Ashish Gupta e Jatin Khandelwal. Il Maestro e l’Allievo: due fotografi indiani. Una mostra che racconta l’India alla Galleria Zanuso di Milano.

Ashish Gupta_A man buries himself under the sand_Juhu beach Mumbai_20-02-2002Ashish Gupta_Devotees participate in Ashadi Ekadashi Trimboli Yatra_ Kolhapur_23-07-2013Jatin Khandelwal_The desert festival_Rajasthan_2019Ashish Gupta_Jyotiba Temple devotees visit to participate in the annual temple festival_Kolhapur_03-03-2013Jatin Khandelwal_Flying boat_Vrindavan_2019Jatin Khandelwal_Evening meal_Spiti_2019Ashish Gupta_Neighbours at Mira Sadan building_Mumbai_ 26062008Ashish Gupta_Bid adieu to Ganesh Idols on the 10th day of Ganpati immersion_Kolhapur_ 18-09-2013Jatin Khandelwal_Circle of Joy_Jejuri_2019Ashish Gupta_A women labour works during a road work in Andheri_Mumbai_08032004

I volti e le sfumature più caratteristiche dell’India contemporanea si riflettono negli scatti presentati dalla Galleria Francesco Zanuso di Milano nell’intensa mostra fotografica “Ashish Gupta, Jatin Khandelwal. Il Maestro e l’Allievo: due fotografi indiani”, a cura di Caterina Corni visitabile fino al 28 novembre 2019 . La rassegna presenta in circa quaranta opere il dialogo tra le immagini del fotoreporter Ashish Gupta, classe 1981, realizzate tra il 2002 e il 2015, e le fotografie tutte scattate quest’anno appositamente per l’esposizione da Jatin Khandelwal, studente della Facoltà di Fotografia della Symbiosis University di Pune, appena ventunenne. Due giovani generazioni a confronto, […]

  

Steve McCurry, fotografo celebrato internazionalmente, si misura sulla lettura in una mostra a Modena.

McCurry1McCurryMcCurry4McCurry%2010McCurry%203McCurry8

La Sala Mostre delle Gallerie Estensi di Modena ospita la mostra Leggere di Steve McCurry, uno dei fotografi più celebrati a livello internazionale per la sua capacità d’interpretare il tempo e la società attuale. L’esposizione, aperta fino al 6 gennaio 2020, promossa dalle Gallerie Estensi di Modena, organizzata da Civita Mostre e Musei, curata da Biba Giacchetti, con i contributi letterari dello scrittore Roberto Cotroneo, presenta 70 immagini, dedicate alla passione universale per la lettura, realizzate dall’artista americano (Philadelphia, 1950) in quarant’anni di carriera e che comprendono la serie che egli stesso ha riunito in un volume, pubblicato come omaggio al grande fotografo […]

  

La Firenze dei Signorini, Giovanni e Telemaco, in mostra a Palazzo Antinori a Firenze. Dalla pittura di paesaggio alla figurazione tardo-romantica.

signorini-telemaco-thumbSignorini-T-Il-vecchio-mercato45_-Signorini-T_-Villa-toscana32_-Signorini-T_-Lezione-di-pianoforte263f3040c0signorini-telemaco-la-sala-delle-agitate

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. Palazzo Antinori. Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci. La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a […]

  

Due sculture di Libero Andreotti agli Uffizi. Si aggiungono alle Collezioni della Galleria D’Arte Moderna di Palazzo Pitti.

