Adrian Paci con “Interregnum” punta il dito sulle dittature comuniste. L’artista albanese incendia la storia al Centro Pecci per l’arte contemporanea di Prato.

103749-Schermata_2019-06-07_alle_09_03_5020-dsc01196-ph.oknostudio-perweb10-dsc02353-ph.oknostudio-perweb04-dsc02327-ph.oknostudio-perweb

La video installazione Interregnum di Adrian Paci (Scutari, 1969) è stata scelta per il dialogo che instaura con la mostra The Missing Planet, una ricognizione dell’arte post sovietica a partire dalla collezione del Centro Pecci; è visitabile fino al 23 agosto 2020 al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci. Interregnum (2017) presenta un montaggio di sequenze di funerali di dittatori comunisti di diverse nazionalità ed epoche, recuperate dagli archivi di stato o dalle trasmissioni televisive albanesi. Il video collega diverse realtà comuniste attraverso il linguaggio condiviso del dolore e del lutto. Interregnum mostra dapprima uomini, donne, bambini ripresi in primo […]

  

L’Universo naturale di Giovanna Garzoni resuscita Palazzo Pitti a Firenze. 100 opere della pittrice barocca amica di Artemisia Gentileschi.

IMG_6916IMG_6910IMG_6917(1)Palazzo PittiIMG_6842(1)IMG_6832IMG_6830

100 opere per la prima grande mostra dedicata alla pittrice barocca amica di Artemisia Gentileschi, è  così che torna alla vita la reggia granducale fiorentina dopo il lockdownche ha imprigionato l’Italia. Il direttore Eike Schmidt: “l’arte della Garzoni sancisce la rinascita della Reggia dei Granduchi dopo un lungo momento di buio e silenzio”.  Fiori, piante e conchiglie esotiche, strani insetti, animali dall’espressività quasi umana: le forme e la poesia della natura sono protagoniste della mostra “La grandezza dell’universo nell’arte di Giovanna Garzoni” accolta negli spazi dell’Andito degli Angiolini dal 28 maggio al 28 giugno 2020. Con questa grande rassegna – […]

  

L’ultima Nanda Vigo in mostra al MACTE di Termoli. Grandioso evento dell’artista della luce italiana, appena scomparsa.

Nanda-Vigo-foto-Ilaria-DefilippoIl-MACTE-di-Termoli-riapre-con-la-mostra-di-NANDA-VIGO-e-la-ricorda-1Il-MACTE-di-Termoli-riapre-con-la-mostra-di-NANDA-VIGO-e-la-ricorda-2-1024x683Il-MACTE-di-Termoli-riapre-con-la-mostra-di-NANDA-VIGO-e-la-ricorda-3-1024x683

                                                                                                                                                                                                                   Il Museo MACTE -Museo di Arte Contemporanea di Termoli-riapre la mostra  NANDA VIGO LIGHT PROJECT 2020, realizzata in collaborazione con l’Archivio Nanda Vigo inaugurata lo scorso 29 febbraio, chiusa subito dopo.E’ per l’appunto    ultimo progetto espositivo realizzato dall’artista in prima persona, ora visitabile fino al 13 settembre 2020. Nata a Milano, la Vigo aveva fuso nel suo lavoro l’arte, il design e l’architettura. Legata a Lucio Fontana e Piero Manzoni, alla concezione di design immaginato da Alessandro Mendini. Ripercorrendo alcuni punti salienti della ricerca di Nanda Vigo dagli anni Settanta a oggi, la mostra celebra una delle figure italiane […]

  

Chiara Dynys e il nostro tempo. Inscena i suoi libri di vetro alla galleria Building Box di Milano.

