Tributo a Carlo Bononi. L’ultimo sognatore dell’Officina ferrarese in mostra a Palazzo dei Diamanti a Ferrara.

72625-SanSebastiano72627-BononiSanSebastiano72623-GenioArti54367-Bononi72619-SantAgata72631-NoliMeTangere

Non c’è dubbio, il suo nome è stato accostato a quelli di Caravaggio e Zurbarán. E Guido Reni ne ammirava la “sapienza grande nel disegno e nella forza del colorito”. Pochi sono stati capaci di dipingere nudi maschili più potenti e seducenti di quelli creati da Carlo Bononi. Le sue tele sono vere e proprie meraviglie pittoriche create in tempi tragici, di carestie e pestilenze, nell’Italia di inizio Seicento. A servizio, ma non troppo, della Controriforma. Un capitolo della storia dell’arte affascinante anche se poco conosciuto. La mostra che ho visto qualche settimana fa  è  certo  un appuntamento espositivo riservato […]

  

L’arte della Predicazione tra ‘400 e ‘700. A Loreto nel Museo della Santa Casa, l’arte che salva con opere di Crivelli, Lotto e Guercino.

phoca_thumb_l_6_%20il%20taglio%20del%20nastrophoca_thumb_l_1_%20dott_%20paolo%20bedeschi%20amministratore%20unico%20artifex%20international%20e%20prof_%20giovanni%20morellophoca_thumb_l_3_%20conferenza%20stampaphoca_thumb_l_9_%20allestimentophoca_thumb_l_14_%20allestimentophoca_thumb_l_13_%20allestimentophoca_thumb_l_12_%20allestimentophoca_thumb_l_11_%20allestimentophoca_thumb_l_10_%20allestimentophoca_thumb_l_9_%20allestimento

Aperta presso il Museo-Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto la mostra “L’arte che salva. Immagini della predicazione tra Quattrocento e Settecento. Crivelli, Lotto, Guercino”, a cura di Francesca Coltrinari e Giuseppe Capriotti dell’Università di Macerata, finalizzata alla valorizzazione e alla tutela del patrimonio artistico e culturale dei luoghi colpiti dal sisma ed al rilancio dal punto di vista turistico ed economico degli stessi. La mostra apre il ciclo di eventi “Mostrare le Marche”, il progetto Biennale della Regione Marche che ha preso il via con Loreto e ha visto nel 2017, ulteriori mostre a Macerata e Ascoli Piceno, mentre […]

  

Capriccio e Natura, l’Arte nelle Marche del secondo Cinquecento. Nei musei Civici di Macerata la bellezza nei secoli d’oro dell’arte tra ‘500 e ‘600.

imagemailimmagini.quotidiano.net884cad6af2-418d-49c0-95f8-8be4560f3b8fimmagini.quotidiano.net 12immagini.quotidiano.netimmagini.quotidiano.net7immagini.quotidiano.net79immagini.quotidiano.net09immagini.quotidiano.net6

Ecco una mostra di rilievo, italiana, che affronta l’arte fra secoli d’oro; ha per titolo “La mostra Capriccio e Natura: Arte nelle Marche del secondo Cinquecento. Percorsi di rinascita”, coglie l’occasione del temporaneo trasferimento ai Musei civici di Palazzo Buonaccorsi a Macerata dei dipinti della Chiesa di Santa Maria delle Vergini a Macerata per un ripensamento completo di quel cantiere e del suo ruolo nello svolgere artistico nelle Marche alla fine del XVI secolo. Dallo straordinario punto di osservazione maceratese la visuale si apre poi ad abbracciare la pluralità affascinante di presenze artistiche nell’intera regione fra Cinque e Seicento, illuminando […]

  

Leopoldo de’ Medici principe dei collezionisti. In mostra il Tesoro dei Granduchi a Palazzo Pitti-Firenze .

