Al via Orticolario 2019, a Cernobbio. Evento dove la “fantasmagoria” fa illuminare piante, verde e viaggi. Spiccano le installazioni dell’artista Nicola Salvatore che incornicia la balena come metafora del vivere.

EOV_oHFA07 ARTE Nicola Salvatore_LeBaleneNelSalone_Orticolario2019_ph Anna RapisardaOrticolario_Le balene nel salone_Nicola SalvatoreLa_Mostra_Mercato_di_Orticolario_a_Cernobbio_Villa_Erbaorticolario-2019-164015

Al via l’undicesima edizione di Orticolario, dedicata a “Bacche e piccoli frutti” e al tema del “Viaggio”. L’evento culturale e artistico per chi vive la natura come stile di vita è pronto a sorprendere ancora, dal 4 al 6 ottobre nel parco storico di Villa Erba, sul Lago di Como.  “Sembra esserci nell’uomo, come negli uccelli, un bisogno di migrazione, una vitale necessità di sentirsi altrove” ( Marguerite Yourcenar).  Cernobbio (CO), ottobre 2019 – Chiudete gli occhi e stimate quanto tempo occorreva secoli fa per spostarsi da un Paese all’altro. Sempre rimanendo in un’epoca lontana, ipotizzate un gruppetto di esploratori […]

  

La Firenze dei Signorini, Giovanni e Telemaco, in mostra a Palazzo Antinori a Firenze. Dalla pittura di paesaggio alla figurazione tardo-romantica.

signorini-telemaco-thumbSignorini-T-Il-vecchio-mercato45_-Signorini-T_-Villa-toscana32_-Signorini-T_-Lezione-di-pianoforte263f3040c0signorini-telemaco-la-sala-delle-agitate

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. Palazzo Antinori. Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci. La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a […]

  

A Franco Fontana, fotografo tra i più conosciuti a livello internazionale, Modena rende omaggio alla Fondazione Modena Arti Visive. L’intera carriera del fotografo in mostra.

0207 0021_Franco Fontana┬® - HAVANA 20170165 0013_Franco Fontana┬® - Los Angeles 19790203 0010188 0010204 001

Modena rende omaggio a Franco Fontana (1933), uno dei suoi artisti più importanti e tra i più conosciuti a livello internazionale. Fino al 25 agosto 2019, FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE, nelle tre sedi della Palazzina dei Giardini, del MATA – Ex Manifattura Tabacchi e della Sala Grande di Palazzo Santa Margherita, ospita la mostra, dal titolo Sintesi, che ripercorre oltre sessant’anni di carriera dell’artista modenese e traccia i suoi rapporti con alcuni dei più autorevoli autori della fotografia del Novecento. L’esposizione è suddivisa in due sezioni.  La prima, curata da Diana Baldon, allestita nella Sala Grande di Palazzo Santa Margherita […]

  

Borgese, Cecola e Godi, tre artisti meridionali che seppero nobilitare la figurazione in senso moderno. Una mostra al Museo Nazionale di Castello Pandone a Venafro/Isernia.

398e14314d36dfd89c698bb272430977eddd82ca7efe1f8b1c76d7e76622f0283dc6862df9cf8dccGodi-15 - Monterotuni - 2011 - 30 x 40 - olio su tavolacastello-pandone-ingresso-principale.600

Il Polo Museale del Molise inaugura la mostra “Transiti. Borgese-Cecola-Godi” presso il Museo Nazionale di Castello Pandone. La mostra ripercorre il sodalizio umano e creativo di tre artisti accomunati da profonde affinità di visione e di ricerca artistica: Ugo Borgese, Carmine Cecola e Goffredo Godi. I tre, vale a dire i pittori Borgese e Godi, e lo scultore Cecola, legati al contesto romano, sono stati molto amici negli anni e sono stati tutti attivi sul versante figurativo, conservando un solido legame con la tradizione, interpretata però attraverso personali e aggiornate soluzioni formali. Di due in particolare negli anni mi sono interessato […]