IMG20200428122601821_560103625-da_Testaccio_-_Enlightening_Books_-_2019_-_Vetro_sabbiato_dimerato_e_dipinto_a_mano_-_Dimensioni_ambiente_misura_variabile_28_1_CHIARA-DYNYS_coverSchermata-2020-05-22-alle-01.53.05-1280x720libri_vetro-3

A Milano i libri di vetro di Chiara Dynys in mostra alla galleria Building Box: “Anche loro sono simbolo di questo periodo”. Centosedici volumi realizzati in vetro, con uno speciale impianto di illuminazione che li rende visibili h24 dalla vetrina della galleria Building Box, in via Monte di Pietà 23, a Milano, installazione visibile fino al 21 giugno 2020.  È l’opera dell’artista Chiara Dynys per ricordare i libri, compagni della quarantena di molte persone durante i due mesi di lockdown dovuti al Covid. “Ci hanno tenuto compagnia in questo periodo di lontananza forzata – spiega l’artista – Ma sono stati anche […]

  

Artisti siciliani da Pirandello a Guccione. La Scuola Siciliana del Novecento in mostra al Convitto delle Arti Noto Museum di Noto-Siracusa.

noto-e1580988703230Da-sinistra-scultura-di-Piero-Consagra-Franco-Polizzi-Giovanni-La-Cognata-e-Piero-Guccione99163-Ragazzi_seduti_Pina_Cal_1934indexnovecentoNoto_4-620x388unnamed

Riapre  al pubblico la mostra “Novecento – Da Pirandello a Guccione – Artisti di Sicilia”, ospitata al Convitto delle Arti – Noto Museum di Noto e curata da Vittorio Sgarbi, visitabile fino al 30 ottobre 2020; esposizione  che vive sotto il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, della Regione Siciliana e del Comune di Noto,  prodotta da Mediatica ed organizzata da Sicilia Musei. Noto poi è la cittadina conosciuta  come la Capitale del Barocco.  Quando, nel 2003, il collega Vittorio Sgarbi scandagliava con occhio attento e curioso il patrimonio pittorico e scultoreo italiano nella “ricerca di un’identità” artistica nazionale, vi […]

  

James Tissot un cronista della Belle Epoque in mostra al Museo d’Orsay di Parigi.

20100306013338!Edgar_Degas_-_Portrait_of_James_Tissot90-590x439thm_OktoberN04847images125067547_o359px-James_Tissot_-_Still_on_Top_-_Google_Art_ProjectJames_Tissot_-_The_BallA1MSUd-X56L

Nato a Nantes, formatosi all’Ecole des Beaux-Arts di Parigi e attivo da entrambi i lati della Manica, Jacques Joseph Tissot, detto James,  è un artista fondamentale della seconda metà dell’Ottocento, ambiguo e al contempo affascinante. Pur essendo regolarmente rappresentato nelle mostre dedicate al suddetto periodo storico, questa retrospettiva è la prima consacratagli a Parigi dopo quella organizzata al Petit Palais nel 1985. Alla fine degli anni ’50 dell’Ottocento, Tissot muove i primi passi nella capitale francese, dove la sua pittura è alimentata dalla passione per l’arte giapponese e dalla frequentazione degli ambienti artistici più influenti. Nel crogiolo parigino, in un’epoca in […]

  

L’Italia del socialismo reale voluto dal Presidente del Consiglio Conte. Il sogno di Togliatti diventato realtà.

230107989-80916f74-42fa-406b-b1bd-4be2bf1e9964CORONAVIRUS-GEN-4-ARTICOLO-638x425220936640-cc14447a-8ea1-4c7e-bd95-39c083aa85bdSchermata-2020-04-26-alle-09.44.37-1059x76891616366_10217961002391724_1942394741958115328_omatteo-renzi-1200-330x173703245-thumb-full-s200420_nicoletti_coronavirus_liSchermata-2020-04-26-alle-09.45.12-1155x768703437-thumb-full-s200421_apptrackingnicoletti

La sinistra non ha mai trangugiato il fatto di non essere, dopo la seconda guerra mondiale, andata al potere in Italia e far  diventare la nostra Penisola un paese satellite dell’Unione Sovietica. Adesso dopo settant’anni ci ha pensato il Covid 19 a dare il via al socialismo reale  che, rimasto nel sogno di Togliatti, oggi è divenuto realtà in Italia con il placet dell’avvocato di Volturara Appula il Signor Giuseppe Conte, cresciuto nella terra di Di Vittorio.  Dati alla mano la peste del terzo millenio ha falcidiato generazioni, i morti sono stati tanti in così poco tempo -io stesso sempre […]

  

Celleno, il gioiello della Tuscia, tra le bellezze d’Italia.Qui viveva Enrico Castellani, principe dell’arte italiana e artista di chiara fama.

