Leopoldo de’ Medici principe dei collezionisti. In mostra il Tesoro dei Granduchi a Palazzo Pitti-Firenze .

Fig.-2_civita_image_hd_attach (1)Fig.-5_civita_image_hd_attachFig.-6_civita_image_hd_attachFig.-7_civita_image_hd_attachFig.-3_civita_image_hd_attachFig.-10_civita_image_hd_attachFig.-8_civita_image_hd_attach (1)Fig.-9_civita_image_hd_attachFig.-1_civita_image_hd_attach

Enciclopedica figura di erudito, divenuto cardinale all’età di cinquant’anni, Leopoldo de’ Medici (Firenze, 1617 – 1675), figlio del granduca Cosimo II e dell’arciduchessa Maria Maddalena d’Austria, spicca nel panorama del collezionismo europeo per la vastità dei suoi interessi e la varietà delle opere raccolte. Servendosi di abilissimi agenti, mercanti e segretari italiani e stranieri, radunò, nel corso della sua vita, esemplari eccellenti e raffinati nei più diversi ambiti: sculture antiche e moderne, monete, medaglie, cammei, dipinti, disegni e incisioni, avori, oggetti preziosi e in pietre dure, ritratti di piccolo e grande formato, libri, strumenti scientifici e rarità naturali. Uomo scrupoloso […]

  

Le stanze segrete di Sgarbi in mostra a Osimo. La collezione del critico, esempio unico di bellezza, di storia, di raffinatezza, di vera cultura.

13335653_1649135868742002_418742229506697786_n13335802_1646803388975250_6209944145457404886_n13521868_1662405887415000_1568986280018596581_n13237592_1637351413253781_7328094273640453801_n13659134_1670846126570976_4786221476126520231_n13537790_1662981580690764_7407980291799237945_n13775889_1676049496050639_5757579657640336943_n13934893_1684039901918265_8744433576246858406_nsafe_image

In un antico casale, calato come una sorta di paradiso terrestre nella Pianura Padana, si è negli anni portata a compimento una collezione   di eccezionale valore. E’ da questo capitale di bellezza ed economico che nasce la mostra che ha per titolo le “stanze segrete” di Vittorio Sgarbi, evento unico, mirabile, preziosissimo, partita proprio da qui, dai  27 ambienti dove il collega critico Sgarbi conserva la sua immensa e bellissima collezione d’arte: oltre 4 mila opere, una raccolta mai mostrata al pubblico italiano e nota soltanto agli estimatori d’arte suoi amici di casa. Ora immaginate un po’ cosa sono i […]

  

“Vite in scatola. Contenitori artistici dal ‘400 all’800”. Mostra insolita di una collezione e di un collezionista dell’Oltrepò pavese.

ebbea4b335302233424c143851f1243dindexindex4cassetta-vite-scatola

  Una collezione insolita, una collezione  quella di Franco Riccardi,  -un bancario in pensione che vive a Rivanazzano   tra i colli pavesi dell’Oltrepò- , messa insieme con grande passione, documentata storicità  e curiosità incredibile. Qui nello spazio attorno alla villa  (una ex vitivinicola, in via Buonarroti 10), è possibile vedere opere di Alighiero Boetti, Yannis Kounellis, Mario Schifano, Emilio Isgrò, Jean Dubuffet,  Giuseppe Capogrossi, Joseph Kosuth, Ben, Carla Accardi, Gastone Novelli, Jiri Kolar, Elisabetta Novello, Ettore Colla, Sean Shanahan, Richard Tuttle, Sergio Fermariello, Salvatore Garau, Luca Pancrazzi, Franco Saviotti, Sabrina Mezzaqui, Marco Gastini, Mauro Bellucci.  E con il titolo “Il […]

  

I “geni ebraici” di Andy Warhol rubati a Los Angeles. 9 opere trafugate nello studio di un collezionista.

jewish-warhol

Appartengono alla serie degli ebrei più famosi del novecento i nove pezzi (serigrafie) di Andy Warhol, rubati da uno studio di video editing a Los Angeles. Rubati, in realtà, chissà quando, visto che del furto se ne è accorto il proprietario dello spazio solamente dopo che ha portato alcuni pezzi da un corniciaio, per rifare appunto i frame. Con vivace furbizia, infatti, il ladro ha sostituito i pezzi originali (che tutti insieme valgono qualcosa come 350mila dollari) con delle copie di ottima fattura. Sigmund Freud (nella foto di home page un particolare), Gertrude Stein e un Ritratto di George Gershwin […]

  

Rudolf Stingel, l’artista dei tappeti in mostra a Palazzo Grassi a Venezia

Rudolf Stingel (Merano-Italia 1956)  vive tra la sua città d’origine e New York  ed il suo nome è a chiare lettere tra gli artisti internazionali di punta del panorama d’arte contemporanea. Riservato, schivo, ma deciso e onnivoro di culture che ha assorbito e travasato nel suo modo nuovo di fare arte, trasformando il concetto stesso  di pittura in una sorta di commistione delle arti, quasi presagendo un modo nuovo di poter iniziare a vivere un’epoca neorinascimentale. Ecco allora il grande amore scoppiato tra il collezionista francese Francois Pinault e Stingel , che li vide insieme nella conoscenza  non a New […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020