Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco.Il pittore fiammingo che amò l’Italia in mostra a Palazzo Reale a Milano.

5f6f4ad06e237c19c1d13e41df9fce235e9b2f656025-0205ae28592704ec4523f3f668751fa5ce_L03__1_-2812-800-600-80398B380404__1_-2813-800-600-80

A  Palazzo Reale a Milano vive sorprendentemente la bellissima  mostra di Pietro Paolo Rubens (Siegen 1577 – Anversa 1640), artista  di chiarissima fama e figura di spicco per la storia dell’arte europea. E’ pur vero che Rubens sia ancora oggi poco  conosciuto in Italia, tanto che spesso, anzi spessissimo,  lo si considera pittore  “fiammingo”, ed è ancor più vero che abbia  soggiornato  nella penisola dal 1600 al 1608 lasciando tracce indimenticabili  nella sua pittura proprio a seguito di tale  permanenza in Italia.   L’ esposizione, patrocinata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo è promossa e […]

  

Bruno Mangiaterra tra poesia e filosofia. Alla Mole Vanvitelliana di Ancona una antologica lo svela prezioso artista concettuale.

IMG_4981IMG_5127IMG_0007IMG_0008IMG_4993IMG_4996IMG_5023IMG_5122

Nell’avvolgente  tempio dell’architettura vanvitelliana, qual’ è appunto la Mole Vanvitelliana,  che si affaccia sul porto di Ancona, ha trovato accoglienza la bellissima mostra antologica di Bruno Mangiaterra un artista marchigiano  -per la verità attivo a Loreto- che da anni  vive non solo la passione dell’arte ma ha costruito nel suo percorso stazioni  o meglio installazioni di militante forza poetica, immagini attraversate da fibrillanti idee (lavora a Tre e scrive:  “l’idea è la dimora della nostra sorte”) capaci di rapportare il passato con il presente, accendere le parole di nuova luce, cogliere tracce di cultura letteraria e filosofica che ancora oggi […]

  

L’arte di Roberto Coda Zabetta in un film di astrazione e colore. Alla Fondazione Mudima di Milano l’artista fa vivere il suo nuovo linguaggio.

Roberto Coda Zabetta, FILM_07, 2014, olio su tela, cm 180x120Roberto Coda Zabetta, FILM_26, 2014, olio su tela, cm 190x190Roberto Coda Zabetta, Film_51- Film_52 - dittico, 2014, tempera e pigmenti su tela, cm 185x425 cad

  Fondazione Mudima presenta negli spazi di via Tadino a Milano, la mostra personale di Roberto Coda Zabetta “FILM# 00-56”: venti tele inedite di grande formato che costituiscono l’anteprima di un progetto più ampio composto da cinquantasei lavori. Il titolo dell’esposizione, “FILM# 00-56”, introduce alla nuova ricerca artistica di Coda Zabetta, una pittura che, oltre a non essere più figurativa, procede per stratificazioni sottili di materia, impalpabili pellicole, film appunto, di colore. Una materia non più densa, ma fluida e trasparente. Ma anche “film” inteso come sequenza di 56 frame che raccontano la storia del cambiamento di un linguaggio. Le […]

  

Michele Zaza, maestro della fotografia concettuale italiana in mostra a Lissone.

                                             Al Museo d’Arte Contemporanea di Lissone è in corso la mostra di Michele Zaza dal titolo “Corpo cosmico”, artista fotografo capace di raccontare l’universo attraverso il corpo e le sue performance.«La fotografia è il tempo di un momento della nostra esistenza. Il mio lavoro possiede una componente metafisica piuttosto rilevante nel senso che stimola il fruitore a leggere una dimensione psichica dello spazio e della presenza umana. La rappresentazione non è la mimesi del già visto, ma del pensato. La fotografia ha un ruolo strumentale. Essa è un mezzo efficace e fedele per visualizzare le mie domande sull’esistenza umana». […]

  

Simboli e reliquie nella pittura di Bruno Mangiaterra. Un racconto che coglie il respiro del mondo.

Ci sono mostre di nicchia, ovvero per colti,  che non possono passare inosservate. Quella di Bruno Mangiaterra (Loreto,1952), illustre  artista lauretano, è da mettere tutta in cornice per la carica creativa e intellettuale che la sostiene e si tiene al Complesso monumentale di San Francesco a Montefiore dell’Aso( Ascoli Piceno), anche città natale di quel pittore  ormai storicizzato che ha nome di Adolfo De Carolis (1874-1928) sodale di D’Annunzio e di quel clima simbolista  e preraffaellita, e che ha disseminato eccelsi capolavori in tutt’ Italia. Si è cercato di trovare, nell’impostare la mostra di Mangiaterra, coincidenze, anzi delle corrispondenze fra […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019