Tom Parish e il suo Visual Echo. Al Chiostro di Madonna dell’Orto a Venezia la mostra postuma dell’artista americano.

93373-1-LAGUNA_2018_cm122X183_

Tornano in laguna i dipinti dell’artista americano Tom Parish per una mostra che ne celebra l’arte e la figura a pochi mesi dalla sua scomparsa. Dal 2 agosto al 31 ottobre la intima e solenne sede del Chiostro di Madonna dell’Orto ospita per la terza volta l’arte di Tom Parish in “Visual Echo”, esposizione che permette di ammirare gli ultimi dipinti realizzati dall’artista: opere che testimoniano il rapporto simbiotico tra lui e Venezia, fonte inesauribile di ispirazione per i suoi dipinti, tanto da dedicarvi in modo esclusivo oltre 30 anni di arte pittorica. L’esposizione, curata da Shirley ed Erin Parish, rispettivamente moglie e figlia dell’artista e artiste loro stesse, è […]

  

Sol LeWitt alla Fondazione Carriero a Milano. Nel decennale della scomparsa di uno dei padri fondatori dell’arte Concettuale “Between the Lines”(tra le righe).

Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017--630x420Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017-1-12-280x420Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017-1-2-630x420unnamed-26-730x490Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017-1-7-630x420Sol-LeWitt.-Between-the-lines.-Exhibition-view-at-Fondazione-Carriero-Milano-2017-1-4-280x420X9A3954-768x1152

La Fondazione Carriero  di Milano (Via Cino del Duca 4)  presenta l’americano Sol LeWitt. Ha per titolo “Between the Lines”, una mostra a cura di Francesco Stocchi curatore alla Fondazione Carriero e al Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam e Rem Koolhaas certo  il più potente e intellettuale degli architetti mondiali, organizzata in stretta collaborazione con l’Estate of Sol LeWitt.  Nel decennale della scomparsa di Sol LeWitt (Hartford, 1928 – New York, 2007), “Between the Lines” intende offrire un punto di vista nuovo sulla pratica dell’artista statunitense, esplorandone i confini – nel rispetto di quelle norme e di quei principi […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019