Un capolavoro di A. R. Mengs acquistato dagli Uffizi di Firenze. Oggi in mostra, raffigura Ferdinando e Maria Anna, due dei figli di Pietro Leopoldo di Lorena arciduca d’Austria e di Toscana e di Maria Luisa di Borbone.

35-mengsmaxresdefaultFig. 2Anton-Raphael-Mengs-Ritratto-di-Pietro-Leopoldo-di-Asburgo-Lorena-Granduca-di-Toscana-imperatore-Leopoldo-II-1770-olio-su-tavola-Milano-Pinac_civita_exhibitions_gallery1890 2938Fig. 7Johann-Zoffany-Ritratto-di-Francesco-I-d-Asburgo-Lorena-1775-olio-su-tela-Vienna-Kunsthistorisches-Museum_civita_exhibitions_gallery

Ad appena venti giorni dall’apertura della mostra agli Uffizi dedicata all’acquisto dei due bozzetti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi, le Gallerie degli Uffizi(Sala delle Nicchie) aprono un’altra esposizione per presentare al pubblico un altro prestigioso acquisto effettuato nel 2016: il dipinto di Anton Raphael Mengs (Aussig, 1728 – Roma, 1779) raffigurante Ferdinando e Maria Anna, due dei figli di Pietro Leopoldo di Lorena arciduca d’Austria e di Toscana e di Maria Luisa di Borbone, vestiti in abito contemporaneo e colti in un interno di Palazzo Pitti. La mostra e l’acquisto voluti da  E. D. Schmidt che ha detto, me […]

  

I Porti pugliesi del Re. Dipinti di Jacob Philipp Hackert. Nove grandi opere dell’artista tedesco dalla Reggia di Caserta al Castello di Gallipoli.

174498v2

La Sala Ennagonale del Castello di Gallipoli, in provincia di Lecce, antico maniero salentino,  accoglie   fino al  5 novembre  2017 nove grandi opere dell’artista tedesco, vissuto nel diciottesimo secolo, raffiguranti i porti pugliesi del Regno di Napoli, conservate nelle collezioni della residenza reale più grande al mondo diretta da Mauro Felicori. La mostra “I porti del Re”, presenta nove grandi opere dell’artista tedesco Jacob Philipp Hackert (1737-1807), raffiguranti altrettanti porti pugliesi (Gallipoli, Barletta, Bisceglie, Brindisi, Manfredonia, Monopoli, Otranto, Taranto e Trani) del Regno di Napoli. Le opere furono realizzate su commissione di re Ferdinando IV di Borbone che nella primavera […]

  

Renato Tomassi (1884-1972). Dalle secessioni al realismo magico. Una sorprendente mostra alla Galleria Berardi di Roma.

b4621020-aaf3-4a6b-91bc-5d738bd9248b40574000-7189-4bcb-ad3d-65f0f9de2c2f

Un artista esemplare è stato Renato Tomassi (1884-1972). Ora una bellissima mostra è in corso a Roma alla Galleria Berardi,   che doveva essere  aperta fino al 10 giugno,  ma  ora è stata prolungata fino a luglio per il successo  e l’interesse  verso un nome tutto da riscoprire.  Autodidatta, scrupoloso osservatore e abile disegnatore, ritrattista di successo dei membri della colonia tedesca residente nella Capitale, Renato Tomassi ha rappresentato la personalità che meglio di ogni altra ha incarnato la passione per la cultura secessionista mitteleuropea che contraddistinse la Roma del primo Novecento. Considerato il principale seguace romano dei tedeschi Otto Greiner […]

  

Michael Rögler e il colore. Opere dagli anni Sessanta a oggi in mostra a Milano da Progettoarte elm.

IMG_0991Rid_091726IMG_4323_K713rid_094223

È questa la prima mostra che Progettoarte elm- Milano dedica all’artista tedesco Michael Rögler (Mainz 1940). La rassegna presenta circa venti opere che coprono tutto il suo percorso con una particolare focalizzazione tra gli anni Settanta e Novanta del ‘900. Il suo è un cammino complesso, segnato dallo studio e dalla conoscenza della storia dell’arte. La sua partenza dal colore tra la fine dei Cinquanta e l’inizio dei Sessanta, si attenua nel momento in cui si avvicina alle esperienze del gruppo Zero, alla metà dei Sessanta. Ma presto l’interesse nei confronti del colore e delle sue espressioni torna portante nella sua […]

  

Gli Eroi di Georg Baselitz al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Il dramma della guerra e dell’ideologia in capolavori del Novecento.

