Tra Guercino e De Nittis. Due collezioni italiane (marchigiana e piemontese) si incontrano in mostra a Domodossola.

64495-nonoCarlo-Fornara-Sole-dottobre--590x409Guercino-Sacra-Famiglia-590x461Francesco-Solimena-San-Giovanni-Battista-nel-deserto-590x484Leonello-SpadaTelemaco-Signorini-Stradina-a-Settignano-483x590

Casa De Rodis a Domodossola, dal 2014 sede espositiva della Collezione Poscio, ospita fino al   28 ottobre 2017 l’esposizione “Tra Guercino e De Nittis. Due collezioni si incontrano”. Non solo una mostra, ma un progetto di ampio respiro finalizzato a contribuire al restauro del patrimonio artistico marchigiano, seriamente compromesso dagli eventi sismici che hanno colpito la regione dall’agosto 2016. L’esposizione, realizzata in collaborazione con la Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno, racconta la storia di due collezionisti, Antonio Ceci (1852-1920) e Alessandro Poscio (1928-2013): chirurgo marchigiano di adozione pisana il primo, imprenditore piemontese con la passione per la pittura il secondo. […]

  

Giacinto Gigante e i figli del re. A Napoli, alla Certosa e Museo di San Martino, una mostra del famoso paesaggista napoletano artefice della scuola di Posillipo.

downloadf0dd63ca9e6547b1e6fae5950b95ac4e993fe55images (3)images (5)images (4)download (1)

La mostra “Gigante e i figli del re”, a cura di Luisa Martorelli, organizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Wine & Thecity, è aperta ala Certosa al Museo di San Martino di Napoli. L’ esposizione è stata realizzata in occasione della nuova acquisizione di un acquerello di Giacinto Gigante dal titolo “Veduta della costiera amalfitana”, donato al Museo da Philip Athill collezionista londinese; l’opera fa parte di un album costituito da 57 acquerelli  appartenuto a Maria Pia di Borbone.  L’iniziativa vuole raccontare il procedimento adottato dal maestro nell’insegnamento della pittura di paesaggio.  L’acquerello “Veduta della costiera amalfitana” è firmato col monogramma […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019