Il torinese Giacomo Grosso in mostra a Torino. Cento opere, dalla “Nuda” alla “Sacra Famiglia”, celebrano l’uomo di cultura che per i suoi nudi scandalizzò Papa Pio X.

Grosso_Selfportrait7411-803337411-80329Giacomo_Grossox_La_cella_delle_pazzex_Gam_Torino7411-8032514242147233_02d6092ba8_o7411-80327

Era ora che si celebrasse degnamente la figura di Giacomo Grosso. Tra i quadri più noti c’è sicuramente La nuda, che fu esposta per la prima volta alla Triennale di Torino nel 1896 e che suscitò un mare  di polemiche, le quali ebbero l’unico effetto di aumentare la fama del suo autore: Giacomo Grosso. Il talento del pittore torinese, nato a Cambiano nel 1860, era all’apice. La pennellata morbida, i colori ovattati, la potenza dirompente e sensuale  dei soggetti. La Nuda, infatti, arrivò un anno dopo il Supremo convegno, esposto alla Biennale di Venezia (1895). L’opera rappresentava un gruppo di […]

  

Voglia d’Italia. Il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano.

17dfbd66955da7da37a07aaba96a795e4df6fa27cache-cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_c5acdec5574ef2c62f6ccd8f0fc4c955Günter-Grass-Luomo-nella-luna-2000-Collezione-WürthUwe-Kachele-Nasi-odorano-tulipani-1999-Collezione-Würthwuerth_carl_spitzweg_res_wl2_345collezionismo-raccolta-wurts

Il 7 dicembre 2017 si apre a Roma la mostra “Voglia d’Italia. Il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano”, articolata in due sedi, Palazzo Venezia e Gallerie Sacconi nel complesso del Vittoriano,  e rimarrà aperta fino al 4 marzo 2018.  L’iniziativa, promossa e organizzata dal Polo Museale del Lazio, diretto da Edith Gabrielli, nell’ambito del programma di valorizzazione dei propri musei e luoghi di cultura, sottolinea la cura rivolta in particolare verso Palazzo Venezia e il Vittoriano, tornati ormai alla ribalta del grande pubblico. Nella circostanza il visitatore può fruire di un biglietto unico per le due sedi, che gli […]

  

Asmara, la Piccola Roma eritrea è Patrimonio dell’Umanità Unesco. Uno schiaffo alla legge sul fascismo di E. Fiano (PD) e compagni.

Asmaraasmara-fiat-taglieroasmara-nostra-signora-del-rosarioAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmaraAsmara

Il riconoscimento all’ architettura ereditata dal colonialismo italiano  ha fatto dichiarare Asmara,  la Piccola Roma eritrea,  Patrimonio dell’Umanità Unesco. E naturalmente ciò è uno schiaffo sonoro all’operato del deputato Pd Emanuele Fiano detto “lele”e alla Presidente della Camera Laura Boldrini(SEL) che in questi giorni stanno dando fiato alla legge contro il fascismo.  Ad Asmara, in Eritrea, il tempo pare si sia fermato al Ventennio fascista.  Per la verità sono stato varie volte ad Asmara e a Massaua sui luoghi dove è vissuto mio padre che è stato Ufficiale della Regia Guardia di Finanza proprio  nel ventennio fascista.Primo centro di colonizzazione […]

  

Queer British Art 1861 – 1967: l’arte LGBTQI, ovvero l’arte gay in mostra alla Tate Britain di Londra.

David-Hockney-Life-Painting-for-a-Diploma-1962.-Yageo-Foundation-©-Yageo-Foundation.-Courtesy-TateAngus-McBean-Quentin-Crisp-1941.-Stampa-al-bromuro-dargento.-National-Portrait-Gallery-Londra.-©-Angus-McBean-National-Estate-e-Portrait-Gallery-Londra.-Courtesy-TateHenry-Scott-Tuke-The-Critics-1927.-Olio-su-tavola-412-x-514-cm.-Warwick-District-Council-Leamington-Spa-UK.-Courtesy-TateDuncan-Grant-Bathing-1911.-Olio-su-tela-2286-x-3061-cm.-©-e-courtesy-Tate-561x420Keith-Vaughan-Drawing-of-Two-Men-Kissing-1958–73.-Tate-Archive-©-DACS-The-Estate-of-Keith-Vaughan.-Courtesy-Tatefa75659e-c08c-42cc-b93f-2bd258280057646c70a8-0877-4214-a29d-e9993c3676f5791cf1df-9d98-41e5-bd31-c34684d852b56d647ebe-fe66-45d2-af56-173b6487ff3e3346e9ea-1775-412e-bff6-a014ec4c5ae8

