Antonio Dias e la natura dei segni. Una intera collezione con opere minimaliste da oggi in mostra alla Fondazione Marconi di Milano.

180620151150150202201710433318062015115019150420151134070202201710294402022017103006020220171035300202201710300018062015114939

“I quadri di Dias sono volutamente spogli e rigorosi: spesso si presentano come sequenze o iterazioni di un discorso, in quanto ripetono gli stessi elementi grafici, con pochissime variazioni. Sono da afferrare come tracce di una progressione interiore aperta su varie situazioni collettive del momento storico che attraversiamo”;  così scriveva il mio amico e collega Gualtiero Schönenberger  a proposito di  Antonio Dias. Questo luminare dell’arte mondiale lo troviamo attivo a Milano già negli anni Sessanta. Oggi riconosciuto come uno dei principali artisti contemporanei del Brasile, Antonio Dias presentò la sua prima mostra allo Studio Marconi nel 1969, “Anywhere is my […]

  

Il cibo in cartolina. Cartoline della collezione Sturani in mostra a Roma a Eataly

L’Expo milanese del 2015(dedicata proprio a “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”) è alle porte e una mostra dal titolo “Cibo di carta” che accompagna le iniziative sul tema dell’alimentazione si tiene  a Roma a Eataly in Piazza XII Ottobre 1492. Ma la novità più vincente è che  sono state selezionate  180 cartoline capaci di raccontare cosa e come mangiavano gli italiani dalla fine dell’Ottocento a Novecento inoltrato. Materiale proveniente da Enrico Sturani il più importante collezionista al mondo di cartoline( oltre 150 mila cartoline di tutti i Paesi). Cartolina  vuol dire cultura, ma anche arte, storia, costume, economia. […]

  

La piccola e preziosissima collezione Zavattini in mostra alla Pinacoteca di Brera

Anche sul modo di fare collezionismo c’è molto da imparare. Ne è stato un esempio Cesare Zavattini (1902-1989)intellettuale e sceneggiatore-regista di chiara fama, anche anima forte con De Sica del neorealismo italiano(vedi Ladri di biciclette), il quale ha speso una vita a raccogliere i suoi piccoli e preziosi “autoritratti minimi”, in formato 8×10, commissionati a centinaia di artisti di significativo valore storico e che sono rappresentativi della scena artistica fra gli anni ’40 e ’70 del Novecento. Prova di immagine e specchio per tanti industrialotti che pensano di sfrecciare su Bmv e tenere in casa squallide stampe rimediate in qualche […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019