“Guerriglia” il romanzo apocalittico di Laurent Obertone. L’immigrazione, la Francia, la miccia e la deflagrazione.

97888942747071515082773111_1515082808.jpg--la_rabbia_dei_poliziotti_francesi__abbandonati_nelle_banlieueburqa_1130X565_90_CFrancia-donna-multata-per-niqab2_b-kzdD-U1101178204535CDH-1024x576@LaStampa.itparis-banlieue-aubervilliers-protest-front-national-ap-imgguerriglia-Banlieue

Un  libro, duro, vero, angosciante e brutale, ma che dobbiamo assolutamente leggere. E’ storia contemporanea. Obertone scrive e traccia cosa succederà se in Francia non si troveranno delle soluzioni reali -dico reali e non politiche-  al problema dell’immigrazione in Europa (nonostante non ci sia giorno che Papa  Bergoglio non insista sull’accoglienza alla faccia dell’intero popolo cristiano colpito a morte in più parti del mondo). In libreria da qualche mese il romanzo storico  francese “Guerriglia”, best seller in Francia, scritto da Laurent Oberton e pubblicato da SignsBooks. E’ il romanzo di questo scrittore classe 1984, laureato in Storia e Antropologia, giornalista […]

  

Madame reali, cultura e potere da Parigi a Torino. A Palazzo Madama a Torino una mostra documenta vita e azioni di due donne reali dello stato sabaudo tra ‘600 e ‘700.

85517-Francesco_Cairo_La-figlia-del-faraone86663-L-BUFFI_Maria-Giovanna_Battista-di-Savoia-Nemours86665-NARCISO_TORRET_Cristina-di-Francia86669-Cristina-di-Francia86667-Maria-Giovanna-Battista-di-Savoia-Nemours

La mostra Madame reali: cultura e potere da Parigi a Torino, voluta da Guido Curto, direttore di Palazzo Madama, e curata dalle conservatrici del museo Clelia Arnaldi di Balme e Maria Paola Ruffino, è allestita nella Sala del Senato fino  al 6 maggio 2019. Il percorso espositivo documenta la vita e le azioni di due donne che impressero un forte sviluppo alla società e alla cultura artistica nello stato sabaudo tra il 1600 e il 1700: Cristina di Francia (Parigi 1606 – Torino 1663) e Maria Giovanna Battista di Savoia Nemours (Parigi 1644 – Torino 1724). Due figure emblematiche della storia europea, che esercitarono il loro potere declinato […]

  

Eva Jospin e la foresta incantata. A Palazzo dei Diamanti di Ferrara l’artista francese con una illuminante lezione sull’ambiente. Arte e poesia della natura.

eva-jospin-offside-1-150x150OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAimmagini.quotidiano.netCarte-blanche-Eva-Jospin51OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un’interprete della scena artistica francese, Eva Jospin, è protagonista del secondo appuntamento della rassegna d’arte contemporanea Offside. Sous-bois è il titolo della mostra, aperta a Palazzo dei Diamanti fino  al 6 gennaio 2019, in contemporanea con l’esposizione “Courbet e la natura”. In omaggio al maestro francese e al suo ritorno in Italia, Eva Jospin propone un viaggio nell’universo oscuro e incantato dei boschi, delle fonti e delle grotte, motivi ricorrenti anche nella ricerca courbettiana.L’intento del progetto Offside è appunto quello di offrire uno sguardo contemporaneo sulle tematiche al centro delle esposizioni dedicate ad artisti e movimenti storicizzati e, al contempo, […]

  

Mario Giacomelli in mostra a Milano con i suoi paesaggi astratti. Forma Meravigli apre la stagione artistica con un nome della fotografia mondiale.

