I Preraffaelliti tra amore e desiderio. Una straordinaria mostra sul movimento inglese a Palazzo Reale a Milano.

Preraffaelliti6bbd56840dIMG_1121PreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaellitiPreraffaelliti

In Europa scoppiano le rivoluzioni politiche e sociali che coinvolgono quasi tutte le nazioni. In Inghilterra sette studenti si uniscono per produrre una rivoluzione artistica: liberare la pittura britannica dalle convenzioni e dalla dipendenza dai vecchi maestri. Gli uomini e le donne della cerchia cosiddetta “preraffaellita” sperimentano nuove convinzioni, nuovi stili di vita e di relazioni personali, radicali quanto la loro arte. I loro splendidi dipinti sono in mostra al pubblico per la prima volta a Milano grazie allo straordinario progetto di collaborazione tra Palazzo Reale e Tate Britain. La mostra “Preraffaelliti. Amore e desiderio”, promossa e prodotta dal Comune […]

  

Vivian Maier, icona internazionale della fotografia, presenta i suoi autoritratti in una prima mostra in Italia a Trieste.

91857-unnamed2330vivian_maier_coverimagesa02_-VIVIAN-MAIER-SELF-PORTRAIT-UNDATED-PALAZZO-PALLAVICINI-BOLOGNA-copyright-Vivian-Maier-Maloof-Collection-Courtesy-Howard-Greendberg-Gallery-New-Yorkimage_00_immagine_copertina-e1520267039371Lei-Vivian-Maier-6-1170x1170

Il Magazzino delle Idee a Trieste presenta, fino al 22 settembre 2019,  per la prima volta in Italia, la mostra Vivian Maier, The Self-Portrait and its Double, a cura di Anne Morin, realizzata e organizzata dall’Ente per il patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia in collaborazione con diChroma photography, Madrid, John Maloof Collection e Howard Greenberg Gallery New York. 70 autoritratti, di cui 59 in bianco e nero e 11 a colori, questi ultimi mai esposti prima d’ora sul territorio italiano, raccontano la celebre fotografa attraverso i suoi autoritratti scattati quando ancora, da sconosciuta bambinaia, passava il tempo a fotografare senza la consapevolezza di essere destinata […]

  

Balla, Boccioni e Depero. I Futuristi e il sogno della modernità in una mostra ai Musei civici di Domodossola.

domodossola_pal_san_francescoART_domodossola.futurismoTullio-Crali-Le-forze-della-curva-1930-olio-su-cartone-Mart-Museo-di-Arte-Moderna-e-Contemporanea-di-Trento-e-Rovereto8_MGZOOM0Benedetta-Cappa-MarinettiVelocità-di-motoscafo-1922-olio-su-tela-Galleria-darte-Moderna-Roma91909-unnamed_1_Giacomo-Balla-Velmare-o-Mare-cielo-vele-1919-olio-su-tela-Reggio-Emilia-collezione-Credemr_810x810_img-20190621-wa000612_MGZOOM1Umberto-Boccioni-Ritratto-dellavvocato-Carlo-Caetani-1907-olio-su-tela-Collezione-Fondazione-Cariverona-Verona1-khvF-U31201750794337umC-656x492@Corriere-Web-Torino

I Musei Civici di Palazzo San Francesco hanno riaperto  i battenti con una grande mostra dedicata al Futurismo, per raccontare un’epoca d’oro della città di Domodossola, scaraventata nel pieno della logica futurista e coinvolta nell’immaginario della modernità. Ai piedi delle Alpi sono arrivati  oltre settanta capolavori di Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero, Gerardo Dottori, Tullio Crali e tanti altri artisti in dialogo con le affascinanti sculture delle donne ossolane in abiti d’epoca, la prima macchina immatricolata nella Provincia di Novara e l’aeroplano dell’aviatore peruviano Geo Chávez che compì la mirabolante impresa della prima transvolata delle Alpi, sorvolando i cieli […]

  

La fotografia e le sue tecniche. Dal dagherrotipo al digitale. Una mostra per il 180° anniversario della nascita della fotografia si tiene al Museo della Tecnica Elettrica (MTE) a Pavia con la supervisione dell’Università.

