Capriccio e Natura, l’Arte nelle Marche del secondo Cinquecento. Nei musei Civici di Macerata la bellezza nei secoli d’oro dell’arte tra ‘500 e ‘600.

imagemailimmagini.quotidiano.net884cad6af2-418d-49c0-95f8-8be4560f3b8fimmagini.quotidiano.net 12immagini.quotidiano.netimmagini.quotidiano.net7immagini.quotidiano.net79immagini.quotidiano.net09immagini.quotidiano.net6

Ecco una mostra di rilievo, italiana, che affronta l’arte fra secoli d’oro; ha per titolo “La mostra Capriccio e Natura: Arte nelle Marche del secondo Cinquecento. Percorsi di rinascita”, coglie l’occasione del temporaneo trasferimento ai Musei civici di Palazzo Buonaccorsi a Macerata dei dipinti della Chiesa di Santa Maria delle Vergini a Macerata per un ripensamento completo di quel cantiere e del suo ruolo nello svolgere artistico nelle Marche alla fine del XVI secolo. Dallo straordinario punto di osservazione maceratese la visuale si apre poi ad abbracciare la pluralità affascinante di presenze artistiche nell’intera regione fra Cinque e Seicento, illuminando […]

  

Asmara, la Piccola Roma eritrea è Patrimonio dell’Umanità Unesco. Uno schiaffo alla legge sul fascismo di E. Fiano (PD) e compagni.

Asmaraasmara-fiat-taglieroasmara-nostra-signora-del-rosarioAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmara

Il riconoscimento all’ architettura ereditata dal colonialismo italiano  ha fatto dichiarare Asmara,  la Piccola Roma eritrea,  Patrimonio dell’Umanità Unesco. E naturalmente ciò è uno schiaffo sonoro all’operato del deputato Pd Emanuele Fiano detto “lele”e alla Presidente della Camera Laura Boldrini(SEL) che in questi giorni stanno dando fiato alla legge contro il fascismo.  Ad Asmara, in Eritrea, il tempo pare si sia fermato al Ventennio fascista.  Per la verità sono stato varie volte ad Asmara e a Massaua sui luoghi dove è vissuto mio padre che è stato Ufficiale della Regia Guardia di Finanza proprio  nel ventennio fascista.Primo centro di colonizzazione […]

  

Capolavori del Sassoferrato, dal Louvre a San Pietro. La collezione riunita. Torna a casa l’Immacolata Concezione, capolavoro del Salvi.

sassoferrato-annunciazioneimages44sassoferrato-trasporto-cristosgarbi-2small55smallsassoferrato-santa-caterina-e-gesu-300x258small77sassoferrato-santa-barbara-150x150sassoferrato-santa-apollonia-150x150DSC5296-Betsabea-150x150

Dopo più di due secoli torna a casa L’Immacolata Concezione, capolavoro di Giovan Battista Salvi detto il Sassoferrato. La magnifica pala, oggi nel Museo del Louvre, venne trasferita in Francia da Dominique-Vivant Denon, direttore del Musée Napoleon; da allora non è più rientrata in Italia. Era tra i tesori della millenaria abbazia benedettina di San Pietro a Perugia. A ottenere il rientro dell’opera, naturalmente temporaneo, è stata la Fondazione per l’Istruzione Agraria, presieduta dal Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, professor Franco Moriconi. L’ Immacolata Concezione del Louvre è ora  esposta accanto a una quarantina di dipinti, in parte […]

  

Magister Giotto. Mostra per i 750 della nascita del maestro dell’arte italiana tardo-medioevale.

65405-Quadro-6-Lincontro-tra-Gioacchino-e-Anna-alla-Porta-dOro_

                                                                                                                        La grande mostra multimediale MAGISTER GIOTTO, in occasione delle Celebrazioni dei 750 anni dalla nascita, GIOTTO (Colle di Vespignano 1267 – Firenze 1337) è la prima delle tre esposizioni che compongono la trilogia MAGISTER – annualmente dedicate a grandi Maestri dell’arte italiana: GIOTTO (tardo Medioevo), CANOVA (Neoclassico, estate 2018) e RAFFAELLO (Rinascimento, estate 2019) – e viene presentata negli spazi della monumentale Scuola Grande della Misericordia di Venezia fino al 5 novembre 2017. Il progetto espositivo – di alto rigore scientifico e impegno scenografico e filmico – fa parte del format MAGISTER – prodotto da Cose Belle d’Italia Media Entertainment  […]

  

41a Sessione Comitato Patrimonio Mondiale – Cracovia 2-12 luglio 2017 Stato di conservazione del Sito“Venezia e la sua laguna”.

c0878a5b61e4ffcdc2880cab0ca1667b-k42F-U11003524978807skF-1024x576@LaStampa.it

                                                         Il Comitato del Patrimonio Mondiale, riunito a Cracovia per la sua 41aSessione, ha adottato la Decisione  sullo  stato di conservazione del sito “Venezia e la sua laguna”. Durante la 41ma sessione del Comitato i rappresentanti dei 21 Paesi membri e gli osservatori da oltre 170 nazioni che hanno aderito alla Convenzione Unesco sul Patrimonio dell’umanità a carattere culturale e naturale, discuteranno delle politiche generali e dei progressi nella realizzazione della Convenzione adottata nel 1972. È proprio il Comitato che decide in merito all’annovero dei nuovi siti di interesse generale. In quel campo l’Italia, con i 51 siti Unesco, detiene […]

  

Il Papa Re e lo Ius Soli. Bergoglio, Galantino e Becciu in prima fila a far politica. Vogliono l’Italistan.

