La guerra e l’arte, o meglio l’arte della guerra. “?War is over”. Arte e conflitti tra mito e contemporaneità è la mostra che si tiene al Museo di Ravenna. Attualissima, una riflessione per il nostro tempo.

18. Pino Pascaliwar_is_over_Pablo Picasso07.-PerinoVele.81425-01_-Christo_03.-Gilbert-George.WARISOVER-3hermann_nitsch_schuttbild_mit_malhemd_2007_acrilico_su_lino_cm_200x300_collezione_privatae6d161e51d53c71ddf55e879eeedadbfimage_thumb_abcweb_cropIMG_20181005_121417

ll Comune di Ravenna  e il suo Assessorato alla Cultura, unitamente  al Museo d’Arte della città di Ravenna, fino  al 13 gennaio 2019 la mostra “? War is over”. Arte e conflitti tra mito e contemporaneità a cura di Angela Tecce e Maurizio Tarantino.  “Pólemos è padre di tutte le cose, di tutte è Re”(Eraclito). “Ma la guerra è finita! – Guerra è sempre” (Primo Levi). “Si vis pacem para bellum” dicevano i romani. Non si dà pace senza guerra e viceversa: sembra questo il modo inevitabile di affrontare la questione, ma la mostra propone un altro punto di vista: […]

  

La collezione di Nanda Vigo in mostra alla Fondazione Cardinale Lercaro a Bologna. Opere dei più importanti artisti europei degli anni Sessanta.

piero_manzoni_achrome_1961_62Lucio-Fontana-1899-1968-Concetto-spaziale-1961-100x80-cm-olio-e-taglio-su-telaNanda-Vigo-Light-Progressions-1993-cm-140-x-110-x-185-vetro-laccato-e-satinato-neon-blu-neon-rosso-Omaggio-a-FontanaJan-Schoonhoven-1914-1994-Relief-1965-100x78-cm-papier-mache-vernice-e-legnogunther_uecker_feld_1964-470x527

Di degnissimo rilievo, di valorosa importanza storica la mostra composta da un centinaio di opere, dal titolo “Affinità elette”, a cura di Andrea Dall’Asta SJ. che si tiene presso la Fondazione Cardinale Giacomo Lercaro – Raccolta Lercaro di Bologna (fino all’8 maggio 2016). E’ la collezione di Nanda Vigo. Le “Affinità elette” infatti sono quelle personalità che la Vigo ha incontrato e appunto “eletto” a interlocutori del proprio lavoro e delle sue preferenze in campo artistico e, di converso, sono anche gli artisti che a loro volta hanno scelto Nanda Vigo come riferimento. La collezione comprende opere di Accardi, Agnetti, […]

  

La Cultura e l’Arte di Expo Milano 2015. Classifica e premi anche ai Padiglioni migliori.

47ab8f4b2c91e37bf1f1a0e143bfa7c1_L10996013_668728726604444_3213145638299570293_nslide_433340_5651176_freeAD00213ALIS1814034-593x443slide_433340_5651142_free3bc03dadbda2be3aa076f3f425c6498a_L

                                                                    L’Expo Milano 2015 si chiude. C’è chi vi ha visto un gran luna park, invece al di là delle finalità etiche che pure hanno sorretto l’evento, l’Expo è stato un grande museo a cielo aperto che, spesso, pur essendo sotto gli occhi di tutti non ha destato molta sorpresa. Un esempio? All’ingresso del sito Expo una     scultura monumentale, raffigurante un seme d’arancia “ il seme dell’Altissimo” dell’artista Emilio Isgrò. «Sì, ma di quelli imperfetti, teneramente brutto ed esageratamente grande. Mi piaceva così», ha detto l’artista siculo-milanese Isgrò. Passando di fianco a sette metri di purissimo marmo bianco non tutti […]

  

Verbovisualità. Tra parola e immagine. Opere dalla Collezione Anna Spagna Bellora in mostra a Siracusa.

L’esperienza della Poesia visiva è stata uno dei capitoli fondanti dell’arte del secondo Novecento. A Milano poi un gallerista di significativo spessore come Gianfranco Bellora, figura illuminante sia per la proposizione di artisti di tale ambito sia per la veicolazione e il mercato di questi, ha giocato un ruolo fondamentale in anni storici. Io stesso che l’ho conosciuto, gli sono stato vicino e tra l’altro ebbi modo di presentare in catalogo l’artista Giorgio Milani nel 1991 nello Studio Bellora prima della chiusura, ritrovo a stento le parole per significare tale personalità e quella forza propulsiva che ebbe nel misurare la […]

  

Le Storie rosse di Emilio Isgrò campione dell’arte Concettuale

Il Liceo Artistico di Brera a Milano  nel quadro delle grandi mostre che annualmente presenta da anni ai suoi studenti, ha trovato indicativo ora proporre un nome e un artista  come Emilio Isgrò, figura capitale dell’arte contemporanea. E lo fa con una mostra che non abbraccia l’intero percorso dell’artista meglio  conosciuto per le sue “cancellature”, ma con un capitolo che più s’avvicina anche allo studio della storia, ovvero agli interessi storico-sociali e ideologici che animano le nuove generazioni. Da qui la scelta delle “Storie rosse”. Ha scritto Gilles Deleuze: “Tutti i contenuti vanno bene, a condizione che ne forniscano un’interpretazione  del […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019