Capriccio e Natura, l’Arte nelle Marche del secondo Cinquecento. Nei musei Civici di Macerata la bellezza nei secoli d’oro dell’arte tra ‘500 e ‘600.

imagemailimmagini.quotidiano.net884cad6af2-418d-49c0-95f8-8be4560f3b8fimmagini.quotidiano.net 12immagini.quotidiano.netimmagini.quotidiano.net7immagini.quotidiano.net79immagini.quotidiano.net09immagini.quotidiano.net6

Ecco una mostra di rilievo, italiana, che affronta l’arte fra secoli d’oro; ha per titolo “La mostra Capriccio e Natura: Arte nelle Marche del secondo Cinquecento. Percorsi di rinascita”, coglie l’occasione del temporaneo trasferimento ai Musei civici di Palazzo Buonaccorsi a Macerata dei dipinti della Chiesa di Santa Maria delle Vergini a Macerata per un ripensamento completo di quel cantiere e del suo ruolo nello svolgere artistico nelle Marche alla fine del XVI secolo. Dallo straordinario punto di osservazione maceratese la visuale si apre poi ad abbracciare la pluralità affascinante di presenze artistiche nell’intera regione fra Cinque e Seicento, illuminando […]

  

“Palmira” un libro cardine di Nicolò G. Brancato, premiato a Firenze e capolavoro di notizie e documenti. E ad Aquileia una mostra su i “Volti di Palmira”.

3306033image56????????????????????????????????????????????????????????image77imageimage44

Nicolò Giuseppe Brancato, archeologo e studioso di Epigrafia Latina di fama internazionale, ha appena vinto il Premio per l’Archeologia al Premium International Florence Seven Stars 2017 di Firenze per il suo ultimo trattato su “Palmira” pubblicato da Artecom-Roma. Questa la “motivazione: “NICOLO’ BRANCATO. Archeologo  attento e scientificamente preparato in campo internazionale, attivo   nelle campagne di scavo archeologico volte a scoprire e recuperare le memorie bibliche di intere civiltà, ad iniziare da quella romana, Nicolò Brancato  merita il plauso dell’intellettualità  italiana  specie per il suo ultimo trattato su “Palmira” pubblicato da Artecom- Roma”. Per la verità l’illustre studioso, ha speso un’intera […]

  

Bruciato il sito archeologico di Villa Faragola ad Ascoli Satriano nel Foggiano.

rogo-foggiano-sito-archeologicoimage2-e1487777859912b35689b8-e852-4971-999b-b544b7e5d195_large7bbce169-369d-4eb3-8f8f-37b8aaea4ddf_medium00311e99-a8ce-4570-a638-bb17322e896c_largea49d0440-98e8-4f69-ae69-c9849259f1b2_large095127309-cd7fedaf-7567-4b93-8b2b-91f8db2b51e917987e3a-eeb1-43a2-807f-ac4b808e81ed_large21427476_10214060155128113_2798900324698074763_o

E’  ancora il Patrimonio archeologico italiano a soffrire e ad essere oltraggiato, perché qualche giorno fa è andata a fuoco  -meglio dire data alle fiamme- la  copertura in legno di Villa Faragola, sito importante di scavi in quel di Ascoli Satriano in provincia di Foggia. Nulla ancora si sa dalle indagini subito avviate  anche perché  nella zona archeologica non ci sono telecamere di sorveglianza.  L’archeologo Giuliano Volpe  presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e Paesaggistici del Mibact  è certo della pista dolosa e scrive di un quadro archeologico da fine del mondo, per i “mosaici danneggiati irrimediabilmente, di marmi […]

  

David Hockney. 82 Ritratti e una Natura Morta a Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna presentata a Venezia in prima assoluta.

67005-David_Hockney_Barry_Humphries_David_Hockney_Ph_credit_Richard_Schmidt67007-David-Hockney_-Celia-Birtwell-_-David-Hockney_-Ph_-credit-Richard-Schmidt67025-David-Hockney_-Jacob-Rothschild_-_-David-Hockney-Ph-credit-Richard-Schmidt67021-David-Hockney_-Rufus-Hale-_-David-Hockney_-Ph_-credit-Richard-Schmidt67011-David-Hockney_-David-Juda-_-David-Hockney_-Ph_-credit-Richard-Schmidt

David Hockney è tra i più noti e affermati artisti contemporanei. Inglese di nascita ma californiano d’adozione si forma al Royal College of Art di Londra tra il 1957 e il 1962 e dalla sua partecipazione nel 1960 alla mostra londinese Young Contemporaries alla Whitechapel Art Gallery viene catapultato sotto i riflettori sia in Inghilterra che, nel giro di pochi anni, in America. Dal 1964 si trasferisce a Los Angeles, dove traduce l’atmosfera della vita americana in opere famosissime dalle campiture sature dell’abbagliante luce californiana. L’elemento figurale riveste sempre nella sua produzione un ruolo cardine, declinato nei generi del ritratto […]

  

Nuova scoperta a Pompei. Alla luce, fra i mille tesori archeologici, riemerge tomba monumentale con epigrafe più lunga mai ritrovata.

pompei-nasconde-tesori-alla-luce-tomba-monumentale-epigrafe-lunga-ritrovata-2

Dopo 2000 anni, Pompei è per l’Italia  una fortezza inesplorata e un preziosissimo diamante di valore inestimabile. Ancora oggi sorprende a non finire. L’antica città, probabilmente fondata intorno al IX Secolo a.C. e al suo massimo splendore in epoca romana, venne seppellita, insieme a Ercolano, Stabia e Oplonti, da strati di cenere e lapilli portati dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.. I primi scavi sistematici iniziarono nel XVIII Secolo, per volere di Carlo III di Borbone ma molte testimonianze rimangono sepolte ancora oggi.  Ora veniamo a quest’ultima scoperta. In queste ore, nell’ambito delle attività di scavo connesse alla ristrutturazione degli […]

  

L’Arma dei Carabinieri e il suo Nucleo Tutela Patrimonio Culturale hanno ritrovato un prezioso ovale di una pala d’altare del 1700, trafugata dal 1992 in Campania.