41540316_2268304113398878_4983353684856406016_nmario-giacomelligiacomelligiacomelligiacomelli-1giacomelligiacomelligiacomelli

Dopo qualche mese d’interruzione, e continuando quello che è stato realizzato in oltre dieci anni di attività, riaprono gli spazi di Forma Meravigli a Milano. Si prosegue, e anzi si intensifica, tutto quello che ha sempre contraddistinto l’attenzione di Forma verso la fotografia: proposte espositive, corsi di formazione e didattica, incontri con gli autori, proiezioni, proposte editoriali e in più una speciale attenzione al mondo del collezionismo. Forma Meravigli, un’iniziativa di Fondazione Forma per la Fotografia in collaborazione con la Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Contrasto. Il primo appuntamento, una straordinaria selezione di fotografie di Mario […]

  

Il siciliano Ferdinando Scianna in mostra a Forlì al Complesso di San Domenico. Duecento foto dell’ illustre fotografo italiano che racconta umanità, guerre, viaggi e religiosità popolare.

80073-unnamed-3SCF1988003W00051-30 001Leonardo-Sciascia.-Racalmuto-1964-C-Ferdinando-SciannaFesta-di-Santa-Fortunata.-Ciminna-1964-C-Ferdinando-SciannaSCF1985003W00088-07 001

Negli spazi espositivi del Complesso di San Domenico a Forlì, è aperta al pubblico  fino al 6 gennaio 2019 la grande mostra retrospettiva dedicata a Ferdinando Scianna, curata da Denis Curti, Paola  Bergna e Alberto Bianda, art director della mostra. La rassegna è promossa dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e Civitas in connessione con la Settimana del Buon Vivere ed è organizzata da Civita Mostre. Da gennaio 2019 la mostra sarà quindi presentata a Palermo, nella Galleria d’Arte Moderna e Venezia (Casa dei tre Oci), poi in varie altre città, in Italia e all’estero. Non potevo assolutamente tralasciare […]

  

Robert Doisneau pescatore di immagini. A Lecco nel Palazzo delle Paure 70 scatti segnano la vicenda artistica di uno dei più importanti fotografi del Novecento.

122814500-4d729bf6-7764-4cac-9e51-6ce528e7be2f122814070-33ad6dcc-4307-467b-a570-3e2426b8e4bb122814084-76284d52-07cd-4071-9d50-6a1d080d1ff4122814087-149a028e-e712-46a9-af3f-5276cd78ef76122814115-c596c7e7-5975-4601-b721-d0a5001a17f3122814115-dbf2882a-a445-445b-832b-cf97f8168d8c122814425-beb6ee7e-272a-4766-a7f1-35b412716d4f

Il Palazzo delle Paure di Lecco ospita fino al 30 settembre 2018  una mostra di Robert Doisneau (Gentilly, 14 aprile 1912 – Montrouge, 1 aprile 1994), uno dei fotografi più importanti e celebrati del Novecento. La rassegna, dal titolo Pescatore d’immagini, curata dall’Atelier Robert Doisneau – Francine Deroudille ed Annette Doisneau – in collaborazione con Piero Pozzi, col patrocinio del Comune di Lecco, prodotta e realizzata da Di Chroma Photography e ViDi – Visit Different, presenta 70 immagini in bianco e nero che ripercorrono l’universo creativo del fotografo francese. Il percorso espositivo, che mette in mostra alcune delle icone più […]

  

Henri Matisse. Al Forte di Bard in Valle d’Aosta la produzione di opere legate alla drammaturgia. Eccolo campione sulla scena dell’arte.

