La stanza di Filippo de Pisis. Luigi Vittorio Fossati Bellani e la sua collezione in mostra a Villa Necchi Campiglio a Milano. Un omaggio a un grande collezionista italiano.

89283-Pisis72ce8822c96920d128c9fa8e45ee3e11_LAlberto_Savino_Vedova_allegra.Penelope_1940-14309-800-600-80

                                                                                                                                                                         Il FAI – Fondo Ambiente Italiano presenta a Villa Necchi Campiglio  a Milano la mostra “La stanza di Filippo de Pisis. Luigi Vittorio Fossati Bellani e la sua collezione”, aperta fino  al 15 settembre 2019. Roma, 1944: una stanza colma di arredi e oggetti preziosi, con quadri alle pareti, quasi tutti di un unico pittore: la stanza di Filippo de Pisis. La collezione è l’effetto di un sodalizio virtuoso tra pittori che dipingono e scrivono, letterati appassionati di immagini e musica, cultori delle arti e bibliofili: Luigi Vittorio Fossati Bellani ne è l’animatore. La mostra riunisce per la prima volta la collezione di opere, alcune mai […]

  

De Chirico e Savinio artefici della mitologia moderna. Una grande mostra ospitata alla Fondazione Magnani- Rocca a Mamiano di Traversetolo- Parma.

Giorgio-de-Chirico-Enigma-della-partenza-1914-olio-su-tela.dechirico.Alberto-Savinio.(1)Alberto-Savinio-I-Re-Magi-1929-olio-su-tela.

                                                                                                                                                                                                                          La Fondazione Magnani-Rocca ospita fino al 30 giugno 2019 una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «Dioscuri» dell’arte del XX secolo. I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. La mostra – allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in […]

  

La Merlini una collezione italiana. Opere dalla collezione Merlini esposte a Venezia- Palazzo Fortuny.

Wildt-2-copia.-2Baj-Bambini-1955.-2Morandi611Savinio-Alberto-Apollo-copia.-2

La Fondazione Civici Musei Veneziani mette in mostra fino al 23 luglio 2018, a Palazzo Fortuny, la Collezione Merlini, una tra le maggiori, mirate  e documentate  raccolte private d’arte specializzate sul Novecento italiano. Singole parti della grande Collezione erano  già apparse in alcune mostre in anni recenti (nella stessa Venezia, a Palazzo Loredan a Firenze al Museo Marino Marini a Firenze, a Bologna al Museo Morandi, ecc.), ma questa esposizione ha il merito di proporre la Collezione in modo realmente rappresentativo dei suoi notevolissimi contenuti. Al Fortuny la Collezione Merlini non potrà essere esposta nella sua integrità, dato che il […]

  

“Fabrizio Clerici. Omaggio a Savinio”. Una preziosa mostra a Bologna fa luce su questa amicizia e incornicia i capolavori dell’ultimo surrealista.

Clkerici-BoSquare2Clerici_acquaforte-savinio III-ridClerici-la-viste-au-Museeclerici-omnibus-415x26015403523_343521446028627_6100548624997941248_nsavinio-studio-vedova

I 39 disegni originali che hanno dato vita a quel capolavoro del divertissement culturale di Fabrizio Clerici che è “Alle cinque da Savinio”, è oggetto di una preziosa esposizione a cura di Marco Fabio Apolloni e Monica Cardarelli fondatori della Galleria del Laocoonte  ospitata nella prestigiosa Galleria Fondoantico di Tiziana Sassoli in via de’ Pepoli, 6E. I disegni, tracciati a mano libera, quasi sempre con un pennarello rosso fine, vengono proposti in mostra accanto ad una attenta selezione di opere di Alberto Savinio. Tra esse, Maria Antonietta e Luigi XVI, disegno per una delle tavole dei Processi Celebri, un Tiresia […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019