Endre Tot, l’artista ungherese che si prese gioco del regime comunista. Vicino al movimento Fluxus ora è in mostra alla Loom Gallery di Milano.

1-2-1068x1036 (2)Endre-Tót_TÓTalJOYS-street-actions-Geneva-1976-silver-gelatine-print-50-x-62-cm-3ET_3-768x511ET_4-768x512@2x371535c9-ef98-4098-927b-3c515a2ba463_338

“Very Special Gladnesses” è la prima personale di Endre Tot, artista ungherese vicino al movimento Fluxus, alla Loom Gallery (Via Marsala 7) e prende il titolo da una serie di opere pubblicate a doppia pagina nel Luglio 1976 sul numero 66-67 di Flash Art. Quei lavori sono oggi esposti in galleria e visitabili fino al 3 novembre 2019. L’artista Endre Tot  si misura da circa cinquant’anni sui concetti di Zero e Joy. Zero come zero vale come  nulla, Joy sta come emblema e segnale dell’esistente. Che è come dire muoversi  tra l’essere e il nulla. Zero e Joy appaiono per […]

  

Dal gesto alla forma . Arte europea e americana del dopoguerra nella Collezione Schulhof. Strepitosa mostra a Venezia nel Museo della Collezione Peggy Guggenheim.

img-COLLEZIONE-SCHULHOF-in-Guggenheim85675-Ellswoth_Kelly_Rosso_Bludal-gesto-alla-forma-arte-europea-e-americana-del-dopoguerra-nella-collezione-schulhof-guggenheim-venezia-26-gennaio-18-marzo-2019_30844_1_zoomdal-gesto-alla-forma-arte-europea-e-americana-del-dopoguerra-nella-collezione-schulhofPh.-Matteo-De-Finadownload_1

E’ stata appena aperta ed è già visitatissima la mostra che si tiene fino  al 18 marzo 2019 presso il Museo Collezione Peggy Guggenheim   dal titolo “Dal gesto alla forma. Arte europea e americana del dopoguerra nella Collezione Schulhof ”,  a cura di Gražina Subelytė, Assistant Curator, e Karole P. B. Vail, direttrice del museo veneziano. Nel 2012 ottanta opere d’arte europea e americana del dopoguerra sono andate ad aggiungersi alle collezioni della Fondazione Solomon R. Guggenheim, quale lascito di Hannelore B. Schulhof (1922–2012) e del marito Rudolph B. Schulhof (1912–1999). La mostra è l’occasione per vedere la Collezione Schulhof nel suo complesso, con quasi tutte le opere esposte e allestite […]

  

Giulio Paolini con il “Del bello ideale”. Tra i maggiori esponenti dell’arte concettuale italiana in mostra alla Fondazione Carriero di Milano.

9.-Giulio-Paolini-Mimesi-1975-590x43612. Giulia Paolini, Ritratto dell'artista.1980, parte1.jpg.foto.rmediumpaolini-giulio-milano-6-473x590paolini-giulio-milano-3-466x59083717-6_Giulio_Paolini_Et_quid_amabo_1969-70paolini-giulio-milano-5-456x590paolini-giulio-milano-4-477x590paolini-giulio-milano-9-460x590

“L’opera preesiste all’intervento dell’artista, che è il primo a poterla contemplare”così osserva  Giulio Paolini. Fino al 10 febbraio 2019 la Fondazione Carriero presenta la mostra “Giulio Paolini. Del bello ideale”,  dedicata a uno dei massimi esponenti dell’arte concettuale, con interventi della scenografa Margherita Palli, organizzata in stretta collaborazione con l’artista. Dopo la mostra “Sol LeWitt. Between the Lines” dedicata all’esplorazione dei confini dell’artista americano in relazione all’architettura, la Fondazione Carriero prosegue il suo percorso di indagine e approfondimento dell’arte concettuale analizzando l’opera di Giulio Paolini, suo indiscusso pioniere nel nostro Paese. Attraverso una nutrita selezione di lavori, scelti e allestiti dal curatore insieme all’artista torinese, “Del bello ideale” ripercorre l’intero arco dei suoi 57 anni di carriera, […]

  

Marisa Settembrini fra dècollages e poesia visuale in mostra a Milano nell’Ex-Studio di Piero Manzoni in Brera.

MARISA SETTEMBRINIrev174448(1)-oriSETTEMBRINI-VENTO-2018SETTEMBRINI-DEVE-2018indeximagesrev144236(1)-orirev111337(1)-ori

Preziosa,  bella, colta, la  mostra che Marisa Settembrini (classe 1955),  artista italiana di rilievo internazionale, ha messo in piedi a Milano nell’Ex-Studio di Piero Manzoni  in zona Brera, aperta fino al 15 marzo 2018. Nello storico studio dell’artista concettuale che innovò tutta l’arte contemporanea unitamente a Lucio Fontana, sulla storica “Parete Manzoni”,  bianca, si legge tutta l’installazione di Marisa  Settembrini, professoressa di Brera, che argomenta, come recita il titolo dell’esposizione “la partizione delle voce”, tutta una serie di opere, ben quarantotto, capaci di offrire fra dècollages e poesia visuale citazioni sulla storia, sulla vita, sull’esistere, sul corpo umano e soprattutto […]

  

Bruno Mangiaterra, artista concettuale tra i più noti in Europa, in mostra a Milano nell’Ex-Studio di Piero Manzoni in Brera.

