Ercole e il suo Mito. Alla Reggia di Venaria-Torino la grandiosa mostra sulla figura dell’eroe mitologico greco.

Giant marble athlete male statue, fascist era athlete man italic forum foro Italico Stadio dei Marmi naked athlete athlete01_2903_6211_2908_34Paris,Tuileries garden,France,statue,artStatues of Peterhof23_123aHerkules2607_43

Dal 13 settembre 2018 al 10 marzo 2019, le Sale delle Arti della Reggia di Venaria (Torino) ospitano la mostra “Ercole e il suo mito”. L’esposizione illustra la figura dell’eroe mitologico greco, attraverso un’articolata selezione di oltre 70 opere, tra ritrovamenti archeologici, gioielli, opere d’arte applicata, dipinti e sculture e molto altro, dall’antichità classica al Novecento. La rassegna acquista un particolare significato alla luce dei lavori di restauro in corso della “Fontana d’Ercole”, fulcro del progetto secentesco dei Giardini della Reggia, un tempo dominata dalla Statua dell’Ercole Colosso del 1670. La rassegna, curata da un comitato scientifico presieduto da Friedrich-Wilhelm […]

  

La Tomba del Tuffatore. A Paestum la mostra sulla tomba più famosa della Magna Grecia.

79499-invisibile1662328-028-U46000462894010oNB-U46010309797677W2G-1224x916@CorriereMezzogiorno-Web-Mezzogiorno-593x443imagestomba-tuffatore-paestum-03-665x37520695517233_e27e5993b5_b

Nel cinquantenario della scoperta della Tomba del Tuffatore, il Parco Archeologico di Paestum ha organizzato una mostra che inserisce la tomba più famosa della Magna Grecia in un percorso fatto di materiali archeologici e opere moderne, da Guido Reni a De Chirico. L’obiettivo della mostra, curata dal direttore Gabriel Zuchtriegel, è di “spiegare perché la tomba, oggi come oggi, non si spiega”, come annuncia la guida-catalogo. Gli oggetti archeologici e le opere moderne esposte in mostra raccontano come sin dal Settecento nuovi scavi e scoperte, ma anche correnti artistiche e ideologiche hanno creato il presupposto per una delle controversie più […]

  

A Castro (Le) scoperti nuovi tesori archeologici. Torna alla luce l’altare del tempio della dea Minerva.

tempio minerva 2-23358419_altare_minerva3358419_testa_bronzo_minerva3358419_altare_resti_ossatempio minerva 1-23358419_reperto_appena_trovato3358419_scavi_castro_23358419_altare_minerva_3santa-maria-de-finibusbasilica-santuario-santaleuca

Era l’estate del 2015, quando dagli scavi  archeologici intrapresi a Castro nel Salento leccese, è emersa parte della statua della dea Minerva. Da Castro si gode uno straordinario panorama sul Canale di Otranto che gli antichi chiamavano stoma tou Adriou kolpou (bocca del Golfo adriatico).Tutto lasciava pensare così che ci  sarebbero state nuove scoperte, tracce del passato greco-romano,  proprio continuando a cercare nel sito archeologico. Il tempo ci ha dato ragione, perché il sottosuolo ha regalato una nuova testimonianza. E’ di queste ore l’ufficializzazione del rinvenimento dell’altare attribuibile al tempio di Minerva. Fino a questo momento, l’unico altare monumentale di […]

  

“Palmira” un libro cardine di Nicolò G. Brancato, premiato a Firenze e capolavoro di notizie e documenti. E ad Aquileia una mostra su i “Volti di Palmira”.

3306033image56????????????????????????????????????????????????????????image77imageimage44

Nicolò Giuseppe Brancato, archeologo e studioso di Epigrafia Latina di fama internazionale, ha appena vinto il Premio per l’Archeologia al Premium International Florence Seven Stars 2017 di Firenze per il suo ultimo trattato su “Palmira” pubblicato da Artecom-Roma. Questa la “motivazione: “NICOLO’ BRANCATO. Archeologo  attento e scientificamente preparato in campo internazionale, attivo   nelle campagne di scavo archeologico volte a scoprire e recuperare le memorie bibliche di intere civiltà, ad iniziare da quella romana, Nicolò Brancato  merita il plauso dell’intellettualità  italiana  specie per il suo ultimo trattato su “Palmira” pubblicato da Artecom- Roma”. Per la verità l’illustre studioso, ha speso un’intera […]

  

Pompei e i Greci. Una mostra nella Palestra Grande degli Scavi di Pompei racconta i contatti fra Pompei e il Mediterraneo greco.

pompeigreciguide27a_Afrodite-5345-800-600-8023a_Statua_di_Apollo-5341-800-600-8024_Gioielli-5342-800-600-80Mostra_Pompei_e_i_Greci25a_Rilievo_votivo-5343-800-600-80Enlight19-5349-800-600-80Enlight16-5346-800-600-80

La mostra, curata dal Direttore generale di Pompei Massimo Osanna e da Carlo Rescigno (Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli), è promossa dalla Soprintendenza Pompei con l’organizzazione di Electa. Pompei e i Greci racconta le storie di un incontro,  partendo da una città italica, Pompei, se ne esaminano i frequenti contatti con il Mediterraneo greco. Seguendo artigiani, architetti, stili decorativi, soffermandosi su preziosi oggetti importati ma anche su iscrizioni in greco graffite sui muri della città, si mettono a fuoco le tante anime diverse di una città antica, le sue identità temporanee e instabili.   Sono oltre 600 i […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018