L’esempio di San Carlo Borromeo che affrontò così l’epidemia di peste del suo tempo.Gesti oggi più che mai esemplari.

San_Carlo_Borromeo-1771px-Chiesa_Madonna_Assunta_AlessanoSan_Carlo_Borromeo_-_AlessanoDon_Juan_D_Austriaunnamed.jpgcccunnamedsancarlo

San Carlo Borromeo (1538-1584) è il compatrono di Milano insieme a Sant’Ambrogio, cardinale di Santa Romana Chiesa e arcivescovo di Milano dal 1565 al 1583; fu definito, nel decreto di canonizzazione, come «un uomo che, mentre il mondo gli sorride con le maggiori blandizie, vive crocifisso al mondo, vive dello spirito, calpestando le cose terrene, cercando continuamente le celesti, emulo in terra, nei pensieri e nelle opere, della vita degli Angeli» (Paolo V, Bolla « Unigenitus » del 1 Nov. 1610). E’ il mio santo, ne porto il suo nome, come la mia nonna paterna Carolina Stasi Franza che si recava spesso […]

  

Giappone. Terra di Geisha e Samurai. Una mostra alla scoperta del Sol Levante alla Villa Reale di Monza.

lancio-verYoshu Chinkanobu, Passatempi di beltà femminili in un giorno nevoso, trittico di xilografie policrome in formato oban, 35,5x70,5 cm, firmata Il pennello di Yoshu Chikanobu, 1838-1912-3-2Mostre: il Giappone alla villa Reale di MonzagiaooiTigre e cucciolo, paravento

Il meglio di due grandi collezioni private, unito per offrire a Monza, in Villa Reale ( fino  al 2 giugno 2020 ), un viaggio iniziatico in Giappone, paese la cui cultura e le cui arti affascinano da sempre, per grandissima varietà e raffinatezza.  Il percorso espositivo, messo a punto da Francesco Morena, propone uno spaccato delle arti tradizionali dell’arcipelago estremo-orientale attraverso una precisa selezione di opere databili tra il XIV e il XX secolo, tutte provenienti dalla raccolta di Valter Guarnieri, collezionista trevigiano con una grande passione per l’Asia orientale, alle quali si uniscono, in questa speciale occasione, alcuni kimono […]

  

Giovanni Antonio Cybei (1706-1784). Un grande scultore tra barocco e neoclassicismo celebrato dalla Galleria Estense di Modena.

IMG_20191017_123253IMG_20191017_123643IMG_20191017_142513IMG_20191017_123959IMG_20191017_143035IMG_20191017_142601

L’esposizione riunisce, per la prima volta, il nucleo di opere modenesi di questo grande artista, di formazione toscana e romana, che ha lungamente lavorato per l’alta committenza italiana e per le corti di Europa e di Russia.  Fino  al 15 marzo 2020, la Galleria Estense di Modena celebra la figura di Giovanni Antonio Cybei (1706-1784), grande scultore, portavoce di un linguaggio versatile, capace di moderare l’enfasi drammatica barocca con formule più sintetiche e aggraziate, che gli garantirono fortuna presso l’alta committenza italiana e le corti di Europa e Russia. La rassegna, curata da Martina Bagnoli, direttrice delle Gallerie Estensi, e da […]

  

L’arte della giustizia e la giustizia nell’arte. Una mostra storica a Palazzo Reale a Napoli che attraverso i secoli documenta un tema ancor oggi attualissimo.

Giotto_di_Bondone_-_No._43_The_Seven_Virtues_-_Justice_-_WGA0927093429c17e4b38dbc8a8e5136bf2fe45f_XLPalazzo-Reale-Allestimento-fonte-Scabece3579a0d-f56c-41c2-9dba-028fb0f34118giustizia_rcs_600x338-2foto-n--31mostra1

La Giustizia e l’Arte, un grande tema, trasversale, presente nell’iconografia di tutte le epoche e raccontato in immagini, quadri, sculture da tutti i più grandi artisti. Si chiama “L’arte della giustizia, la giustizia nell’arte”, la mostra a Palazzo Reale di Napoli – diretto dall’arch. Paolo Mascilli Migliorini – che racconta il tema della Giustizia e dei suoi tantissimi significati, attraverso l’arte con opere e interpretazioni dei diversi momenti storici. Un’esposizione sostenuta e realizzata dalla Regione Campania attraverso la SCABEC, ideata e promossa dal Centro Europeo per il Turismo e la Cultura di Roma, in collaborazione con il Polo Museale della […]

  

Ludovico Carracci al Museo della Cattedrale a Piacenza. L’arte della Controriforma.

01_9904_313_012_0

L’iniziativa, che si tiene in occasione dei 400 anni dalla morte del pittore bolognese, propone una nuova tappa lungo la salita alla cupola del Duomo, con affacci da matronei finora inaccessibili, per ammirare gli affreschi del maestro secentesco, e il dipinto “San Martino che  dona il mantello a un povero” che torna a poter essere osservato da vicino con un nuovo allestimento. Piacenza celebra Ludovico Carracci (1555 – 1619), a 400 anni dalla sua scomparsa, con una serie d’iniziative che avranno come fulcro la Cattedrale. Fino al 6 gennaio 2020, Kronos – Museo della Cattedrale accoglie la mostra Ludovico Carracci […]

  

Dipingere gli affetti. La pittura sacra a Ferrara tra Cinque e Settecento esposta al Castello Estense di Ferrara.

