Antonio Dias e la natura dei segni. Una intera collezione con opere minimaliste da oggi in mostra alla Fondazione Marconi di Milano.

180620151150150202201710433318062015115019150420151134070202201710294402022017103006020220171035300202201710300018062015114939

“I quadri di Dias sono volutamente spogli e rigorosi: spesso si presentano come sequenze o iterazioni di un discorso, in quanto ripetono gli stessi elementi grafici, con pochissime variazioni. Sono da afferrare come tracce di una progressione interiore aperta su varie situazioni collettive del momento storico che attraversiamo”;  così scriveva il mio amico e collega Gualtiero Schönenberger  a proposito di  Antonio Dias. Questo luminare dell’arte mondiale lo troviamo attivo a Milano già negli anni Sessanta. Oggi riconosciuto come uno dei principali artisti contemporanei del Brasile, Antonio Dias presentò la sua prima mostra allo Studio Marconi nel 1969, “Anywhere is my […]

  

Finarte dà il via alle aste. Stagione nuova e in crescita per il mercato dell’arte.

d4bc24d2-3fb0-4c30-86ef-519570428a65ed13c73e-4892-4176-aa70-cc5bb80eb6f4Listener

Al via l’asta di Arte Moderna e Contemporanea di Finarte, in programma alla Permanente di Milano mercoledì 9 novembre 2016 (parte I – Arte Moderna – ore 15,30, parte II – Arte Contemporanea e sezione “Figure di donna” ore 18; preview da sabato 5 a martedì 8 novembre ore 10-18, cocktail lunedì 7 novembre ore 18.30, entrambi alla Permanente). Molto appetibile per i collezionisti la tornata di inizio stagione messa  in piedi da Finarte con la sua esperienza e professionalità. Tornata che non è certo da lasciarsi sfuggire, intanto perché ricca di opere e soprattutto di opere di significativa  importanza. […]

  

Remo Salvadori fa dialogare l’opera e il sito che l’accoglie. Un artista italiano a Forlì (Chiesa di San Giacomo) tra geometrie, spazio e tempo.

%20SAL~1

“Nel punto immobile del mondo rotante”, è un progetto che ha incluso più interventi di Remo Salvadori nella chiesa di San Giacomo a Forlì intrecciando un dialogo ideale tra la grande mostra “Piero della Francesca – Indagine su un mito” allestita fino allo scorso giugno ai Musei San Domenico e un artista italiano attivo nel nostro tempo, suggerendo la possibilità che la luce di Piero si estenda oltre i confini temporali in cui si inscrive la mostra -aperta fino al 25 settembre- , dunque anche nel presente. L’identità dell’arte italiana attuale, infatti, è certamente rintracciabile anche in un legame con […]

  

L’Arte Povera in mostra al Pompidou di Parigi. Un movimento che sulla fine degli anni Sessanta rivoluzionò l’arte e l’estetica del bello.

index10index43index8images4images67imagesmerz-igloo-pompidouindex3indeximages44index87

Mi  sono detto, certe mostre non le trovi in Italia  e sei costretto a girare l’Europa per leggerle.  E’ il caso di questa mostra storica  dal titolo “L’Arte Povera, ieri e oggi” che in chiave pluridisciplinare (arte, musica, danza, cinema, performance, architettura e design) si tiene a Parigi  presso il Centre Pompidou fino al 29 agosto, anticipando i festeggiamenti  per  i 50 anni del movimento che ricorrono l’anno prossimo(1967-2017). L’Arte Povera è stata una tendenza artistica che, rifiutando i valori culturali legati a una società organizzata e tecnologicamente avanzata, ha puntato  al recupero dell’azione, del contingente, dell’archetipo come sola possibilità […]

  

CONTEMPORANeapolis. Itinerario d’arte nei luoghi del contemporaneo. Museo Nitsch, Metro Art ANM – Stazioni Toledo e Dante, museo MADRE. Un esempio di come vivere l’arte contemporanea.

indexDaniel-Buren-Axer-Désaxer-Madre-Napoli-2015-courtesy-Fondazione-Donnaregina-per-le-arti-contemporanee-Napoli-photo-©-Amedeo-Benestante-409giu2016InfoMadre1Leperino_The-Other-Myselfbrigataes.cittàlimbo_ridottapf4def-609x1024

Si dibatte da tempo su come vivere e far vivere l’arte contemporanea, su come far vivere i Musei, su come articolare e comunicare gli eventi dell’arte del nostro tempo. Ecco un modo originale, forte, sistemico, mirato, temporale, internazionale, di portarsi attorno e dentro la questione. Napoli e la sua intellettualità, e principalmente il MADRE,  hanno trovato materia e management da “Innovation”. Lunedì 13 giugno, dalle ore 10.00 alle ore 14.00, i Servizi Educativi del MADRE propongono CONTEMPORANeapolis, un itinerario gratuito alla scoperta dei luoghi del contemporaneo disseminati nel centro antico della città di Napoli. Il tour, realizzato in collaborazione con […]

  

La Domus mentis di Valdi Spagnulo in mostra a Milano è proiezione mentale di un mondo che ancora cerchiamo.