Henri-Matisse-Il-clown-da-Jazz-Tériade-Editore-Parigi-1947-Kunstmuseum-Pablo-Picasso-Münster-©-Succession-H.-Matisse-S.I.A.E-20181200x771-654x42077921-cauchemar_clean_xMostra_Matisse_Forte_di_Bard.jpg.pagespeed.ic.tE0Mj3Cd_QM_4861704a10Henri-Matisse-Il-cowboy-da-Jazz-Tériade-Editore-Parigi-1947-Kunstmuseum-Pablo-Picasso-Münster-©-Succession-H.-Matisse-S.I.A.E-2018-1200x781-1200x781-645x42042a8b6d39019e91bdd353610b1de6b11-625x350

L’esposizione “Henri Matisse. Sulla scena dell’arte” presenta un capitolo centrale dell’intera vita dell’artista francese Henri Matisse: il rapporto con il teatro e la produzione di opere legate alla drammaturgia. Una mostra inedita che porta al Forte di Bard, in Valle d’Aosta, fino  al 14 ottobre 2018, oltre 90 opere realizzate in un arco temporale di 35 anni, dal 1919 fino alla morte dell’artista, avvenuta nel 1954. Si tratta principalmente della cosiddetta période Nicoise: Matisse, infatti, nel 1917 scelse Nizza come luogo principale della sua creazione artistica. Il percorso espositivo, curato da Markus Müller, direttore del Kunstmuseum Pablo Picasso di Münster, […]

  

Ottantadue dipinti falsi scoperti nel museo francese Etienne Terrus di Elne.

museo francia terrusl5cm11ap0rkxyr-kCYD-U43480222246681fRF-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Una delusione senza fine, una bruttissima  scoperta, quella del museo francese dedicato al pittore Étienne Terrus di Elne, paesino di meno di 8mila abitanti alle porte di Perpignan, nel Sud della Francia,  che ha scoperto  -si fa per dire per caso-  che 82 quadri della collezione, che si credevano essere stati dipinti da Terrus, erano in realtà dei falsi.  Proprio così, dei “falsi” come si usa dire oggi da noi esperti e periti d’arte. Il problema più forte ed evidente è che i dipinti, acquistati negli ultimi venti anni, rappresentavano più della metà della collezione esposta nel museo, e se […]

  

Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo. Una mostra al Museo di Roma in Trastevere ricostruisce la data storica del 1968 nel 50° anniversario.

77703-dreamers_1050x545pasolini_davoli_1968dreamers-1968-795x30_2018050616290501_MGZOOM68-730x49077785-09_-DREAMERS-1968-CAMERA-PRESS-CONTRASTO-Abitanti-di-Praga-su-di-un-carrarmato-sovietico-in-piazza-Venceslao-21-agostoAssemblea-organizzata-durante-la-mostra-Arte-povera-più-azioni-povere-Amalfi-ottobre-1968MOSTRA DUCALE 1968BGD0065F_1.tifindexvenezia-le-proteste-del-1968-480x3641201020106143_22

In occasione del 50° anniversario del 1968, AGI Agenzia Italia  ha ricostruito  l’archivio storico di quell’anno, recuperando il patrimonio di tutte le storiche agenzie italiane e internazionali, e organizzando questa affascinante mostra fotografica e multimediale che è allestita al Museo di Roma in Trastevere fino  al 2 settembre 2018.  La mostra a cura di AGI Agenzia Italia, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale-Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturalie con il patrocinio del MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è  stata resa possibile dalle numerose fotografie provenienti dall’archivio storico di AGI e completata con gli altrettanto numerosi prestiti messi a disposizione da AAMOD-Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, […]

  

Salviamo l’Europa. Immigrazione: un decalogo per salvare l’Europa e i suoi valori. L’appello inviato a tutti i Capi di Stato e di Governo del continente.

immigrazione

Roma, 8 marzo 2018 – Rimettere al centro l’Europa e i suoi valori per rispondere alle sfide geopolitiche e far fronte alle ondate migratorie, senza indulgere a populismi ed estremismi: questa la sfida proposta dai promotori del Decalogo di Roma ai Capi di Stato e di governo di tutti i Paesi del Continente europeo, dal Portogallo alla Russia, dall’Islanda a Malta. L’iniziativa, partita in ottobre sia in Italia che Francia, con un primo appello di intellettuali ed esponenti della società civile, ha avuto successivi sviluppi nei due paesi fino a diventare una petizione popolare sui principi contenuti nel Decalogo di […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019