Fabio Sargentini gallerista d’avanguardia vince il Premio Pino Pascali e una mostra ricorda la grande storia de L’Attico a Roma.

pascaliFabio-Sargentini-alla-Fondazione-Pascali-Polignano-a-Mare-2019.-Photo-Lorenzo-MadaroFabio-Sargentini.-My-Way.-Installation-view-at-Fondazione-Pascali-Polignano-a-Mare-2019.-Photo-©-Marino-Colucci-Sfera-_4-630x420Fabio-Sargentini.-My-Way.-Installation-view-at-Fondazione-Pascali-Polignano-a-Mare-2019.-Photo-©-Marino-Colucci-Sfera-_6WP_20190122_039-320x180Fabio-Sargentini.-My-Way.-Installation-view-at-Fondazione-Pascali-Polignano-a-Mare-2019.-Photo-©-Marino-Colucci-Sfera-_9

Fabio Sargentini storico gallerista de L’Attico è il vincitore della XXI edizione del Premio Pino Pascali. Ad annunciarlo il Comitato Scientifico presieduto dal collega Pietro Marino, e composto da Valérie Da Costa, Carlo Berardi, Marco Giusti e Rosalba Branà, direttrice della Fondazione Museo Pino Pascali. La Fondazione Museo Pino Pascali ha inaugurato il 26 gennaio 2019 alle ore 18 (ed aperta fino al 16 giugno), una mostra con uno spettacolare progetto di Fabio Sargentini. La mostra, intitolata My Way- Installazione con figure, ha l’intento di far rivivere al pubblico uno dei momenti più intensi e stimolanti della prima sede espositiva […]

  

Alla Biblioteca Nazionale Braidense di Milano il terzo atto di Insight di Erica Tamborini, dal titolo: la performance e i fotografi.

Ph. Francesco BIANCHIPh. Corrado SacchiPh. Marco GAbbanaPh. HELIYA HAQ

La Sala Maria Teresa della Biblioteca Nazionale Braidense di Milano, ospita il terzo appuntamento di Insight in Braidense, un progetto di arte relazionale incentrato sul tema della performance e la sua restituzione in immagine. Questo terzo evento ha per tema  “La performance e i fotografi”. Un prendere posto delle immagini di forme concrete, restituisce per immagini la performance di Erica Tamborini intitolata “L’artista, il cavallo e i suoi fotografi”, tenutasi il 30 agosto 2018 nel Cortile d’onore di Palazzo Cusani, sede del Comando Militare Esercito Lombardia. Tamborini, in quella occasione, aveva invitato un gruppo selezionato di fotografi alla sua performance […]

  

Eva Jospin e la foresta incantata. A Palazzo dei Diamanti di Ferrara l’artista francese con una illuminante lezione sull’ambiente. Arte e poesia della natura.

eva-jospin-offside-1-150x150OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAimmagini.quotidiano.netCarte-blanche-Eva-Jospin51OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un’interprete della scena artistica francese, Eva Jospin, è protagonista del secondo appuntamento della rassegna d’arte contemporanea Offside. Sous-bois è il titolo della mostra, aperta a Palazzo dei Diamanti fino  al 6 gennaio 2019, in contemporanea con l’esposizione “Courbet e la natura”. In omaggio al maestro francese e al suo ritorno in Italia, Eva Jospin propone un viaggio nell’universo oscuro e incantato dei boschi, delle fonti e delle grotte, motivi ricorrenti anche nella ricerca courbettiana.L’intento del progetto Offside è appunto quello di offrire uno sguardo contemporaneo sulle tematiche al centro delle esposizioni dedicate ad artisti e movimenti storicizzati e, al contempo, […]

  

Rubata la bambola di Marionette Skurril. La polizia di Berlino dà la caccia al trafugamento della bambola dell’artista.

1510933984537.PNG--berlino__scomparsa_bambola_zombie_hot

Caccia alla bambola mascherata da zombie che si masturba: è stata rubata da una chiesa evangelica. La polizia di Berlino, dunque, ha scritto quest’annuncio sulla pagina Facebook: “Chi ha notato questa scultura? È stata offerta a qualcuno come acquisto, scambio o pegno? Chi può fornire informazioni?”. Ed  ancora, è la stessa la polizia  che invita a “contattare l’ufficio responsabile o qualsiasi altro Dipartimento”. L’opera è intitolata “Waiting for the perfect man” (cioè “aspettando l’uomo perfetto”) ed è stata realizzata dall’artista Marionette Skurril: “La mia passione è la creazione di personaggi stravaganti attraverso un esagerato design di arte comica”, ha sottolineato l’artista su Instagram. La […]

  

Milo Moiré al vernissage senza nulla sotto. L’artista svizzera ha esposto, nel Canton Ticino, anche le opere realizzate con uova espulse dalla vagina.

xl_epj7xl_epjaxl_epiyxl_epj6be50c260588395764dbaed1a42c9e48b640000

L’artista performer  svizzera Milo Moiré  di cui abbiamo spesso parlato  su Il Giornale.it (SCENARI DELL’ARTE)  in occasione di eventi pubblici messi in piedi da lei e certamente anche osè, non ha tradito il suo stile in occasione del vernissage della sua nuova mostra, la prima realizzata in collaborazione con il partner Peter Palm. Qualche mese fa la sua ultima mostra in Ticino, dove ha accolto collezionisti, amici, artisti e critici, con una svolazzante vestaglietta e con sotto proprio nulla. Sì, sotto proprio nulla, perché essa stessa,  performer, era un’opera d’arte.  In mostra  anche le opere d’arte realizzate attraverso la sua […]

  

Vilipendio al Tricolore. Il Museion di Bolzano e l’artista Filippo Berta denunciati in Procura per vilipendio alla bandiera italiana. Uno sfregio all’identità nazionale.