_MG_3156MANGIATERRA-IMMAGINE X SPEDrosa 2

                La definizione di arte concettuale nel contesto dell’arte contemporanea  si deve a Joseph Kosuth che lo utilizzò verso la metà degli anni Sessanta del Novecento  per definire il suo obiettivo di un’ arte fondata sul pensiero e non più su un ormai frainteso ed equivoco piacere estetico. Nel  1965  Kosuth realizzò l’opera Una e tre sedie che comprendeva una vera sedia, una sua riproduzione fotografica ed un pannello su cui era stampata la definizione da dizionario della parola “sedia”: l’artista si proponeva di richiamare lo spettatore a meditare sulla relazione tra immagine […]

  

Sol LeWitt alla Fondazione Carriero a Milano. Nel decennale della scomparsa di uno dei padri fondatori dell’arte Concettuale “Between the Lines”(tra le righe).

Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017--630x420Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017-1-12-280x420Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017-1-2-630x420unnamed-26-730x490Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017-1-7-630x420Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017-1-4-280x420X9A3954-768x1152

La Fondazione Carriero  di Milano (Via Cino del Duca 4)  presenta l’americano Sol LeWitt. Ha per titolo “Between the Lines”, una mostra a cura di Francesco Stocchi curatore alla Fondazione Carriero e al Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam e Rem Koolhaas certo  il più potente e intellettuale degli architetti mondiali, organizzata in stretta collaborazione con l’Estate of Sol LeWitt.  Nel decennale della scomparsa di Sol LeWitt (Hartford, 1928 – New York, 2007), “Between the Lines” intende offrire un punto di vista nuovo sulla pratica dell’artista statunitense, esplorandone i confini – nel rispetto di quelle norme e di quei principi […]

  

Fabio Mauri al Museo Madre di Napoli. In mostra l’esponente delle neoavanguardie con capolavori che hanno riletto ideologie e linguaggi della propaganda.

1ggVENEZIA 29/05/13 - 55a Biennale arte - giardini di castello.215905184685(1)fabio-mauri_sitoFabio-Mauri

“Retrospettiva a luce solida” è il titolo della mostra monografica dedicata dal Museo Madre di Napoli nel mese di novembre a Fabio Mauri (Roma, 1926-2009), magistrale esponente delle neo-avanguardie della seconda metà del XX secolo, la cui pratica artistica – incentrata sull’esplorazione dei meccanismi dell’ideologia e dei linguaggi della propaganda, come dell’immaginario collettivo e delle strutture delle narrazioni mediatiche – lo impone fra i più autorevoli e seminali artisti contemporanei in campo internazionale. Organizzata in stretta collaborazione con lo Studio Fabio Mauri, la mostra – la più completa mai dedicata all’artista dopo la retrospettiva, nel 1994, alla GNAM-Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma – […]

  

Sol LeWitt uno dei fondatori dell’arte concettuale in mostra a Milano

ee_1463479137.85FOTO%20015ee_1463392605.53ee_1463392570.43ee_1463392627.15

Lo Studio Giangaleazzo Visconti di Milano (c.so Monforte 23) dedica una mostra a Sol LeWitt, artista americano (Hartford, 1928 – New York, 2007) tra i più influenti della seconda metà del Novecento, uno dei padri fondatori dell’arte concettuale. I suoi lavori sollecitano prima di tutto la mente dell’osservatore piuttosto che il suo occhio o le sue emozioni e si definiscono concettuali nella misura in cui è l’idea a presiedere all’esecuzione dell’opera. L’esposizione propone 34 opere su carta – gouache, disegni, acquerelli – e tre progetti per i famosi Wall Drawing, i suoi murales, che rappresentano la sua cifra espressiva più […]

  

L’artista Bruno Mangiaterra fra poesia e filosofia. Espone a Milano grandi opere concettuali che raccontano il mondo e la vita.

2-X_COMUN.4-X_COMUN.3-X_COMUN.1-X_COMUN.

La mostra dal titolo “Nel sofisma della visione” allestita dall’artista Bruno Mangiaterra (Loreto-Ancona 1952) con sue opere per lo più grandi hanno trasformato l’Artestudio 26 di Milano, offrendone una visione di ricerca assoluta, o meglio dando compiutamente l’idea di un sistema dell’arte che abbraccia il mondo intero. Qualche tempo fa scrivendo dell’artista marchigiano porgevo il lavoro dell’artista in quell’area di postclassicismo che assorbe, specie in Italia oggi, dinamiche concettuali. Non dimentichiamo che nella filosofia di Platone la “mimesi”designa il rapporto tra le cose sensibili e le idee. Le opere più recenti, e quelle in mostra a Milano per Expo 2015, […]

  

Vincenzo Agnetti, genio dell’arte concettuale. Una mostra a Milano celebra una delle colonne portanti dell’arte contemporanea.

V_%20Agnetti,%20Il%20valore%20di%20un%20oggetto,%201972,%20bachelite,%2080x80cmV_%20Agnetti,%20Permutabile%201967,%20legno%20dipinto%20con%206%20moduli%20movibili,%2050x60%20cmV_%20Agnetti,%20Ritratto%20di%20Uomo,1971,%20feltro,%2080x120%20cmimages1images2imagesVincenzo_Aglietti_f9c88a_c

Allo Studio Giangaleazzo Visconti è aperta con il titolo “Testimonianza” la retrospettiva di VINCENZO AGNETTI, GENIO DELL’ARTE CONCETTUALE curata da Bruno Corà, con ben 32 opere, che datano dalla fine degli Anni Sessanta al 1980, e raccontano uno degli artisti più importanti del Novecento. Una parabola che si apre con un capolavoro del 1967, data della sua prima personale, e si chiude con creazioni del 1980, un anno prima dell’improvvisa e prematura scomparsa. In mezzo la storia, straordinaria, di una delle figure capitali per l’arte concettuale. Lo Studio Giangaleazzo Visconti di Milano dedica a Vincenzo Agnetti (1926-1981) una completa mostra […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019