Brafa Art 2020 ha un nuovo record. A Bruxelles la super fiera dell’arte belga vola con cifre incredibili.

743f420ee77989401314a1741cbb74fb_Lbrafa-2020-visitatori-5OsborneSamuelGallery-Highlights_T637141807199006259GalerievonVertes-Highlights_T637100260560732025brafa-2020-cinque-blocchi-del-muro-di-berlino-ph-raf-michielsLibrairaieLardanchet-Highlight_T637123627497098329BRAFA2020-DIEGALERIE-PressRelease_T637114946036054500WillowGallery-Highlights_T637115823957075331IMG20180126100139941_560SternPissarroGallery-Highlights_T637122635442816878

BRAFA Art Fair 2020  si è chiusa ieri con un nuovo record di visitatori:  68.000 gli appassionati d’arte che hanno affollato il Tour&Taxis di Bruxelles tra Domenica 26 Gennaio e Domenica 2 Febbraio 2020. Ottimo anche il livello complessivo delle vendite, in crescita fin dalle prime ore di apertura. Tra gli elementi che spiegano questi risultati, certamente l’alta qualità dell’offerta (chiave della strategia degli organizzatori), ma anche una politica di prezzi legata alla realtà del mercato. La Fiera ha visto la presenza di 133 gallerie d’arte internazionali provenienti da 16 diverse nazioni. Un team di 100 esperti ne ha garantito  l’autenticità e […]

  

La Dvir Gallery israeliana apre a Bruxelles. L’arte mondiale trova nel cuore d’Europa il suo paradiso.

Brusselsef86a_jan22_dvir_imagecanvas4adel-abdessemed-mon-enfant-ivory-height-133-cm--closeup404496_10150444961111130_1774926840_nlarge

In trasferta a Bruxelles – Parlamento Europeo per seguire talune riunioni in commissione cultura, ho fatto capolino anche a Molenbeek il quartier generale degli islamici terroristi; più che mai ora sono convinto che la città vada ripopolata di cultura occidentale. Ma Bruxelles è ancora “terra promessa” del mercato dell’arte contemporanea, e ve ne spiego il perché. In Belgio è arrivata la seconda sede dell’israeliana (la centrale è a Tel Aviv) galleria, storica, “Dvir Gallery”. Ripeto, qui e non a New York, né a Londra, ma a Bruxelles. La nuova piazza per la Dvir Gallery, celebre istituzione del mercato dell’arte contemporanea […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020