  

Balla, Boccioni e Depero. I Futuristi e il sogno della modernità in una mostra ai Musei civici di Domodossola.

domodossola_pal_san_francescoART_domodossola.futurismoTullio-Crali-Le-forze-della-curva-1930-olio-su-cartone-Mart-Museo-di-Arte-Moderna-e-Contemporanea-di-Trento-e-Rovereto8_MGZOOM0Benedetta-Cappa-MarinettiVelocità-di-motoscafo-1922-olio-su-tela-Galleria-darte-Moderna-Roma91909-unnamed_1_Giacomo-Balla-Velmare-o-Mare-cielo-vele-1919-olio-su-tela-Reggio-Emilia-collezione-Credemr_810x810_img-20190621-wa000612_MGZOOM1Umberto-Boccioni-Ritratto-dellavvocato-Carlo-Caetani-1907-olio-su-tela-Collezione-Fondazione-Cariverona-Verona1-khvF-U31201750794337umC-656x492@Corriere-Web-Torino

I Musei Civici di Palazzo San Francesco hanno riaperto  i battenti con una grande mostra dedicata al Futurismo, per raccontare un’epoca d’oro della città di Domodossola, scaraventata nel pieno della logica futurista e coinvolta nell’immaginario della modernità. Ai piedi delle Alpi sono arrivati  oltre settanta capolavori di Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero, Gerardo Dottori, Tullio Crali e tanti altri artisti in dialogo con le affascinanti sculture delle donne ossolane in abiti d’epoca, la prima macchina immatricolata nella Provincia di Novara e l’aeroplano dell’aviatore peruviano Geo Chávez che compì la mirabolante impresa della prima transvolata delle Alpi, sorvolando i cieli […]

  

Franco Marrocco e “l’eco del boscoH2O reperti” è il nuovo capitolo a tema ambientale come citazione del mondo, in mostra alla Galleria Il Chiostro di Saronno.

eco-del-bosco-h2opiccolaL-eco-del-bosco-2015_Franco-Marrocco

Mirato alle traversie contemporanee dell’ambiente, osssessivamente deturpato, con una citazione visiva  tesa al recupero e salvataggio del mondo, Franco Marrocco porta in scena “L’Eco del bosco H2O Reperti” che  è il titolo della mostra che presenta una serie di nuove opere del ciclo “L’eco del bosco”, tema dedicato dall’artista alla “memoria” del mondo naturale e alle suggestioni sonore della sua pittura. L’esposizione si tiene alla Galleria Il Chiostro arte contemporanea a  Saronno, ed è aperta fino al 29 giugno 2019. Mi pare che da qualche tempo Franco Marrocco abbia iniziato a vivere un capitolo artistico ed espressivo tutto teso in […]

  

Scanno (L’Aquila). Le Bellezze d’Italia.

Scanno-illuminato-ora-blu1-1ITALY. Abruzze. Village of Aquila. 1951.12-450x31911Lago-di-scanno-cuore108973_scanno_scanno108974_scanno_scanno

Scanno è l’Abruzzo. Chi nomina l’Abruzzo ha in mente Scanno,  un piccolo borgo, comune in provincia dell’Aquila, di circa 1900 abitanti.  Ma il borgo è conosciuto in tutto il mondo, da quando il Mo.Ma, celebre museo statunitense ha acquisito la foto del celeberrimo maestro marchigiano Mario Giacomelli, uno dei più importanti fotografi  del ‘900. La fotografia “Il bambino di Scanno” di Mario Giacomelli  ha fatto letteralmente il giro del mondo, diventando una sorta di icona della cultura abruzzese. Lo scatto è esposto al Museo d’Arte Moderna di New York (MoMA) e risale al 1957; ritrae quattro donne in costume tradizionale, […]

  

Yann Arthus-Bertrand, il fotografo ambientalista presenta immagini de “La terra vista dal cielo”. Una straordinaria mostra al Castello di Postignano-Perugia,uno dei borghi più belli d’Italia.