DOC-18_newDOC-24_newDOC-25_newDOC-51_new

Torna al Castello Estense di Ferrara “L’arte per l’arte”, il progetto del Comune di Ferrara, promosso in collaborazione con la Fondazione Ferrara Arte, dedicato alla valorizzazione del patrimonio storico e artistico della città reso inaccessibile dopo il sisma del 2012. Dopo le opere di De Pisis, Boldini, Previati e Mentessi delle Gallerie d’Arte Moderna, protagoniste delle prime due esposizioni del progetto l’Arte per l’Arte, l’attenzione si sposta ora verso il periodo dal Cinque al Settecento. Le sale riccamente affrescate dell’ala sud e dei Camerini del Castello ospitano infatti la quadreria di proprietà dell’ASP – Azienda Servizi alla Persona di Ferrara, […]

  

Tutta la potenza del bronzo barocco tra eros e sacro, in mostra a Palazzo Pitti-Uffizi a Firenze.

image001IMG_9250IMG_9269IMG_9273IMG_9289

‘Plasmato dal fuoco’ con oltre 170 opere racconta per la prima volta l’arte e la storia dei maestri fiorentini del metallo nel ‘600 e ‘700. In mostra anche la Venere al Bagno del Giambologna, mai esposta finora al grande pubblico;così i Medici esportarono il gusto di Firenze in tutta Europa”. Tutta l’energia dell’arte barocca imprigionata nel metallo, grazie alla potenza viva della fiamma: è questo, in sintesi, il concetto di Plasmato dal fuoco. La scultura in bronzo nella Firenze degli ultimi Medici, mostra accolta fino  al 12 gennaio 2020 al Tesoro dei Granduchi, negli spazi al pianterreno di Palazzo Pitti. […]

  

Italia bella. Loreto, il borgo tra le mura della Basilica della Santa Casa. Un luogo di arte, fede e cultura tra i più belli d’Italia.

Loreto_web310.jpgmmm912c107abff5_it_bvg_santacasa_01sala-del-tesoro-loreto-001_68cbb033d1bf9288b0a2c1b7281c6373Casa-di-Maria-1carosel_1_fotoloreto-da-fare-e-vedere-880x590loreto1-1loreto2la_basilica_della_santa_casa_di_loreto_nelle_marche_meta_di_pellegrinaggi_da_tutta_italiaLoreto-copialoreto-1100 presepi-2

Loreto è  il borgo marchigiano abbracciato dalla sua Basilica,  suggestivo luogo di arte, fede e cultura tutto da scoprire. Ed  è parlandovi di questo borgo super eletto e super bello che vi  dò il mio augurio di Natale. BUON NATALE  2019 cari lettori. Tra le verdi colline della campagna marchigiana, in provincia di Ancona,  sulla sommità  di un colle sorge l’affascinante cittadina  di Loreto, abbracciato dalla sua Basilica e con lo sguardo proiettato sulla splendida Riviera del  Conero.  Vi assicuro che è uno dei borghi più belli d’Italia, e non solo.  Questo luogo tra fede e storia, arte e cultura,  saprà […]

  

Bellezza e nobili ornamenti nella moda e nell’arredo del Seicento in mostra a Palazzo Davanzati a Firenze.Uno sguardo sulla nostra storia e sul nostro passato.

Fig.7Fig.9Fig. 3(1)Fig.6Fig. 1Fig. 2Fig.5Fig.8

L’idea dell’esposizione, visitabile fino al 13 aprile 2020,  è nata dall’acquisizione, promossa dai Musei del Bargello per Palazzo Davanzati, di un rarissimo e inedito corpus di disegni per ricami e merletti databili alla prima metà del XVII secolo e apparsi sul mercato antiquario nel 2018. Si tratta di una delle più estese raccolte esistenti di disegni di merletti e ricami costituita da 105 fogli, centodue carte ad inchiostro e tre a grafite e sanguigna, giunte fino a noi in ottimo stato conservativo e attribuibili per la gran parte alla firma dello stesso autore, Giovanni Alfonso Samarco da Bari, un disegnatore […]

  

Natura in posa. Capolavori dal Kunsthistorisches Museum di Vienna in dialogo con la fotografia contemporanea. La mostra al Complesso di Santa Caterina a Treviso.

03_6303_Lachapelle92527-05_2213_602_LachapelleGG_9565.tif11_2708_53

L’esposizione documenta come il soggetto della Natura morta si sia sviluppato tra la fine del Cinquecento e lungo tutto il XVII secolo a livello europeo, attraverso 50 capolavori provenienti dal Kunsthistorisches Museum di Vienna, presentati ora, per la prima volta, in Italia. La rassegna è parte di un ampio progetto di promozione messo a punto dalla Città di Treviso insieme a importanti partner istituzionali allo scopo di valorizzare, in Italia e all’estero, le eccellenze culturali, artistiche ed enogastronomiche della città e dell’intero territorio della Marca trevigiana e del suo straordinario patrimonio di tradizioni.La prima tappa di questo progetto promosso dalla […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020