1439646176381_jpg--monsignor_galantino__chi_e_il_1498057151541.jpg--papa_francesco718b35c4316e886f6f1c56ad84474e10-km5C--835x437@IlSole24Ore-Web1497947083-olycom-20170609183336-23403524Vescovo-Galantino-378x27801INT07G01_01_01-ks3E-U43300991084705dME-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Di questa Chiesa santa, cattolica, apostolica e romana che pontifica invece che santificare  non se ne può più. “Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio” disse Cristo alla folla che lo seguiva e ai suoi apostoli; ripeto disse e in modo chiaro Cristo, ma la  Chiesa, anzi questa Chiesa,  ne ha ormai abbandonato  l’insegnamento.   E’ da tempo  che la Chiesa cattolica vede i  suoi luoghi di culto  ormai vuoti o frequentati da poche  vecchine, i matrimoni religiosi  scomparsi, i battesimi  tasso zero, la religione cristiana abbandonata dall’intera Europa. E sapete perché?  […]

  

Il destino del Papa russo. Papa Metodio è il perno del nuovo romanzo di Mauro Mazza. Il futuro della Chiesa di Roma.

Il-destino-del-papa-russo-di-Mauro-Mazza180px-Bernini_Baldachinobasilica_di_san_pietro_rome_-_26771180px-StPetersDomePDspietro

Papi italiani, poi un Papa polacco, poi un Papa tedesco , poi un Papa argentino.  Adesso toccherebbe a un Papa russo   reggere la Chiesa Cattolica Romana. E forse in pieno si svelerebbe quella parte del Segreto di Fatima che vuole la Russia consacrata al Cuore Immacolato di Maria.  Solo dopo questo passaggio  e dopo la resa dell’Islam  schiacciato in più parti del mondo  si potrebbe dare avvio a un periodo di  vera pace. Sappiamo che a giorni il Papa argentino farà un  Concistorio per l’elezione di nuovi cinque cardinali. La cosa più avveniristica -e non troppo-  è la previsione di […]

  

Mostra sulla Menorah a Roma tra Musei Vaticani e Museo Ebraico.

1280px-Fra-titusbuen-740x493

La mostra dal titolo “Menorah. Culto, storia e vita”, storica, religiosa, millenaria, identitaria, e così potrei continuare con altri aggettivi,  vive come progetto comune presentato dalle due istituzioni romane dei Musei Vaticani “Braccio di Carlo Magno” e del Museo Ebraico di Roma. La storia della Menorah — il candelabro a sette bracci, simbolo d’identità per il popolo ebraico — è raccontata attraverso un percorso ricco di circa 150 opere d’arte: sculture, dipinti, manoscritti e illustrazioni. Direttore della mostra è  sia  lo storico dell’arte Francesco Leone, che Arnold Nesselrath, delegato per i dipartimenti scientifici e laboratori di restauro dei Musei Vaticani. […]

  

L’Olocausto dei Cristiani. Il Cristianesimo è la religione più perseguitata al mondo.

0946fc43images6688imagesmosulchiesaimages88images44

Papa Francesco  da Roma parla di  “terza guerra mondiale a pezzetti”, sarebbe ancor meglio dicesse  che il Cristianesimo è la religione più perseguitata al mondo. E sarebbe ancor più preciso dire che c’è in atto un Olocausto a pezzetti. Notizie e conferme in tal senso ci vengono dal Center for Study of Global  Christianity  fondato alla fine degli anni Cinquanta presso il Gordon-Conwell Theological Seminary di Hamilton, nel Massachussetts. Basti pensare che il rapporto si sofferma sui dodici mesi trascorsi del 2016  con la quota annua rispettata, ossia  di 90 mila battezzati uccisi a causa della loro fede, al ritmo […]

  

La democrazia in Italia è morta, ma il vescovo Galantino sulla scia del sindacalista Giuseppe Di Vittorio rimbrotta e dà lezioni ai politici italiani.

untitled12ar_image_168_lindex487e971283e2435f9c15e9c995919096-kmjh--390x180@ilsecoloxixweb_265x122

Mi chiedo spesso, ma in Italia c’è ancora la democrazia?  Non è una domanda retorica, è un interrogarsi giornaliero alla luce  di quel che succede e ci naviga attorno. Classe dirigente incapace e in molti casi anche disonesta, parlamentari  non eletti dai cittadini, sovranità ceduta all’Europa, una moneta che non vale nulla,  burocrazia asfissiante che morde -anzi azzanna- e non perdona, l’opinione pubblica  che scarica su nemici esterni( Isis, immigrati, europa, tedeschi,ecc.)  ansie e drammi che ci scivolano in testa,  competenze settoriali in declino  e  corrodono città, regioni, ministeri, aziende pubbliche, ospedali ed anche musei. La parola cultura è divenuta  […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018