Collezione-Ambrotipo-3Collezione-CianografiaCollezione-Stampa-allalbumina-Ritratto-femminileCollezione-Diapositiva-su-vetro-2-Edizioni-Vasari-Roma-Carro-a-vinoCollezione-Ferrotipia-1-gruppoCollezione-Stampa-ai-sali-dargento-su-carta-politenata-Eliio-Loxardo-ritratto-femminile

La storia della fotografia, l’invenzione che quest’anno festeggia il suo 180° compleanno, è sempre stata frutto di emozioni, ricerche, innovazioni infinite che non si fermano né conoscono frontiere, passando da arte riservata a pochi a mezzo di comunicazione universale. La fotografia si basa su due grandi principi, quello estetico-creativo e quello tecnologico ma se la sua storia si è giustamente identificata con quella dei grandi autori che l’hanno realizzata, meno attenzione è stata riservata alla straordinaria evoluzione delle sue tecniche.  È dunque nell’ottica di raccontare proprio le tecniche che ne hanno segnato la crescita della fotografia che il Museo della […]

  

Giuliano Grittini e il trionfo della Cracker Art. La cultura pop tra mito e bellezza in mostra alla Galleria Deodato di Milano.

140x100italiamarilyn blu max 140x100 (2)Merini Leonardo  25x25 x (2)CRACKER ART 2019.inddMerini  leo 7,5x10 Arev184893(1)-ori

Molti sgranano gli  occhi a sentir parlare di cracker art, taluni pensano sia qualcosa di rivisitazione del decollage, pochi, o nessuno, indagano sulle postulazioni di quella che è, invece, a nostro avviso l’ultima fase dell’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica. Non è poco. Anzi è un fatto storico significativo che Grittini abbia veicolato in arte  un  clima di costume e di storia  -come certamente è-  che segna la fine del novecento, ovvero del secolo che apre alle nuove tecnologie e ai media del terzo millennio.  E’ vero che Grittini gareggia a mettere sugli altari visivi  le icone pop del cinema […]

  

Gely Korzhev(1925-2012) torna a Venezia. La figura artistica più esplodente dell’arte sovietica in mostra a Cà Foscari a Venezia.

IMMAGINE-GUIDA-copia (2)lancioverniceAlzati-Ivan-1997Il-nuovo-slogan.1-1998(1)La-guardiana (2)Il-pittoreAdam-Andreevich-e-Eva-PetrovnaMarusjaMattina-grigia.-Nudo-su-sfondo-con-finestra.-2006

Torna a Venezia Gely Korzhev (1925-2012), una delle figure più eminenti del panorama pittorico, prima sovietico e poi russo, della seconda metà del Novecento. Il ritorno tra le lagune cade esattamente 57 anni dopo la sua partecipazione alla XXXI Biennale, quando, assieme tra gli altri a Viktor Popkov, risultò, nel padiglione dell’URSS, la voce più convincente del cosiddetto “stile severo” che cercava, nell’alveo ancora quasi inscalfito del realismo socialista, una via espressiva d’uscita dai canoni ferrei dell’epoca staliniana. La mostra “Gely Korzhev. Back to Venice” – realizzata grazie a un’azione congiunta tra Galleria Tret’jakov, the Institute of Russian Realist Art […]

  

Giuliano Vangi. Lo scultore italiano che dalla matita allo scalpello ha dato un senso all’uomo e all’umanità. Una singolare mostra da Bottegantica a Milano ne mette in risalto la chiara fama.

vangi0Vangi-Giuliano-Donna-e-paesaggio-1982-M.88399-Vangi-Giuliano-Studio-di-figura-1977-m_index54732227_116508052866581_3410363028189308797_n

