel Sant’Elmo, nella chiesa di Sant’Erasmo sulla Piazza d’armi, fino al 6 giugno 2018 è il caso di non perdersi  la mostra “Omaggio a Guido La Regina. Colori e geometrie mediterranee“, promossa dal Polo museale della Campania, curata da Anna Imponente, direttore del Polo museale, Anna Maria Romano, direttore del Castello e Simonetta Baroni, storico dell’arte; realizzata in collaborazione con l’associazione Amici di Capodimonte. L’esposizione, scrive Anna Imponente “…è la prima retrospettiva dedicata all’artista nella sua città natale, non ambisce ad essere esaustiva ma per grandi temi esemplificativa e accenna infatti alla sua formazione giovanile napoletana… Si passa poi […]

  

L’occhio filosofico. Una quadreria di nomi dell’arte più all’avanguardia in mostra allo Studio A Arte Invernizzi di Milano.

01_Occhio filosofico 2018_A arte Invernizzi04_Occhio filosofico 2018_A arte Invernizzi06_Occhio filosofico 2018_A arte InvernizziATT105_Occhio filosofico 2018_A arte Invernizzi03_Occhio filosofico 2018_A arte Invernizzi02_Occhio filosofico 2018_A arte Invernizzi

Vede e analizza meglio l’arte l’occhio dello Storico dell’Arte contemporanea, o l’occhio del poeta, o l’occhio  del critico d’arte,  o l’occhio del filosofo? Per la grande lezione che mi porto dietro da decenni e dalla illustre Scuola di Giulio Carlo Argan da cui provengo, rispondo che è meglio l’occhio  dello Storico dell’Arte e soprattutto quello di grande esperienza. Spesse volte nei testi dei filosofi puri ho trovato un giro di parole che non dicono nulla, e dunque testi che non aprono e segnano percorsi  d’arte. Dicono, ma non so cosa, come quel filosofo che ci parlò a suo tempo  di […]

  

TEFAF Maastricht 2018. Aperta la 31.ma edizione della più importante fiera d’arte e antiquariato del mondo.

Entree-Bloemen-LB.1520583259-1520583237-img-6889cardicoverStand341-Valls-LB.(1)20180309_152754-696x522TEFAF-Modern-1000x600tornabuoni-696x522The-Anatomy-Lesson-of-Dr.-Frederik-Ruysch-1670-by-Adriaen-Backer-1635-or-1636-1684.-Amsterdam-Museum.???????????????????????The-Headmen-of-the-Arquebusiers-Civic-Guard-House-1655-by-Bartholomeus-van-der-Helst-1613-1670.-Amsterdam-Museum.The-Headmen-of-the-Longbow-Civic-Guard-House-1653-by-Bartholomeus-van-der-Helst-1613-1670.-Amsterdam-Museum.(1)de-carlo-696x522karsten-greve-696x522vervoordt-696x522van-der-veghe-696x522mazzoleni-696x522sprovieri-696x522

Maastricht 11 marzo 2018.  Sono qui a TEFAF Maastricht 2018, la più importante fiera d’arte e antiquariato del mondo, si fregia di un’offerta d’arte di impareggiabile qualità, grazie alla presenza dei migliori mercanti d’arte ed esperti provenienti da tutto il mondo. TEFAF è una fondazione no profit che si pone come guida esperta sia per i collezionisti privati che per le istituzioni pubbliche del mercato d’arte globale, ispirando compratori ed estimatori di tutto il globo. La trentunesima edizione di TEFAF Maastricht si tiene  al MECC di Maastricht dal 10 al 18 marzo 2018. TEFAF Maastricht  accoglie il ritorno degli espositori […]

  

Dodici artisti 2017 al top, su cui investire. Borsino dell’arte 2017. Qualità e selezione premiano l’arte italiana,da Bonalumi a Loi di Campi, a Paolo Scheggi e Riccardo Guarneri.

Contemporary Art Auction At Sotheby's LondonDLexYcOUMAA0cmc-580x580italian-saleIMG-20171004-WA0018-690x518mimmo-rotella-bellezza-eterna-serigrafia-50x38-cm_02017_CKS_14441_0112_000untitled (2)Armando-Marrocco-9-cubi-vestiti-di-tela-acrilico-su-tela-e-supporto-in-legno-cm.25x28x9-2010104-MODULI-SOMMERSI-BLU-cm-50x467x10-2015-21-e1502992909731Loi-di-Campi-Moduli-sommersi-tecnica-mista-cm.100x100x65-2017-e1511298295839superficie-blu-1979f2df1d2a845c047d5aa8820d14af45378lot_agostino_bonalumi_rosso_christies_milano-271x300MARISA-SETTEMBRINI-LA-X-SPED.-e1506027739879MARISA-SETTEMBRINI-E-COSA-X-SPED.-e1506027675144ico_6634_31-202x300Arioso-grigio-caldo-2008-cm-140x100thumbs_Rosa-rosa-2008-cm-65x60Paolo-Scheggi-Intersuperficie-Blu-–-Opera-6Arturo_Vermi2

                                            Nella competizione delle due case d’asta Christie’s e Sotheby’s, il round dell’Italian Sale 2017 è stato vinto  da  Christie’s, che la sera del 6 ottobre ha venduto opere per un totale di più di 42 milioni di euro (buyer’s premium incluso).  Alla faccia di chi pensa che di cultura non si mangia  -frase detta da un deputato di cui non faccio volutamente il nome- l’arte e la cultura sono invece anche un volàno della società. Vi dirò di più  che  dopo l’asta serale di arte post-war e contemporanea, Jussi Pylkkanen, il global president di Christie’s, ha messo all’incanto i […]

  

Le geometrie di Bruno Querci ricreano lo spazio in bianco-nero. Alla Galleria A arte Invernizzi di Milano, gli ultimi lavori dell’artista italiano.

20_Querci_A_arte_2017Bruno Querci_A arte Invernizzi_2017figura-dello-scuro-senz_88918_Querci_A_arte_201715_Querci_A_arte_2017

Sulle pareti della galleria A arte Invernizzi di Milano, che impagina sempre esposizioni di altissima  ricerca e proposizione di figure di spicco dell’arte internazionale, vive la  mostra personale di Bruno Querci, che lascia leggere  un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavori degli anni Ottanta e opere recenti, mette in luce gli snodi cruciali del percorso creativo dell’artista, quello che intendo chiamare il suo  “spazialismo bicromatico”. Sin dagli albori del suo “fare pittura” Querci, protagonista di quella tendenza artistica che il collega Storico dell’Arte Filiberto Menna definì a metà anni Ottanta come astrazione povera, restituisce sulla superficie delle tele […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019