1280px-CellenoMap_of_comune_of_Celleno_(province_of_Viterbo,_region_Lazio,_Italy).svgCelleno001celleno1Il_castello_degli_OrsiniLa_cascata_dell'Infernaccio,_tra_Celleno_e_Grotte_Santo_StefanoLe_gole_dell'Infernaccio,_tra_Celleno_e_Grotte_Santo_StefanoIl_castello_orsini,_all'epoca_sede_comunale,_in_una_cartolina_del_19471920px-Castello_Orsini_-_Celleno

Da un angolo della Tuscia quasi appartato in fondo a una strada secondaria a 1,5 km dal nuovo centro, aggrappata su uno sperone di tufo si erge questa città in rovina che solo opere di riedificazione sono riuscite  a risvegliare dal suo forzato torpore. Siamo a Celleno. Eppure qualcuno abita ancora il palazzo del principe e una graziosa chiesa rimane in vita, quando ormai da un secolo tutti sono fuggiti altrove a costruire la loro nuova città. Il paesaggio circostante è ampio e ridente e ricco di piante di ciliegio, siamo nella città della ciliegia che ha dato  pure corso […]

  

La ridicola lezione di Conte agli artisti. “Gli artisti ci fanno divertire”, ecco la lezione universitaria del Prof. Conte.

1575309831295.jpg--giuseppe_conte__il_concorso_e_guido_alpa__le_iene__ecco_la_lettera_che_smentisce_il_premierfamiglia-cristiana-giuseppe-conteawi_notconte-daspo-a-vita-corrotti-di-maio-ddl-bonafede-1-750x391

E’avvocato il Signor Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio  italiano in quota Movimento Cinque Stelle. Da notizie uscite su più quotidiani e settimanali (vedi Il Fatto quotidiano, Panorama, Il Tempo, ecc.)   si dice  abbia superato la prova per diventare docente universitario in presenza di  conflitti d’interessi.  Il giornale Linkiesta in data 25 maggio 2018 lo titola come “il prof più disorganizzato d’Italia”. Perché di questi tempi, a detta di Sabino Cassesse, ha mostrato  non poca impreparazione nella stesura dei suoi decreti che hanno messo in ginocchio l’Italia e gli italiani togliendo loro ogni libertà. Durante la presentazione dell’ultimo decreto detto anche […]

  

All’alba di un nuovo mondo. E’ il libro di Angelo Panebianco e Sergio Belardinelli uscito presso Il Mulino. Il punto sulla crisi che avvolge l’Europa.

9788815280855_0_221_0_751555693825502_1555693846.jpg--con_la_crisi_della_societa_aperta__il_pessimismo_diventa_un_autoprofezia2015_cmc_DSCF1690imagespapa-benedetto-xvi-800x600

“Il pessimismo rischia di funzionare come una profezia che si autoadempie”, scrive Angelo Panebianco nel suo nuovo libro “All’alba di un nuovo mondo” (pp.132, Il Mulino, 2019 ) scritto assieme a Sergio Belardinelli; in verità questo testo, di due studiosi e intellettuali italiani (nel libro si definiscono “liberali realisti”) sembra offrire il fianco ai declinisti e ai populisti, cui Panebianco e Belardinelli si oppongono.Il libro è un canto funebre del finto liberalismo, una denuncia dell’incoscienza culturale in cui si consuma la moderna tragedia della secolarizzazione, della crisi da legittimità di un pensiero debole, debolissimo. Emerge tutta la fragilità di una […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020