La mostra londinese segna un significativo  anniversario, ovvero i 50 anni dalla depenalizzazione parziale dell’omosessualità in Inghilterra e Galles. La mostra raccoglie pezzi importanti di artisti di ogni genere ed orientamento sessuale dipinti tra il 1861 e il 1871, e non solo perché vi appaiono anche opere che datano fino agli anni Sessanta del Novecento: accanto a lavori più privati ed intimi ci sono opere destinate al grande pubblico e che hanno contribuito a sviluppare un forte senso di comunità quando i termini “gay” “lesbica” e “bisex” si facevano strada nel riconoscimento pubblico della società inglese. Fondamentale qui è l’utilizzo del termine […]

  

I Capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca, da Raffaello a Balla, in mostra al Forte di Bard di Aosta. Spettacolare mostra italiana.

0392-raffaello-putto-reggifestone0b6eb7b879847c2cc550d7af3034aa1c_L67403-FRANCESCO-BARBIERIpacettiStitched Panorama67393-BENEDETTO-LUTI67405-FRANCESCO-HAYEZ

Il Forte di Bard ospita fino al 7 gennaio 2018 la mostra “I Capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca. Da Raffaello a Balla”. L’evento espositivo nasce dalla collaborazione tra l’Associazione Forte di Bard e l’Accademia Nazionale di San Luca, una delle più antiche e importanti istituzioni culturali italiane attive a livello nazionale e internazionale nel campo dell’arte. In occasione della mostra è concessa in prestito una selezione ampia e rappresentativa della preziosa collezione dell’Accademia, costituitasi a partire dal Seicento principalmente grazie ai doni e ai lasciti di accademici o di collezionisti privati o attraverso i concorsi banditi dall’Accademia stessa. 115 […]

  

Le stanze svelate. Le collezioni d’arte di Ivo Soldini dai Vela a Marino Marini in mostra alla Pinacoteca Züst di Rancate- Mendrisio (Svizzera).

image00561149_10-696x385le-stanze-svelate_73-29bde1d9a7fc374c691d950ffe8dd107be945f4aa43bcb4a0b03d82af71d268d1le-stanze-svelate_28-565x500

La mostra dal titolo “Le stanze svelate. Le collezioni d’arte di Ivo Soldini dai Vela a Marino Marini” si inserisce nel novero delle esposizioni che la Pinacoteca Züst di Rancate- Mendrisio (Svizzera) dedica già da qualche anno a collezioni private presenti sul territorio e sconosciute al grande pubblico. Ivo Soldini è un pittore e scultore molto noto nella Svizzera Italiana, discendente da una famiglia di professionisti legati al mondo delle arti e da sempre residenti nel comune di Ligornetto. Alla sua attività, Soldini affianca da molti anni quella di collezionista di opere dell’Ottocento e del Novecento. Oltre al nucleo di […]

  

In Asta 350 opere di Arte Moderna e Contemporanea: Picasso, Warhol e i grandi del ‘900 italiano, a Milano al Centro Svizzero.

rev168997(1)

Il dipartimento di Arte Moderna e Contemporanea ritorna nel capoluogo lombardo con un catalogo attentamente selezionato che spazia dal primo Novecento al contemporaneo, passando per le correnti degli anni Cinquanta e Sessanta, la Pop Art italiana, e alcune opere di rilievo internazionale. Questa vendita giunge dopo la mostra “Omaggio al colore” che il dipartimento ha curato e presentato nelle sedi di Roma prima e Firenze poi. Evento inconsueto per una Casa d’Aste, la mostra è stata accolta in entrambe le città con grande favore e interesse, sentimenti che si sono concretizzati nella felice e costante affluenza di un pubblico numeroso, […]

  

Le intelligenze dell’Arte. Gallerie e Galleristi a Milano (1876-1950). Il libro di Angela Madesani un viaggio nel tempo e nella bellezza.

