Il MIMAC compie vent’anni . Il Museo Internazionale Mariano di Arte Contemporanea, colonna portante della Fondazione Don Tonino Bello ad Alessano-Lecce nel Salento, è oggi il più importante Museo Mariano d’Europa.

fototeca_11_49Mimac - edificio x sped.museo-arte-alessano (4)fototeca_11_48 - Copia (2)Settembrini-La-madonna-delle-GinestreGuerricchio-Madonna-di-Sarajevocartina-salentoL'ALBERO DELLA PACE,altezza cm.280,cristallo e vetrofusione,2010bruno mangiaterra,trans-humus,neon e legno,2010

Il MIMAC,  Museo Internazionale Mariano di Arte Contemporanea, veniva fondato  nel 1998 come còstola culturale della Fondazione Don Tonino Bello. Ne sono stato io il fondatore.  Il Museo e’ registrato e segnalato dal MIBAC ( Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), figura  anche nel portale dei Musei del Salento  che mi indica come direttore e referente,  ed è   registrato anche da Cathopedia ovvero l’Enciclopedia  Cattolica e dal Portale di Mariologia “La Theotokos”.   Alla sua fondazione  mi spinse, dopo una fraterna cena,  come tante ne abbiamo fatte negli anni, il collega Professor Donato Valli ordinario di letteratura […]

  

Alessandro Nastasio. Intervista a un artista del nostro tempo che nell’arte ha trovato la bussola del vivere. Nello spettacolo della sua arte, i simboli e il mistero.

Nastasio1Nastasio2-e14615945613201170089033bUomo solare (minerale vegetale animale uomo)  Olio su tela (70x100)images11Susanna e i due vecchioni  Olio su tavola di compensato(70x70)Coppia di ballerini

1 D: Conosco la tua storia  di artista, vigile, creativo, colto, capace di sentire  e vivere la storia antica, moderna e contemporanea. Senti che la tua pittura, oggi, possa dire ancora qualcosa? R: E’ difficile essere Artista  e fare Arte giustamente. Molti problemi insoluti ci circondano  e ci stimolano a elaborare qualcosa che documenti il disagio in cui viviamo( anziani scomodi, colera politico, clandestini  e non immigrati, delinquenza, il sistema quotidiano,ecc.); difatti diversi anni orsono  tutto ciò l’ho denunciato  con due opere, “Il mito di Atlante” col suo carico esistenziale e  “ Il Mito di Sisifo”  col suo peso quotidiano. […]

  

“DIFFUSA.VESTIRE I LUOGHI”. A Carpi (Modena) quattro luoghi simbolo vestiti dalle installazioni ambientali di significativi artisti italiani.

Giuseppe De Mattia - Madri, 2016 (render)Fabio Sandri - Passaggio fotosensibile, 2016Francesco Pedrini - Planetes (errante), 2016 (render)Teresa Giannico - The Peepshow, 2016 (render)

Una mostra racconta le specificità di Carpi, fulcro di uno tra i più importanti distretti tessili italiani, grazie alle installazioni ambientali di Giuseppe De Mattia(Bari 1980), Teresa Giannico (Bari 1985), Francesco Pedrini (Bergamo 1973) e Fabio Sandri (Valdagno-Vicenza 1964), poste in quattro luoghi simbolo della città. Fino  al 18 settembre 2016 il centro storico di Carpi (Modena) diventa museo a cielo aperto in occasione di “Diffusa. Vestire i luoghi”, mostra che racconta attraverso quattro interventi artistici in altrettanti luoghi simbolici, il carattere della città e le sue specificità. Con particolare riferimento al rapporto con il comparto della moda, nel rispetto […]

  

Alessandro Nastasio. Artista fra i più nobili e creativi del nostro tempo, opera fra sacro e profano. Ottantenne, dal suo studio milanese si rapporta con il mondo e la storia.

Si copre Mosè  Olio su tela (50x70)Nastasio2images1images5images3Nastasio1imagesnastasio_alessandro-studio_per_rovo_o_dalia~OM24c300~10460_20100102_639_224

Poco più che ottantenne, Alessandro Nastasio, artista italiano e lombardo fra i più creativi del panorama artistico europeo, ha pubblicato un interessante volumetto dal titolo un po’ ironico “ Le Confusioni di un ottuagenario”; vi racconta la sua vita, dalla fanciullezza alla maturità e oltre, delineando incontri, trascorsi, figure familiari, artisti, galleristi, mercanti, mostre effettuate in mezzo mondo, e mille altre cose. E di questi tempi ha pubblicato una bellissima cartella cartonata in rosso dal titolo “Poesie Mistiche di Jalal al-Din Rumi(1207-1273)” con poesie di questo maestro del sufismo e sette sue xilografie originali acquerellate a mano che ne descrivono […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019