Georg-Baselitz-al-Palazzo-delle-Esposizioni-630x420Georg-Baselitz.-Glie-Eroi-Palazzo-delle-Espsizioni-Roma-2017-veduta-della-mostra-12-696x464Georg-Baselitz.-Glie-Eroi-Palazzo-delle-Espsizioni-Roma-2017-veduta-della-mostra-8Georg-Beselitz-6-336x420Georg-Beselitz-8-317x420

Soldati, Pastori, Ribelli, Partigiani, Pittori, Pittori moderni, Rossi, Bianchi sono gli Eroi e i Nuovi tipi dipinti da Georg Baselitz tra il 1965 e il 1966 in completa solitudine e immerso in un vero e proprio furore espressivo. Per la prima volta una grande mostra monografica a Roma al Palazzo delle Esposizioni, fino al 18 giugno 2017  riunisce un cospicuo numero di questi dipinti considerati una sorta di manifesto della pittura di Baselitz e una pietra miliare della storia dell’arte contemporanea. Cresciuto nella Germania Democratica e trasferitosi nella Germania Federale prima della costruzione del Muro di Berlino, l’artista lavorò a […]

  

V Centenario luterano 1517-2017. Convegno e mostra a Roma alla Casanatense.

c8c362d9da6e46d819d723bcff297f501f441e

Torno da Roma dove ho partecipato al Convegno  organizzato dall’Istituto Storico Germanico di Roma  per ricordare il V Centenario luterano 1517-2017. Tre giornate di studio e relazioni che hanno riunito studiosi e storici di piano internazionale. Il convegno si è aperto mercoledì 22 febbraio presso l’Istituto Storico Germanico di Roma, mentre è proseguito Giovedì 23 e Venerdì 24 febbraio 2017 presso la Biblioteca Casanatense. In occasione del cinquecentesimo anniversario dell’anno in cui, secondo la tradizione, furono affisse le 95 tesi di Lutero sul portone della chiesa del castello di Wittenberg, ecco quindi a Roma (22-24 febbraio 2017) un convegno internazionale […]

  

Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco.Il pittore fiammingo che amò l’Italia in mostra a Palazzo Reale a Milano.

5f6f4ad06e237c19c1d13e41df9fce235e9b2f656025-0205ae28592704ec4523f3f668751fa5ce_L03__1_-2812-800-600-80398B380404__1_-2813-800-600-80

A  Palazzo Reale a Milano vive sorprendentemente la bellissima  mostra di Pietro Paolo Rubens (Siegen 1577 – Anversa 1640), artista  di chiarissima fama e figura di spicco per la storia dell’arte europea. E’ pur vero che Rubens sia ancora oggi poco  conosciuto in Italia, tanto che spesso, anzi spessissimo,  lo si considera pittore  “fiammingo”, ed è ancor più vero che abbia  soggiornato  nella penisola dal 1600 al 1608 lasciando tracce indimenticabili  nella sua pittura proprio a seguito di tale  permanenza in Italia.   L’ esposizione, patrocinata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo è promossa e […]

  

Altolà di Firenze a Jan Fabre. L’artista tedesco dissemina vermi e animali morti nella culla del Rinascimento Italiano.

Jan-Fabre-Firenze-2016-24Jan-Fabre-Firenze-2016-38-150x150Jan-Fabre-Firenze-2016-23Jan-Fabre-Firenze-2016-04-150x150Jan-Fabre-Firenze-2016-08-150x150image1Jan-Fabre-Firenze-2016-35Jan-Fabre-Firenze-2016-26

                    Vento forza 12. Tempesta su Firenze e sul sindaco Nardella. La scatena la presenza dell’artista Jan Fabre( notizia ripresa http://www.ilcovile.it)con la mostra inaugurata  in tre siti (Piazza della Signoria, Palazzo Vecchio e Forte di Belvedere) e la performance nella notte  tra  venerdì  22 e sabato  23 aprile  2016. La performance ripresa dalle telecamere  ha simulato il movimento di un verme  di fronte ai grandi  capolavori in Piazza della Signoria. Performance disgustosa  che dice tutto e niente, pietosa e impietosa fra le opere dei grandi del Rinascimento. E come storico presente […]

  

La storia dell’omosessualità al Deutsches Historisches Museum di Berlino. Emarginazione e provocazione tingono l’arte del XX secolo.

PaaE_Homosexuality_ies_1PaaE_Homosexuality_ies_7PaaE_Homosexuality_ies_8PaaE_Homosexuality_ies_12

“Homosexuality ies” è la mostra presso il Deutsches Historisches Museum e Schwules Museum (stilizzata come Schwules Museo) di Berlino. L’esposizione multi-sede ripercorre la storia di omosessuali e di identità queer nel corso degli ultimi 150 anni; anzi si possono ritrovare tutti gli elementi di una storia -storica e scientifica- fino ad oggi mai raccontata. La sezione del Museo Deutsches Historisches si concentra su momenti di svolta nella liberazione gay all’interno dello stato tedesco, occupandosi dalla “Constitutio Criminalis Carolina” del 1532 che condannava al rogo i colpevoli di atti contro natura”, alla lettera del 1868 in cui per la prima volta […]

  

Gli artisti tedeschi della Biennale di Venezia cancellano il nome della loro patria e solidarizzano con la Grecia.

german-pavilion-greece

“Germoney”. Una bandiera greca, con questa scritta in carattere “greco”, ma i soldi sono quelli che la ricca Germania prenderà dai poveri abitanti del Peloponneso. Stavolta a scendere in piazza contro le misure di austerità e l’allucinante terzo prestito, sono gli artisti del padiglione tedesco alla Biennale di Venezia: Jasmina Metwaly, Olaf Nicolai, Philip Rizk, Hito Steyerl, e Tobias Zielony, insieme a un numero di dipendenti della Biennale, hanno appeso la bandiera sopra l’ingresso del padiglione tedesco, coprendo il nome “Germania”. Il messaggio è stato presto svelato tramite la pagina facebook di uno degli artisti, vale a dire Hito Steyerl: […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018