Il Giambologna di Urs Fischer brucia alla Brant Foundation di Manhattan.

Giambologna di Fischer brucia alla Brant Foundation091019_r18915_p646a53dec48-234f-11e7-a553-18fc4dcb5811_1280x720_132715index

Un Giambologna di cera di Urs Fischer con l’amico Rudolf Stingel spettatore: entrambi bruceranno lentamente assieme a una sedia nella nuova mostra della Brant Foundation Art Study Center, la seconda nello spazio industriale ricavato nel Lower East Side di Manhattan in quello che fu per anni lo studio di Walter de Maria. “Third Dimension: Works from The Brant Foundation”, aperta al pubblico dal 13 novembre, presenta oltre 20 artisti centrali nella raccolta messa insieme dal tycon, industriale dei media Peter Brant negli ultimi 50 anni. La copia in cera del “Ratto delle Sabine” (l’originale e’ alla Loggia dei Lanzi a […]

  

Mauro Staccioli e la poetica dei contesti. A Milano una mostra allo Storico Liceo Artistico Statale di Brera lo ricorda e lo vive come uno degli scultori italiani più innovativi del secondo dopoguerra.

Mauro-Staccioli-2Mauro-Staccioli-Roma-2011-corten-galleria-Il-Ponte-Firenzeimages11images66images34images2200940-volterra1-850x426imagesSchermata_2018_01_12_alle_13.09.48Biografia-dell-autore-Mau

La prima volta che ebbi modo di conoscere il lavoro di Staccioli è stato  nel 1974, in occasione della mostra a Milano “Presenze e tendenze nella giovane arte italiana” alla Biennale di Milano al Palazzo della Permanente; mostra divisa in dieci sezioni e Mauro Staccioli vi figurava accanto ad Adami, Dangelo, Del Pezzo, Nespolo, Plessi, Pozzati, Trubbiani, Baratella, Umberto Mariani, Isgrò, Carrino, Paradiso, Pardi, Coletta, Marchese, Aricò, Barbanti, Colombo, Bonalumi, Castellani, Pinelli, Verna, Matino, e altri ancora. Poi il suo percorso artistico, umile, colto, profondo, geometrico e razionale, minimale, monumentale pur sfuggendo all’effetto tutto effimero  del monumentalismo, innervato sulle direzioni […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020