Fig.-2_civita_image_hd_attach (1)Fig.-5_civita_image_hd_attachFig.-6_civita_image_hd_attachFig.-7_civita_image_hd_attachFig.-3_civita_image_hd_attachFig.-10_civita_image_hd_attachFig.-8_civita_image_hd_attach (1)Fig.-9_civita_image_hd_attachFig.-1_civita_image_hd_attach

Enciclopedica figura di erudito, divenuto cardinale all’età di cinquant’anni, Leopoldo de’ Medici (Firenze, 1617 – 1675), figlio del granduca Cosimo II e dell’arciduchessa Maria Maddalena d’Austria, spicca nel panorama del collezionismo europeo per la vastità dei suoi interessi e la varietà delle opere raccolte. Servendosi di abilissimi agenti, mercanti e segretari italiani e stranieri, radunò, nel corso della sua vita, esemplari eccellenti e raffinati nei più diversi ambiti: sculture antiche e moderne, monete, medaglie, cammei, dipinti, disegni e incisioni, avori, oggetti preziosi e in pietre dure, ritratti di piccolo e grande formato, libri, strumenti scientifici e rarità naturali. Uomo scrupoloso […]

  

Capolavori del Sassoferrato, dal Louvre a San Pietro. La collezione riunita. Torna a casa l’Immacolata Concezione, capolavoro del Salvi.

sassoferrato-annunciazioneimages44sassoferrato-trasporto-cristosgarbi-2small55smallsassoferrato-santa-caterina-e-gesu-300x258small77sassoferrato-santa-barbara-150x150sassoferrato-santa-apollonia-150x150DSC5296-Betsabea-150x150

Dopo più di due secoli torna a casa L’Immacolata Concezione, capolavoro di Giovan Battista Salvi detto il Sassoferrato. La magnifica pala, oggi nel Museo del Louvre, venne trasferita in Francia da Dominique-Vivant Denon, direttore del Musée Napoleon; da allora non è più rientrata in Italia. Era tra i tesori della millenaria abbazia benedettina di San Pietro a Perugia. A ottenere il rientro dell’opera, naturalmente temporaneo, è stata la Fondazione per l’Istruzione Agraria, presieduta dal Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, professor Franco Moriconi. L’ Immacolata Concezione del Louvre è ora  esposta accanto a una quarantina di dipinti, in parte […]

  

Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi in mostra al Castello di Novara. Dal Rinascimento al Neoclassico, in rassegna le grandi scuole italiane dell’arte.

0de0e7d2058a27c3c15200ca0bcebb0f_LSgarbi_con_Chiamparino_alla_mostralow-6676-800-600-8068283-23_cantarinidettagliosalalow-6673-800-600-80dettagliosalablulow-6672-800-600-80sala_mostraLOW-6677-800-600-80JS7OY3AC7888-kp1-U1101222625559sFB-1024x576@LaStampa.it

E’ una mostra superba quella messa in piedi da Vittorio  Sgarbi sulle opere di Sgarbi.  All’inaugurazione  il sindaco ricorda che lo stesso Sgarbi ha scelto Novara: “Quando è venuto a Novara e l’abbiamo portato a visitare il Castello, è stato subito attratto dall’ala nord, al primo piano, dove ci sono una decina di stanze di dimensioni ridotte; il posto più adatto per ambientare le sue “stanze segrete”, e credo che sia stata una scelta azzeccata. L’effetto è straordinario”. Dopo aver acquisito, dal 1976, 2800 titoli dei 3500 elencati da Julius von Schlosser nella sua La letteratura artistica, Vittorio Sgarbi capisce “che quadri […]

  

I Capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca, da Raffaello a Balla, in mostra al Forte di Bard di Aosta. Spettacolare mostra italiana.