La_Domus_di_Persefone_2015La_Domus_di_Zeus_2015Domus_imperfecta_3_2007Domus_Impluvium_2015

                                                    La recentissima mostra dello scultore Valdi Spagnulo a Milano da titolo “Domus mentis” ha lasciato cogliere le ultime ricerche dell’artista sul tema iconografico della “Domus”. Due grandi sculture pensate appositamente per lo spazio, due di medie dimensioni, ancora una serie di carte che rappresentano progetti per opere future, oltre a diverse opere più piccole, chiamate “Reverse”. Ferro, acciaio e plexiglass pigmentato, sono i materiali dominanti, insieme all’ombra che la scultura forma con la luce. Nell’ultima importante mostra personale di Valdi Spagnulo “Sguardi sospesi” tenutasi a Palazzo del Broletto a Como nel 2014,venivano presentati diversi cicli di ricerca tra il […]

  

Pio Monti festeggia i suoi quarant’anni di galleria a Roma con la mostra “Il futuro è passato”. Uno spazio storico per un gallerista storico.

pio-monti

                           La galleria PIOMONTI arte contemporanea presenta la mostra “Il futuro è passato”; il progetto espositivo nasce dall’idea di festeggiare ironicamente l’attività di Pio Monti che aprì il suo primo spazio romano nel 1975, preceduto dalla galleria Artestudio Macerata inaugurata nel 1969. Ricordo bene, benissimo, quegli anni Settanta a Roma e cosa è stata la galleria Pio Monti, io giovane professore di storia dell’arte che con il più illustre professore  e maestro Giulio Carlo Argan di cui ero assistente, abbiamo presenziato a più inaugurazioni mentre seguivamo i nuovi svolgimenti del contemporaneo, e soprattutto dettandone gusti, cadenze, stili e storia in […]

  

Le sculture di Cereda alla Costantini Art Gallery di Milano.Raccontano la nascita del mondo, della vita e i naufragi dell’uomo.

andrea-cereda-il-difetto-originale-costantini-art-gallery1448370588b40939-Installazione_La_parte_sommersa_del_s_andrea-cereda-la-parte-sommera-del-sc3a8-costantini-art-galleryandrea-cereda-work-in-progress

La Costantini Art Gallery ospita per la prima volta nei propri spazi della galleria milanese, la mostra personale di Andrea Cereda. E’ una mostra povera per l’uso di certi materiali, ma ricca per le valenze storiche e filosofiche che vi si narrano. Le sculture di Cereda sono realizzate principalmente con fil di ferro e lastre provenienti da bidoni consunti, scoloriti e arruginiti che a volte subiscono un ulteriore trattamento di combustione, che conferisce alla lamiera un aspetto brunito con insolite e imprevedibili maculazioni cromatiche. In mostra sono presenti due cicli di opere: “Metamorphosis” e “La parte sommersa del se”. Il […]

  

A Parma inaugurato il CSAC, Museo italiano punta di diamante del contemporaneo. Un progetto museale che finalmente compete con i grandi musei del mondo.

paradigna_sede_csac__totale_da_sseper_nl__foto_paolo_rosselli_lightCSACimages5mario_schifano_al_mare_1979imagesghirri-m2antzvhfts2c9vpums66m03i64v089fpqxcr36mpsmateriali CSAC nella Certosa di Paradigna parma.repubblica.itcertosa-CSACSede%20Csac_Standard

Finalmente un Museo coi fiocchi e un museo italiano. E badate bene, questo non a Milano ma a Parma. E già perché a Milano si scimmiotta con il Museo del Novecento in Piazza del Duomo ma a Milano manca ancora un Museo dell’Arte Contemporanea, che esiste già in molti paesi europei. Un museo, il CSAC, voluto grazie all’operosità di un collega quale il prof. Carlo Arturo Quintavalle, Ordinario di Storia dell’Arte presso l’Università di Parma. Finalmente un collega accademico operoso e ben inserito nei meccanismi dell’arte contemporanea. L’Archivio-Museo dello CSAC apre al pubblico sabato 23 maggio nell’Abbazia di Valserena, meglio […]

  

L’Italia ha il Museo della Merda, proprio in concomitanza con l’ EXPO Milano 2015.

feci-opera-artepiero_manzoni_merda_d_artista_d5584257hMuseodellaMerda_okxthe_shit_museum_6_jpg_pagespeed_ic_E_bSItkPL_KMnTTwkkqUxthe_shut_museum_4_jpg_pagespeed_ic_SBI7tqyEOR828lbTVibl

In provincia di Piacenza apre il museo della cacca. Scherzi a parte. Lo hanno chiamato Museo della Merda o The Shit Museum. La città lo presenta come un grande progetto ecologico. Fuorviante pensare di trovare di trovare la cacca al museo. Proviamo a scoprire qualcosa in più su questa novità piuttosto bizzarra. E soprattutto non dimentichiamo che tutto ciò nasce in concomitanza con “Nutrire il Pianeta” il tema dell’EXPO MILANO 2015. D’altronde artisti di chiara fama si sono già cimentati con la merda, da Piero Manzoni nel 1961 con le scatolette “Merda d’Artista” a Paul McCarthy con la merda gonfiabile. […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018