00000076_coverMARGHERITA SARFATTI- FOTOGRAFIA DI EMILIO SOMMARIVA-1926 CIRCA-MILANO- BIBLIOTACA NAZIONALE BRAIDENSE- © FOTOGRAFIE FONDO EMILIO SOMMARIVAGAETANO PREVIATI CON ALBERTO GRUBICY DE DRAGON-FOTOGRAFIA DI EMILIO SOMMARIVA © FOTOGRAFIE FONDO EMILIO SOMMARIVA(1)I MEMBRI DEL M.A.C. RIUNITI IN UNA FOTO DI GRUPPO ALLA LIBRERIA SALTO-APRILE 1951ENTRATA DELLA GALLERIA PESARO IN VIA MANZONI 12-PALAZZO POLDI PEZZOLI-DALLA GALLERIA PESARO IN MILANO-1917 CIRCAPUBBILCITà DELLA GALLERIA BARDI- IN SECONDA MOSTRA DEL NOVECENTO ITALIANO- CATALOGO- MILANO- E. GUALDONI  ALFIERI E LACROIX- 1929

Entriamo subito in argomento partendo dal titolo “Le intelligenze dell’arte”  che altro non sono che i mercanti, o meglio, i galleristi che nei decenni tra Ottocento e Novecento hanno sostenuto pittori e movimenti. Oggi purtroppo mancano, o quasi, figure di spicco nel settore del mercato dell’arte, e spesso gli artisti sono abbandonati a se stessi o,  se fortunati, opportunamente guidati   da qualche storico dell’arte o critico di chiara fama. E, dunque, un libro capitale (Le intelligenze dell’Arte. Gallerie e Galleristi a Milano (1876-1950).  Nomos edizioni, 2016), fortemente storico, un testo che potremmo tranquillamente adottare in università  per i nostri studenti […]

  

Mario Dondero fotografo del nostro tempo. Alla Galleria Ceribelli di Bergamo il racconto per immagini di decenni di storia.

103895-md?????Mario Dondero operai della Renault in scioperoJean Seberg48DON

Confesso, da  storico e studioso delle arti visive, che Dondero è stato uno dei fotografi che maggiormente ho sentito vicino alla mia cultura e al mio sapere. Ora, a poco più di un anno dalla scomparsa di Mario Dondero, la mostra in corso da Ceribelli a Bergamo,  propone fino a metà maggio, un viaggio nella poetica e nell’universo di storie raccontate da questo fotografo che ha scelto di viaggiare e raccontare il mondo in totale libertà. Tutti gli scatti, tutte le immagini, sono un grande romanzo neorealista, un romanzo visivo di altissimo livello , capitoli in bianco-nero di figure, quadri […]

  

Tancredi, il pittore divenuto leggenda. La collezione Peggy Guggenheim presenta a Venezia in Palazzo Venier una mostra retrospettiva che incornicia un grande dell’arte italiana.

tancredi-santrovaso05-tancredi-ricordo-di-raoul-19539938704-tancredi-senza-titolo-195303-tancredi-senza-tit-1952-5301-tancredi-senza-tit-1950-5106-tancredi-composizione-195599388

“Tancredi, con la sua pittura, crea una nuova filosofia poetica per coloro che non posseggono né telescopi né razzi: quanto fortunati noi che abbiamo tali cristallizzazioni da trasportarci sani e salvi, verso altri mondi”(Peggy Guggenheim).  E ancora “Tancredi è il migliore pittore italiano, dai Futuristi in poi”( Peggy Guggenheim). Con questa mostra l’opera di Tancredi Parmeggiani (Feltre 1927–Roma 1964) torna a Palazzo Venier dei Leoni a Venezia. Talento precoce e irrequieto, nel 1951 fu riconosciuto da Peggy Guggenheim che gli offrì un contratto, concedendogli uno studio nella propria residenza e adoperandosi a dargli un prestigio internazionale. Alla mecenate sono dedicate […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018