??????yab_jJfUMY0.image_corps_article220px-Yann_Arthus-BertrandLEGANERD_03961717128-iharaynalgerievueduciel_bigARTHUS_BERTRAND_Yann_2009_Home_8YANN ARTHUS BERTRANDf17354eb-813d-44fd-a24e-3cd43fbc5ac5imageLa-lezione-della-Laudato-si-.-Yann-Arthus-Bertrand-Solo-una-rivoluzione-spirituale-ci-salvera-dal-riscaldamento-climatico_articleimage

Grande successo per l’inaugurazione della mostra fotografica di Yann Arthus-Bertrand che si è tenuta sabato 4 maggio 2019 a Castello di Postignano (PG), dalle ore 18.30, nell’ambito dell’ottava edizione della manifestazione culturale “Un Castello all’Orizzonte”. Il pubblico presente, arrivato anche da fuori regione, ha potuto ascoltare il grande fotografo, ambientalista e accademico di Francia che ha “raccontato” una ad una le sue opere. Yann Arthus-Bertrand è stato presentato da Pietro Del Re. L’esposizione, che presenta 46 immagini della terra scattate dall’alto, potrà essere visitata  fino al 16 giugno 2019 negli appartamenti Sabbioneta e Assisi nei seguenti orari: tutti i giorni, […]

  

Il francese Claude Monet ritorna in Liguria. A distanza di 135 anni del suo soggiorno tra Bordighera e Dolceacqua, una mostra celebra il viaggio in Riviera a Villa Regina Margherita(Bordighera) e al Castello Doria (Dolceacqua) con opere lì realizzate.

Villa Regina Margherita_esterno 2_ph Claudio GavioliINVITO_preview stampa_Monet in Riviera_29aprDolceacqua_Castello Doria 4????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

“Ho l’impressione che farò cose meravigliose”.  Dopo 135 anni dal soggiorno di Monet in Riviera, tornano a Bordighera e Dolceacqua tre dipinti del grande artista francese nel luogo dove furono realizzati. Nella rivisitazione di questa avventura artistica, Monet è protagonista insieme a un territorio straordinario, definito da lui stesso un “paese fiabesco”. Un percorso espositivo anche multimediale illustra l’esperienza dell’artista nel suo viaggio in Riviera nel 1884. E’  un evento straordinario -l’ho trovato di altissimo livello- la mostra dedicata a Claude Monet, aperta fino al 31 luglio 2019. Dopo 135 anni dal suo soggiorno, tornano a Bordighera e Dolceacqua tre […]

  

La stanza di Filippo de Pisis. Luigi Vittorio Fossati Bellani e la sua collezione in mostra a Villa Necchi Campiglio a Milano. Un omaggio a un grande collezionista italiano.

89283-Pisis72ce8822c96920d128c9fa8e45ee3e11_LAlberto_Savino_Vedova_allegra.Penelope_1940-14309-800-600-80

                                                                                                                                                                         Il FAI – Fondo Ambiente Italiano presenta a Villa Necchi Campiglio  a Milano la mostra “La stanza di Filippo de Pisis. Luigi Vittorio Fossati Bellani e la sua collezione”, aperta fino  al 15 settembre 2019. Roma, 1944: una stanza colma di arredi e oggetti preziosi, con quadri alle pareti, quasi tutti di un unico pittore: la stanza di Filippo de Pisis. La collezione è l’effetto di un sodalizio virtuoso tra pittori che dipingono e scrivono, letterati appassionati di immagini e musica, cultori delle arti e bibliofili: Luigi Vittorio Fossati Bellani ne è l’animatore. La mostra riunisce per la prima volta la collezione di opere, alcune mai […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019