Paesaggio e Veduta. La mostra nel Palazzo Ducale dei Castromediano di Cavallino – Lecce. Una storia del paesaggio italiano.

Francesco Zuccarelli, Paesaggio arcadico_ Inghilterra, Collezione privata-2Pietro da Cortona, Paesaggio con il Monte Sassone sulla Tolfaarte-al-palazzo-ducale-di-cavallino-la-mostra-paesaggio-e-veduta-da-palazzo-chigi-in-ariccia-e-altre-raccolte--1510563822-grandegetimageVedute-e-paesaggio-Palazzo-Barberini-23getimage12

La mostra “Paesaggio e Veduta. Dipinti da Palazzo Chigi in Ariccia e altre raccolte”, curata da Francesco Petrucci, Conservatore del Museo del Barocco romano di Palazzo Chigi in Ariccia, è promossa dal Comune di Cavallino-Lecce, grazie all’impegno del Consigliere delegato alla cultura On.le Gaetano Gorgoni.  Si pone in continuità ideale delle mostre Dipinti del Barocco romano da Palazzo Chigi in Ariccia, Dipinti tra Rococò e Neoclassicismo da Palazzo Chigi in Ariccia e da altre raccolte, Ritratto e figura.Dipinti da Rubens a Cades, La collezione Amata da Bassano a Longhi, tenutesi a Cavallino negli anni 2012, 2013, 2014, 2015. Un programma denso, mirato e fortemente interessante, che […]

  

Il torinese Giacomo Grosso in mostra a Torino. Cento opere, dalla “Nuda” alla “Sacra Famiglia”, celebrano l’uomo di cultura che per i suoi nudi scandalizzò Papa Pio X.

Grosso_Selfportrait7411-803337411-80329Giacomo_Grossox_La_cella_delle_pazzex_Gam_Torino7411-8032514242147233_02d6092ba8_o7411-80327

Era ora che si celebrasse degnamente la figura di Giacomo Grosso. Tra i quadri più noti c’è sicuramente La nuda, che fu esposta per la prima volta alla Triennale di Torino nel 1896 e che suscitò un mare  di polemiche, le quali ebbero l’unico effetto di aumentare la fama del suo autore: Giacomo Grosso. Il talento del pittore torinese, nato a Cambiano nel 1860, era all’apice. La pennellata morbida, i colori ovattati, la potenza dirompente e sensuale  dei soggetti. La Nuda, infatti, arrivò un anno dopo il Supremo convegno, esposto alla Biennale di Venezia (1895). L’opera rappresentava un gruppo di […]

  

Roma nell’Ottocento. Antiche memorie nella città eterna e nella sua campagna, in mostra alla Galleria Berardi di Roma.

3faf2e0e-6e00-4e2a-896e-2c7ac4e12563corrodi_porta_furba1f2a8f42-79a4-4b26-98e7-5f83770361d1

Di grande interesse storico la mostra che in questi giorni la Galleria Berardi di Roma ha messo in piedi con capolavori  che vanno sotto il titolo di “Roma nell’Ottocento. Antiche memorie nella città eterna e nella sua campagna”, aperta fino al 13 gennaio.  A motivo della politica culturale che si annoda al Grand Tour in atto sin dall’inizio per portarsi poi sino alla  fine del Settecento Roma e i suoi dintorni vennero esplorati palmo a palmo da una vasta schiera di pittori di rilievo, per lo più stranieri. La motivazione va ricercata nella “densità di memoria” che sopravviveva nella città […]

  

Voglia d’Italia. Il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano.

17dfbd66955da7da37a07aaba96a795e4df6fa27cache-cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_c5acdec5574ef2c62f6ccd8f0fc4c955Günter-Grass-Luomo-nella-luna-2000-Collezione-WürthUwe-Kachele-Nasi-odorano-tulipani-1999-Collezione-Würthwuerth_carl_spitzweg_res_wl2_345collezionismo-raccolta-wurts

Il 7 dicembre 2017 si apre a Roma la mostra “Voglia d’Italia. Il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano”, articolata in due sedi, Palazzo Venezia e Gallerie Sacconi nel complesso del Vittoriano,  e rimarrà aperta fino al 4 marzo 2018.  L’iniziativa, promossa e organizzata dal Polo Museale del Lazio, diretto da Edith Gabrielli, nell’ambito del programma di valorizzazione dei propri musei e luoghi di cultura, sottolinea la cura rivolta in particolare verso Palazzo Venezia e il Vittoriano, tornati ormai alla ribalta del grande pubblico. Nella circostanza il visitatore può fruire di un biglietto unico per le due sedi, che gli […]

  

La Raccolta INGEGNOLI. Storia di una passione e di una collezione d’arte a Milano.