Inv. GAA18507 e  inventario sculture 1987GAA18508 e  inventario sculture 1988GAA18508 e  inventario sculture 1988

Entrano nella Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti  a Firenze “La venditrice di limoni” e il “Ritratto di Paola Ojetti”. Per l’occasione le due opere, pluripremiate, sono esposte insieme alla “Natura morta con sei Limoni” del pittore piemontese Felice Casorati. Schmidt: “Sculture di grande interesse storico che testimoniano anche il ruolo svolto da Ugo Ojetti per le collezioni della Gam” Due sculture in bronzo di Libero Andreotti si aggiungono alle altre sue importanti opere (sia pittoriche che plastiche) nelle collezioni della Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti: negli ambienti un tempo residenza dei Lorena, al secondo piano di Palazzo Pitti, […]

  

I Preraffaelliti tra amore e desiderio. Una straordinaria mostra sul movimento inglese a Palazzo Reale a Milano.

Preraffaelliti6bbd56840dIMG_1121PreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaelliti

In Europa scoppiano le rivoluzioni politiche e sociali che coinvolgono quasi tutte le nazioni. In Inghilterra sette studenti si uniscono per produrre una rivoluzione artistica: liberare la pittura britannica dalle convenzioni e dalla dipendenza dai vecchi maestri. Gli uomini e le donne della cerchia cosiddetta “preraffaellita” sperimentano nuove convinzioni, nuovi stili di vita e di relazioni personali, radicali quanto la loro arte. I loro splendidi dipinti sono in mostra al pubblico per la prima volta a Milano grazie allo straordinario progetto di collaborazione tra Palazzo Reale e Tate Britain. La mostra “Preraffaelliti. Amore e desiderio”, promossa e prodotta dal Comune […]

  

Vivian Maier, icona internazionale della fotografia, presenta i suoi autoritratti in una prima mostra in Italia a Trieste.

91857-unnamed2330vivian_maier_coverimagesa02_-VIVIAN-MAIER-SELF-PORTRAIT-UNDATED-PALAZZO-PALLAVICINI-BOLOGNA-copyright-Vivian-Maier-Maloof-Collection-Courtesy-Howard-Greendberg-Gallery-New-Yorkimage_00_immagine_copertina-e1520267039371Lei-Vivian-Maier-6-1170x1170

Il Magazzino delle Idee a Trieste presenta, fino al 22 settembre 2019,  per la prima volta in Italia, la mostra Vivian Maier, The Self-Portrait and its Double, a cura di Anne Morin, realizzata e organizzata dall’Ente per il patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia in collaborazione con diChroma photography, Madrid, John Maloof Collection e Howard Greenberg Gallery New York. 70 autoritratti, di cui 59 in bianco e nero e 11 a colori, questi ultimi mai esposti prima d’ora sul territorio italiano, raccontano la celebre fotografa attraverso i suoi autoritratti scattati quando ancora, da sconosciuta bambinaia, passava il tempo a fotografare senza la consapevolezza di essere destinata […]

  

Balla, Boccioni e Depero. I Futuristi e il sogno della modernità in una mostra ai Musei civici di Domodossola.

domodossola_pal_san_francescoART_domodossola.futurismoTullio-Crali-Le-forze-della-curva-1930-olio-su-cartone-Mart-Museo-di-Arte-Moderna-e-Contemporanea-di-Trento-e-Rovereto8_MGZOOM0Benedetta-Cappa-MarinettiVelocità-di-motoscafo-1922-olio-su-tela-Galleria-darte-Moderna-Roma91909-unnamed_1_Giacomo-Balla-Velmare-o-Mare-cielo-vele-1919-olio-su-tela-Reggio-Emilia-collezione-Credemr_810x810_img-20190621-wa000612_MGZOOM1Umberto-Boccioni-Ritratto-dellavvocato-Carlo-Caetani-1907-olio-su-tela-Collezione-Fondazione-Cariverona-Verona1-khvF-U31201750794337umC-656x492@Corriere-Web-Torino