Con la mostra personale di Giuliano Vangi, Bottegantica apre un suo nuovo spazio espositivo in quello che fu uno dei luoghi dove si è fatta la storia dell’arte italiana del secondo Novecento. Qui, in via Manzoni 45, dal 1946 ebbe infatti sede la Galleria del Naviglio, diretta sino al 2001 da Carlo Cardazzo. “Giuliano Vangi. Dalla matita allo scalpello”, curata da Enzo Savoia, Stefano Bosi e Valerio Mazzetti Rossi, è aperta al pubblico fino al 12 maggio 2019. Con questa mostra, Bottegantica prosegue il suo progetto Contemporary / Lab, format con cui intende rendere omaggio alle principali personalità artistiche del […]

  

La stanza di Filippo de Pisis. Luigi Vittorio Fossati Bellani e la sua collezione in mostra a Villa Necchi Campiglio a Milano. Un omaggio a un grande collezionista italiano.

89283-Pisis72ce8822c96920d128c9fa8e45ee3e11_LAlberto_Savino_Vedova_allegra.Penelope_1940-14309-800-600-80

                                                                                                                                                                         Il FAI – Fondo Ambiente Italiano presenta a Villa Necchi Campiglio  a Milano la mostra “La stanza di Filippo de Pisis. Luigi Vittorio Fossati Bellani e la sua collezione”, aperta fino  al 15 settembre 2019. Roma, 1944: una stanza colma di arredi e oggetti preziosi, con quadri alle pareti, quasi tutti di un unico pittore: la stanza di Filippo de Pisis. La collezione è l’effetto di un sodalizio virtuoso tra pittori che dipingono e scrivono, letterati appassionati di immagini e musica, cultori delle arti e bibliofili: Luigi Vittorio Fossati Bellani ne è l’animatore. La mostra riunisce per la prima volta la collezione di opere, alcune mai […]

  

La celebre Inge Morath prima donna fotografa dell’agenzia fotografica Magnum Photos, in una grande retrospettiva italiana a Treviso.

ISRAEL. Jerusalem. 1958. Inge Morath, Austrian photographer. Self-portrait.PAR36863Iran1956-640x421NYC48458AlbertoGiacometti1958-640x410PAR29998Hepburn195987903-h_21_NYC11340_USA. New York City. 1957. A Llama in Times Square.PAR22792MrsNash1953-640x429NYC112089Steineberg1961

Casa dei Carraresi di Treviso accoglie, dopo il successo della mostra su Elliott Erwitt ed i suoi cani, la prima grande retrospettiva italiana (aperta fino al 2 giugno 2019) di Inge Morath, la prima donna ad essere inserita nel cenacolo, all’epoca tutto maschile, della celebre agenzia fotografica Magnum Photos. Impropriamente nota alle cronache più per aver sostituito la mitica Marilyn Monroe nel cuore dello scrittore Arthur Miller, divenendone moglie e compagna di vita, è stata in realtà soprattutto una straordinaria fotografa ed una fine intellettuale. Il suo rapporto con la fotografia è stato un crescendo graduale: dopo aver lavorato come […]

  

Roberto Rosso, maestro della fotografia italiana d’avanguardia a Brera, in mostra al Plus Berlin, con una serie di scatti dal titolo “Il terzo millennio al Sacro Monte” nel cuore di Berlino e dell’Europa.

Schermata 2018-09-27 a 07.21.36ROSSO-DI-SERASchermata 2018-09-27 a 07.25.49SacroMonte-800CristoPretorio-800

Cos’è l’Italia se non una grande nazione d’Europa? Ma l’Italia è anche Europa così come l’Europa non potrebbe dirsi tale senza l’Italia. E quando parlo d’’Italia non alludo solo alla sua economia, ma soprattutto alla cultura e all’arte che la vivifica e la fa germogliare ancora dopo millenni di storia.  “Strade d’Europa” si campiona  ad essere, in una città come Berlino, cuore d’Europa, lo specchio di un’arte  di frontiera, assolutamente in movimento, ipermoderna, ipertesa, ipercolta, mente e cuore, ma anche progetto e destino della comunicazione estetica. Il progetto è locato in un edificio neogotico – già nobile scuola di grafica […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020