Achille Castiglioni, protagonista del design degli Anni Sessanta. Una mostra al Museo di Chiasso (Svizzera) lo celebra nel centenario della nascita .

06_1801_2002_1209_1005_1510_1411_25

In occasione del centenario della nascita, la mostra celebra un grande protagonista della stagione d’oro del design degli anni Sessanta, che ha realizzato oltre 150 oggetti di design e ben 484 allestimenti. L’esposizione si concentra sulla grande capacità di regìa che emerge nel lavoro di Castiglioni. Schizzi, disegni, modelli, testimonianze video, oggetti originali e prototipi mettono in evidenza la perfetta combinazione di semplicità e ironia che caratterizzala profondità delle sue idee e la sua abilità nel costruire spazi in stretta collaborazione con i graphic designers, in particolare con lo svizzero Max Huber. Il m.a.x. museo di Chiasso (Svizzera) ospita  fino al […]

  

La Pop Art Italiana, l’arte negli anni del boom. Autori ed opere degli anni Sessanta in mostra alla Fondazione Magnani presso Parma.

Domenico-Gnoli-Reggiseno-1964-acrilico-e-sabbia-su-tela651be53d72f920c6b8ea8a746cdabe55_Litalia-pop-fondazione-magnani-rocca-schifano-noCesare-Tacchi-Sul-divano-a-fiori-1965-inchiostro-e-smalto-su-stoffa-imbottita-su-legno-159-x-200x7-cm-1Giangiacomo-Spadari-Escambray-monumento-1968-acrilico-e-tecnica-mista-su-tela-180x249-cmrotella_giocondaa

Quasi quaranta artisti invadono la Villa di Luigi Magnani, raffinato collezionista del ‘900, nella nuova mostra ospitata alla Fondazione Magnani Rocca (via Fondazione Magnani Rocca 4, Mamiano di Traversetolo (Parma), altresì detta Villa dei Capolavori, poiché il suo fondatore ha dato origine a una delle collezioni private più raffinate dell’Emilia Romagna. Invasione Pop alla Villa dei Capolavori! Fino all’ 11 dicembre 2016 la Fondazione Magnani Rocca, presso Parma, ospita una grande mostra sulla Pop Art italiana, composta da circa settanta opere provenienti da importanti istituzioni pubbliche e prestigiose collezioni private. La mostra  fornisce una lettura articolata e innovativa delle vicende […]

  

Il Design perde Richard Sapper ( 1932- 2015) ideatore del telefono grillo.

Foto25indeximages1brion-vega-richard-sapper

                                                                                                       E’ scomparso l’ultimo giorno dell’anno, ma la notizia della morte di Richard Sapper(Monaco 1932- Milano 2015), ci è giunta solo in queste ultime ore. Un nome che, forse, a molti dirà poco o nulla, ma se vi ricordiamo il “Telefono Grillo” oppure “Radio Brionvega” allora qualcosa riaffiora nella testa di molti italiani? Proprio così, perché Sapper è stato uno dei padri del design mondiale, di quei prodotti unici legati a brand come Siemens, Artemide, […]

  

Pino Pinelli, pilastro e nobiluomo della Pittura Analitica. Alla Galleria Depart di Milano un’antologica di grande rilievo mette in risalto il percorso e la storica figura.

FF11_big-590x393exibartsegnala2015317153727pino-pinelli-antologia-rossa-0_109162-kK9H--400x320@Milanorev146556(1)

Dal 1968 quel nobiluomo di Pino Pinelli occupa uno spazio importante in quella che è stata definita la “Pittura Analitica” in Italia. Nato nel 1938 a Catania, da sempre a Milano, è un altro dei pilastri dell’arte italiana contemporanea che stanno avendo oggi nuova attenzione, dalle aste internazionali ai musei. Ora per scoprire o riscoprire il lavoro di questa figura singolarissima, alla Galleria Dep Art di Milano, è aperta una importante mostra retrospettiva con opere dagli anni ’70 ad oggi: dai primi monocromi che indagano lo “stato ansioso” della pittura fino alla “rottura del quadro” e le conseguenti “disseminazioni”, in […]

  

Intrecci di Armando Marrocco e nodi di Jorge Eielson. Alla Galleria Il Castello di Milano l’affascinante ricerca concettuale di due pilastri dell’arte contemporanea.

Assolutamente da non perdere, alla galleria Il Castello Modern and Contemporary Art in Via Brera 16 a Milano, la mostra “Intrecci nodali” che propone 15 opere sui toni del bianco di Jorge Eielson (1924-2006) e di Armando Marrocco (1939). E’ una doppia personale di due figure di chiara fama, la cui arte si legge come uno stimolante dialogo tra due artisti innovativi e sempre pronti alla ricerca che, pur non avendo mai collaborato insieme, hanno tuttavia numerosi punti di contatto.Il testo in catalogo pone in evidenza l’interessante legame con uno dei più significativi colleghi della seconda parte del XX secolo, […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019