00_Titoloqualcuno-pensi-bandiera-esposto-contro-opera-berta-museion

Nell’arte contemporanea ci sono artisti, anzi sedicenti artisti,  che si danno delle arie solo perchè sbeffeggiano in modo improprio  miti e santi, per non dire Cristo e la Bandiera della propria patria. In realtà i lavori di questi non hanno nulla a che fare con l’arte vera. Beh, qualche nome che mi viene subito in mente per il passato, Giuseppe Veneziano che giocherella con Cristo in Croce e la  Santissima Vergine Maria e arrivò persino a realizzare il ritratto di Oriana Fallaci decapitata dall’Islam. Cose oscene per non dire pessime; niente arte. Adesso è la volta  di un certo Filippo […]

  

Alla Germania il Premio per il Miglior Padiglione, alla 57° Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia. L’opera ultra concettuale è un ritratto nudo e crudo del potere.

63913-01_Anne_Imhof_Photo_Nadine_FraczkowskiPadiglione-Germania-foto-di-Irene-Fanizza-1-696x462

Su invito della curatrice Susanne Pfeffer, l’artista Anne Imhof ha realizzato per il Padiglione Tedesco alla 57. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia un lavoro titolato “Faust”. L’intervento dell’artista tedesca è stato premiato con il Leone d’Oro. L’opera ultra concettuale e completata da una performance, è un rito molto nudo e crudo del potere che stritola l’uomo e lo rende inerme, meglio lo cosifica. Nell’adattamento agli spazi e all’edificio, la nuova opera, concepita insieme al consueto team di performer, si moltiplica in nuove e avvincenti composizioni, quasi si generassero per partogenesi. . “Faust” da un lato si presenta in […]

  

Adrian Pino Olivera, il turista nudo nella Fontana di Trevi a Roma è un artista spagnolo

014815239-d3135d65-1507-430d-9fc2-abffc8cb909evenus

Lo spagnolo nudo nella Fontana di Trevi non era un turista fra i tanti che arrivano nella città eterna  ma Adrian Pino Olivera. E in Italia il personaggio è già conosciuto. Infatti lo si ricorda per essersi denudato agli Uffizi, genuflesso in mirabile contemplazione per non dire mistica lettura davanti alla Venere di Botticelli; e al Louvre, lo si era visto mimare l’apertura alare della Nike di Samotracia. Adesso, nella lista delle performance entrate nel percorso artistico dello spagnolo ecco la Fontana di Trevi e anche il nerboruto Oceano, che Pietro Bracci aiutato dal figlio Virginio scolpì con un drappo […]

  

Il Cubano Carlos Martiel espone a Roma con “Vivere nel tuo corpo”.

vivere-il-tuo-corpo-carlos-martiel-roma-2016-1CM-Sospechosoindeximagesindex457098_Carlos Martiel_2

La Galleria Rossmut di Roma ospita  dal 6 dicembre– in esclusiva assoluta per l’Italia – la mostra dell’artista CARLOS MARTIEL (L’Havana, 1989). La prima mostra personale in una galleria italiana del giovane artista cubano sarà accompagnata durante l’opening da una sua performance inedita e ideata appositamente per l’evento romano. Da sempre Martiel si esprime con il corpo, l’arte è corporale. Le performance di MARTIEL, spesso provocatorie e crude, esplorano la natura dell’esistenza, le barriere sociali e le tradizioni culturali. Una serie di azioni rivolte al pubblico, in cui l’artista cerca di toccare la profondità dell’essere umano attraverso dispositivi di sofferenza […]

  

Fabio Mauri al Museo Madre di Napoli. In mostra l’esponente delle neoavanguardie con capolavori che hanno riletto ideologie e linguaggi della propaganda.

1ggVENEZIA 29/05/13 - 55a Biennale arte - giardini di castello.215905184685(1)fabio-mauri_sitoFabio-Mauri

“Retrospettiva a luce solida” è il titolo della mostra monografica dedicata dal Museo Madre di Napoli nel mese di novembre a Fabio Mauri (Roma, 1926-2009), magistrale esponente delle neo-avanguardie della seconda metà del XX secolo, la cui pratica artistica – incentrata sull’esplorazione dei meccanismi dell’ideologia e dei linguaggi della propaganda, come dell’immaginario collettivo e delle strutture delle narrazioni mediatiche – lo impone fra i più autorevoli e seminali artisti contemporanei in campo internazionale. Organizzata in stretta collaborazione con lo Studio Fabio Mauri, la mostra – la più completa mai dedicata all’artista dopo la retrospettiva, nel 1994, alla GNAM-Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma – […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019