6350madonna-con-bambino-tramonti-696x522quadro-originario-tramonti-chiesa-geteb(71)

Encomiabile il  prezioso lavoro dell’Arma dei Carabinieri e  del suo Nucleo Tutela Patrimonio Culturale -che è doveroso ringraziare- perché a  poche settimane dalla pubblicazione del “Bollettino delle opere in Ostaggio”, che ha fatto registrare buoni progressi nel numero di pezzi d’arte e d’antiquariato ritrovati, ancora buone notizie dal Nucleo Tutela Patrimonio culturale. Notizie che arrivano  questa volta dalla Campania, dal Comando locale  del Nucleo Tutela Patrimonio  Regione Campania.  I carabinieri hanno infatti ritrovato un ovale risalente al ‘700 che, in realtà, faceva parte della pala d’altare della Chiesa di San Michele a Gete, in provincia di Salerno, trafugata nel 1992. […]

  

La Via Appia Antica riemerge alle porte di Roma, è un tratto della famosa strada romana in perfetto stato di conservazione.

60483-APPIA_09023416d7f77a8b34f2537316395dcf

                                                                                                                        Un tratto dell’Appia Antica rimasto sepolto per più di 1500 anni all’altezza di Marino, nell’area dei Castelli Romani, è tornato alla luce. A seguito dei lavori di costruzione di un fast food, questo preziosa struttura viaria è comparsa con meraviglia di tutti per il perfetto stato di conservazione e, dunque, è stata restituita al pubblico dopo un intervento di restauro. Sui 45 metri di basolato, delimitato da muretti in pietra e canali per lo scolo dell’acqua, sono ancora visibili i segni del passaggio dei carri romani. E ancora sorprese gli archeologi in quanto sono state rinvenute delle sepolture […]

  

Scoperto l’Acquedotto più antico di Roma. I grandi capolavori dell’architettura civile romana, straordinari esempi per il nostro tempo.

62677-0K8A0903

Sensazionale scoperta, oltrechè stupenda e straordinaria, una pagina archeologica che riporta in vita,  fa riaffiorare  dalle viscere delle terra in seguito a scavi nella capitale, un tratto di architettura civile di epoca romana, vecchio ben 2300 anni.   Si pensa possa appartenere a un tratto dell’Aqua Appia, l’acquedotto più antico della città, risalente al 312 a.C.  I resti  sono affiorati  sotto piazza Celimontana durante gli scavi per la realizzazione della linea C della metropolitana romana. E non c’è solo questo, perché  poco più in basso del tratto dell’acquedotto è stata  rinvenuta anche  una tomba risalente all’età del ferro con tanto di […]

  

Il Forte di Monte Ricco riaperto dopo un secolo di abbandono. Una perla architettonica, storica e culturale della terra cadorina, nella regione dolomitica.

unspecified47_Facciata-del-Forte-illuminata-a-notte_Foto-Giacomo-De-Donà-1024x6818_Fossato_Foto-Giacomo-De-Donà-300x1993_Copertura-e-corte-interna-del-Forte_Foto-Giacomo-De-Donà-1024x700300x204x1_Il-Forte-di-Monte-Ricco-prima-del-restauro_Foto-del-Comune-di-Pieve-di-Cadore_1000-300x204.png.pagespeed.ic.nxCDXGXCRHunspecified1unspecified6unspecified7

I titoli attribuiti al Comune di Pieve di Cadore di Città veneta della cultura 2004 e di Città murata non fanno che confermare la sua vocazione culturale e il suo patrimonio storico sul quale predomina la presenza di Tiziano Vecellio. L’altura di Monte Ricco fin dall’epoca romana è stata legata e ha determinato lo sviluppo dell’abitato sottostante, con il suo castello prima e poi con il sistema dei due forti ottocenteschi: Batteria Castello e Monte Ricco. Ora, dopo un secolo di abbandono nella consapevolezza che la valorizzazione del proprio patrimonio culturale costituisca un modello di economia del turismo, la sommità […]

  

Un capolavoro ad Alessano-Le da restaurare. Parte la raccolta di aiuti per il restauro della Pala d’altare della Chiesa del Convento dei Frati Cappuccini di Alessano. Occorre salvare un capolavoro ligneo del ‘600 in forte degrado.

2262_chiesa_e_convento_dei_frati_cappuccini_di_alessano_thbSalviamo la pala d'altare dei Cappuccini-Alessano_clip_image006Salviamo la pala d'altare dei Cappuccini-Alessano_clip_image008 (2)

ALESSANO-LECCE.  E’ partito un appello per raccogliere fondi per il restauro della Pala d’Altare della Chiesa dei Cappuccini ad Alessano.  Questo anche grazie a  un video postato su YouTube e realizzato dal regista salentino Edoardo Winspeare insieme a Fra Francesco Monticchio, padre Guardiano del Convento dei Cappuccini di Alessano. Ecco la lettera che Padre  Monticchio ha mandato al Salento e all’ Italia tutta.  “Carissimo Amico,  i frati Cappuccini insieme alla Fraternità Francescana e alla comunità tutta di Alessano, stanno vivendo con ansia lo stato di degrado della pala d’Altare della Chiesa dei Frati Cappuccini. E’ una pietra preziosa che si […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018