01 - Gerolamo Induno05 - Giovanni Fattori??????????????????????03 - Telemaco Signorini02 - Vincenzo Irolli10 - Angelo Morbelli06 - Giovanni Boldini11 - Ernesto Bazzaro

Una mostra deve essere anche educativa. Questa di cui ci aggiungiamo a scrivere lo è, per via di una sorta di educazione al bello, al gusto, una vera e propria lezione di storia dell’arte per chi ha manifestato il bisogno di mettere  in piedi e crearsi una collezione. L’esposizione in questione ripercorre le tappe che hanno portato alla nascita e allo sviluppo della celebre collezione milanese, attraverso una selezione di dipinti di autori dell’Ottocento italiano, tra cui Giovanni Boldini, Giovanni Fattori, Domenico e Gerolamo Induno, Angelo Morbelli. La storia di una collezione privata si lega con la storia della persona […]

  

“Divina Creatura”. La donna e la moda nelle arti del secondo Ottocento, alla Pinacoteca Cantonale Giovanni Züst di Rancate – Canton Ticino – Svizzera. Una mostra di inaudita bellezza.

divina-creatura-la-donna-e-la-moda-nelle-arti-del-secondo-ot_03-630x1024divina-creatura-la-donna-e-la-moda-nelle-arti-del-secondo-ot_01Giacomo-Grosso_Ritratto-di-Elena-dOrleans-di-Savoia-Aostam-e1508429768214-590x587Giovanni-Boldini_Signora-con-cappello-ed-ombrellinom-382x590Vittorio-Corcos-Ritratto-di-Carolina-Maraini-Sommaruga-1901-olio-su-tela-cm-224-x-130_-Roma-Fondazione-per-Istituto-Svizzero-352x590divina-creatura-la-donna-e-la-moda-nelle-arti-del-secondo-ot_02-1024x1007Giovanni-Battista-Carpanetto_Fiore-di-vita-copym-150x150Domenico-Induno_Donna-allo-specchiom-150x150Vittorio-Corcos_Le-due-colombem-150x150

Sessanta sculture e dipinti assolutamente affascinanti. E, per corredo, una sequenza di ventagli d’autore – dipinti cioè da grandi artisti, spesso i medesimi che ritraevano le “belle Signore” – e un nucleo di preziosi abiti d’epoca. E’ quanto Mariangela Agliati Ruggia, Sergio Rebora, Marialuisa Rizzini, con il coordinamento di Alessandra Brambilla e il contributo di diversi studiosi, hanno selezionato da Musei e collezioni private per questa mostra. Con l’obiettivo di ricreare e testimoniare, nelle sale espositive della Pinacoteca Züst, a Rancate nel vicino Ticino, fino al 28 gennaio 2018,  quello che è stato un vero e proprio cambio di paradigma […]

  

Queer British Art 1861 – 1967: l’arte LGBTQI, ovvero l’arte gay in mostra alla Tate Britain di Londra.

David-Hockney-Life-Painting-for-a-Diploma-1962.-Yageo-Foundation-©-Yageo-Foundation.-Courtesy-TateAngus-McBean-Quentin-Crisp-1941.-Stampa-al-bromuro-dargento.-National-Portrait-Gallery-Londra.-©-Angus-McBean-National-Estate-e-Portrait-Gallery-Londra.-Courtesy-TateHenry-Scott-Tuke-The-Critics-1927.-Olio-su-tavola-412-x-514-cm.-Warwick-District-Council-Leamington-Spa-UK.-Courtesy-TateDuncan-Grant-Bathing-1911.-Olio-su-tela-2286-x-3061-cm.-©-e-courtesy-Tate-561x420Keith-Vaughan-Drawing-of-Two-Men-Kissing-1958–73.-Tate-Archive-©-DACS-The-Estate-of-Keith-Vaughan.-Courtesy-Tatefa75659e-c08c-42cc-b93f-2bd258280057646c70a8-0877-4214-a29d-e9993c3676f5791cf1df-9d98-41e5-bd31-c34684d852b56d647ebe-fe66-45d2-af56-173b6487ff3e3346e9ea-1775-412e-bff6-a014ec4c5ae8