0392-raffaello-putto-reggifestone0b6eb7b879847c2cc550d7af3034aa1c_L67403-FRANCESCO-BARBIERIpacettiStitched Panorama67393-BENEDETTO-LUTI67405-FRANCESCO-HAYEZ

Il Forte di Bard ospita fino al 7 gennaio 2018 la mostra “I Capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca. Da Raffaello a Balla”. L’evento espositivo nasce dalla collaborazione tra l’Associazione Forte di Bard e l’Accademia Nazionale di San Luca, una delle più antiche e importanti istituzioni culturali italiane attive a livello nazionale e internazionale nel campo dell’arte. In occasione della mostra è concessa in prestito una selezione ampia e rappresentativa della preziosa collezione dell’Accademia, costituitasi a partire dal Seicento principalmente grazie ai doni e ai lasciti di accademici o di collezionisti privati o attraverso i concorsi banditi dall’Accademia stessa. 115 […]

  

Al Castello Aragonese di Otranto in mostra Caravaggio e i caravaggeschi nell’Italia meridionale dalla collezione della Fondazione Longhi.

01_frl_78_ca65b9e80e7d8a4dac224ae2f6194e1b07_frl 16802_frl 12705_frl 17503_frl 7404_frl 13008_frl 13306_frl 106

“Caravaggio sarà piuttosto il primo dell’età moderna […]. Il pubblico cerchi dunque di leggere ‘naturalmente’ un pittore che ha cercato di essere ‘naturale’, comprensibile; umano più che umanistico; in una parola, popolare”. Così scriveva Roberto Longhi.   Dopo lo straordinario successo della mostra dedicata a Steve McCurry nell’estate 2016, il Comune di Otranto e Civita Mostre hanno organizzato fino al 24 settembre 2017, nei suggestivi ambienti del Castello Aragonese una mostra dedicata a Caravaggio e ai pittori caravaggeschi che hanno operato nell’Italia meridionale. Ed è il caso di dire che finalmente il Salento squaderna mostre di grande impegno, bellezza e […]

  

Antoon van Dyck, uno dei grandi maestri dell’arte seicentesca, in mostra all’Accademia Carrara di Bergamo con un capolavoro.

Van Dyck_Compianto_AC

La grande pittura europea ospite  all’Accademia Carrara di Bergamo. Antoon van Dyck, uno dei grandi maestri dell’arte seicentesca, arriva a Bergamo grazie a un prestito straordinario (fino al 18 settembre). Il grande dipinto Compianto su Cristo morto, databile tra il 1628 e 1632, inaugura una serie dedicata ai protagonisti della pittura europea, un percorso che l’Accademia Carrara vuole intraprendere per favorire il confronto tra maestri italiani e internazionali. La cultura italiana, essendosi meravigliosamente sviluppata con secolare continuità e capillare diffusione, ha spesso corso il rischio di fare riferimento solo a se stessa. Ma il fascino delle innumerevoli proposte capaci di […]

  

Lo sguardo dell’altro. L’omosessualità nei capolavori dell’arte occidentale in mostra al Museo del Prado.

20170614-636330356916127386_20170614111638-kvAB--656x437@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204855_imagenes_lv_terceros_cc40e420-1b2a-4153-a2d7-622c2a60f1d0-kDx--656x831@LaVanguardia-WebErmafrodita-1-696x392img_scolome_20170614-155441_imagenes_lv_terceros_d6a56ce7-9cf5-446f-ace1-620334e8a1c7-kvAB--656x228@LaVanguardia-Web20170614-636330353755085533_20170614111136-kvAB-U423380475973p5D-992x558@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204607_imagenes_lv_terceros_d0252f42-d432-409d-b891-416ea70b68b5-kDx--656x1009@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204121_imagenes_lv_terceros_a527657f-e875-4cd3-861d-359eeb445251-kDx--656x1231@LaVanguardia-Webimage

Il  Museo del Prado, tempio dell’arte a Madrid   accoglie in questi giorni una mostra sul tema dell’omosessualità, dal titolo “Lo sguardo dell’altro. Scenari per una differenza”. Potrà essere scioccante per i perbenisti l’intera tematica inscenata, ma i capolavori esposti  sono e hanno dell’incredibile. “La mirada del otro. Escenarios para la diferencia.” è infatti il titolo dell’iniziativa del Prado che, fino al 10 settembre, propone un itinerario guidato tra le sue sale pensato per contemplare la realtà storica delle relazioni sentimentali tra persone dello stesso sesso o di identità sessuali “fuori dalla norma”. La mostra si tiene in  occasione della celebrazione […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018