winckelmann_PIATTO_ITAcq5dam.thumbnail.cropped.750.422cq5dam.thumbnail.cropped.750.422 34cq5dam.thumbnail.cropped.750.422 33cq5dam.web.1280.1280cq5dam.web.1280.1280 66cq5dam.web.1280.1280 33cq5dam.web.1280.128077210455711-7700621f-c6d4-4d87-93e2-507fbeedf6aecq5dam.web.1280.1280 55cq5dam.thumbnail.cropped.750.422 35cq5dam.web.1280.128088cq5dam.web.1280.128023

“La sua formidabile sete di conoscenza, che talvolta si trasforma in un’ansia senza tregua, lo spinge verso una sistematica valutazione di tutto il patrimonio artistico presente a Roma, alla continua ricerca dell’inarrivabile bellezza dell’arte antica”. Così ne scrive la curatrice della mostra Claudia Valeri. Sta di fatto che nell’occasione degli anniversari  che ricordano la nascita (Stendal 9 dicembre 1717) e la tragica morte (Trieste 8 giugno 1768) di Johann Joachim Winckelmann, i Musei Vaticani  hanno voluto celebrare la figura del grande prussiano con una mostra che mettesse   in evidenza il ruolo cardine  che le collezioni vaticane hanno costituito per gli […]