La mostra londinese segna un significativo  anniversario, ovvero i 50 anni dalla depenalizzazione parziale dell’omosessualità in Inghilterra e Galles. La mostra raccoglie pezzi importanti di artisti di ogni genere ed orientamento sessuale dipinti tra il 1861 e il 1871, e non solo perché vi appaiono anche opere che datano fino agli anni Sessanta del Novecento: accanto a lavori più privati ed intimi ci sono opere destinate al grande pubblico e che hanno contribuito a sviluppare un forte senso di comunità quando i termini “gay” “lesbica” e “bisex” si facevano strada nel riconoscimento pubblico della società inglese. Fondamentale qui è l’utilizzo del termine […]

  

I Capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca, da Raffaello a Balla, in mostra al Forte di Bard di Aosta. Spettacolare mostra italiana.

0392-raffaello-putto-reggifestone0b6eb7b879847c2cc550d7af3034aa1c_L67403-FRANCESCO-BARBIERIpacettiStitched Panorama67393-BENEDETTO-LUTI67405-FRANCESCO-HAYEZ

Il Forte di Bard ospita fino al 7 gennaio 2018 la mostra “I Capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca. Da Raffaello a Balla”. L’evento espositivo nasce dalla collaborazione tra l’Associazione Forte di Bard e l’Accademia Nazionale di San Luca, una delle più antiche e importanti istituzioni culturali italiane attive a livello nazionale e internazionale nel campo dell’arte. In occasione della mostra è concessa in prestito una selezione ampia e rappresentativa della preziosa collezione dell’Accademia, costituitasi a partire dal Seicento principalmente grazie ai doni e ai lasciti di accademici o di collezionisti privati o attraverso i concorsi banditi dall’Accademia stessa. 115 […]

  

Le stanze svelate. Le collezioni d’arte di Ivo Soldini dai Vela a Marino Marini in mostra alla Pinacoteca Züst di Rancate- Mendrisio (Svizzera).

image00561149_10-696x385le-stanze-svelate_73-29bde1d9a7fc374c691d950ffe8dd107be945f4aa43bcb4a0b03d82af71d268d1le-stanze-svelate_28-565x500

La mostra dal titolo “Le stanze svelate. Le collezioni d’arte di Ivo Soldini dai Vela a Marino Marini” si inserisce nel novero delle esposizioni che la Pinacoteca Züst di Rancate- Mendrisio (Svizzera) dedica già da qualche anno a collezioni private presenti sul territorio e sconosciute al grande pubblico. Ivo Soldini è un pittore e scultore molto noto nella Svizzera Italiana, discendente da una famiglia di professionisti legati al mondo delle arti e da sempre residenti nel comune di Ligornetto. Alla sua attività, Soldini affianca da molti anni quella di collezionista di opere dell’Ottocento e del Novecento. Oltre al nucleo di […]

  

Lo sguardo dell’altro. L’omosessualità nei capolavori dell’arte occidentale in mostra al Museo del Prado.

20170614-636330356916127386_20170614111638-kvAB--656x437@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204855_imagenes_lv_terceros_cc40e420-1b2a-4153-a2d7-622c2a60f1d0-kDx--656x831@LaVanguardia-WebErmafrodita-1-696x392img_scolome_20170614-155441_imagenes_lv_terceros_d6a56ce7-9cf5-446f-ace1-620334e8a1c7-kvAB--656x228@LaVanguardia-Web20170614-636330353755085533_20170614111136-kvAB-U423380475973p5D-992x558@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204607_imagenes_lv_terceros_d0252f42-d432-409d-b891-416ea70b68b5-kDx--656x1009@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204121_imagenes_lv_terceros_a527657f-e875-4cd3-861d-359eeb445251-kDx--656x1231@LaVanguardia-Webimage

Il  Museo del Prado, tempio dell’arte a Madrid   accoglie in questi giorni una mostra sul tema dell’omosessualità, dal titolo “Lo sguardo dell’altro. Scenari per una differenza”. Potrà essere scioccante per i perbenisti l’intera tematica inscenata, ma i capolavori esposti  sono e hanno dell’incredibile. “La mirada del otro. Escenarios para la diferencia.” è infatti il titolo dell’iniziativa del Prado che, fino al 10 settembre, propone un itinerario guidato tra le sue sale pensato per contemplare la realtà storica delle relazioni sentimentali tra persone dello stesso sesso o di identità sessuali “fuori dalla norma”. La mostra si tiene in  occasione della celebrazione […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018