I Musei Civici di Palazzo San Francesco hanno riaperto  i battenti con una grande mostra dedicata al Futurismo, per raccontare un’epoca d’oro della città di Domodossola, scaraventata nel pieno della logica futurista e coinvolta nell’immaginario della modernità. Ai piedi delle Alpi sono arrivati  oltre settanta capolavori di Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero, Gerardo Dottori, Tullio Crali e tanti altri artisti in dialogo con le affascinanti sculture delle donne ossolane in abiti d’epoca, la prima macchina immatricolata nella Provincia di Novara e l’aeroplano dell’aviatore peruviano Geo Chávez che compì la mirabolante impresa della prima transvolata delle Alpi, sorvolando i cieli […]

  

La fotografia e le sue tecniche. Dal dagherrotipo al digitale. Una mostra per il 180° anniversario della nascita della fotografia si tiene al Museo della Tecnica Elettrica (MTE) a Pavia con la supervisione dell’Università.

Collezione-Ambrotipo-3Collezione-CianografiaCollezione-Stampa-allalbumina-Ritratto-femminileCollezione-Diapositiva-su-vetro-2-Edizioni-Vasari-Roma-Carro-a-vinoCollezione-Ferrotipia-1-gruppoCollezione-Stampa-ai-sali-dargento-su-carta-politenata-Eliio-Loxardo-ritratto-femminile

La storia della fotografia, l’invenzione che quest’anno festeggia il suo 180° compleanno, è sempre stata frutto di emozioni, ricerche, innovazioni infinite che non si fermano né conoscono frontiere, passando da arte riservata a pochi a mezzo di comunicazione universale. La fotografia si basa su due grandi principi, quello estetico-creativo e quello tecnologico ma se la sua storia si è giustamente identificata con quella dei grandi autori che l’hanno realizzata, meno attenzione è stata riservata alla straordinaria evoluzione delle sue tecniche.  È dunque nell’ottica di raccontare proprio le tecniche che ne hanno segnato la crescita della fotografia che il Museo della […]

  

Giuliano Grittini e il trionfo della Cracker Art. La cultura pop tra mito e bellezza in mostra alla Galleria Deodato di Milano.

140x100italiamarilyn blu max 140x100 (2)Merini Leonardo  25x25 x (2)CRACKER ART 2019.inddMerini  leo 7,5x10 Arev184893(1)-ori

Molti sgranano gli  occhi a sentir parlare di cracker art, taluni pensano sia qualcosa di rivisitazione del decollage, pochi, o nessuno, indagano sulle postulazioni di quella che è, invece, a nostro avviso l’ultima fase dell’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica. Non è poco. Anzi è un fatto storico significativo che Grittini abbia veicolato in arte  un  clima di costume e di storia  -come certamente è-  che segna la fine del novecento, ovvero del secolo che apre alle nuove tecnologie e ai media del terzo millennio.  E’ vero che Grittini gareggia a mettere sugli altari visivi  le icone pop del cinema […]

  

Gely Korzhev(1925-2012) torna a Venezia. La figura artistica più esplodente dell’arte sovietica in mostra a Cà Foscari a Venezia.

IMMAGINE-GUIDA-copia (2)lancioverniceAlzati-Ivan-1997Il-nuovo-slogan.1-1998(1)La-guardiana (2)Il-pittoreAdam-Andreevich-e-Eva-PetrovnaMarusjaMattina-grigia.-Nudo-su-sfondo-con-finestra.-2006

Torna a Venezia Gely Korzhev (1925-2012), una delle figure più eminenti del panorama pittorico, prima sovietico e poi russo, della seconda metà del Novecento. Il ritorno tra le lagune cade esattamente 57 anni dopo la sua partecipazione alla XXXI Biennale, quando, assieme tra gli altri a Viktor Popkov, risultò, nel padiglione dell’URSS, la voce più convincente del cosiddetto “stile severo” che cercava, nell’alveo ancora quasi inscalfito del realismo socialista, una via espressiva d’uscita dai canoni ferrei dell’epoca staliniana. La mostra “Gely Korzhev. Back to Venice” – realizzata grazie a un’azione congiunta tra Galleria Tret’jakov, the Institute of Russian Realist Art […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019