Armando Marrocco, artista concettuale, vero sciamano dell’arte contemporanea. In mostra alla Galleria Vigato di Alessandria sue opere che attraversano tutti i movimenti del secondo Novecento.

Marrocco_A_52x365cm_1980_tmsucartone_rottasudsudest-226x300Marrocco_A_leportedeldestino_1976_tmsutavola_sdMarrocco_A_lisoladelcavaliereardente_435x435cm_1973_sd-300x300cavalieri-ardentixMarrocco_A_250x270cm_1978_tmsutela_X_Michetti-300x278

La mostra di Armando Marrocco (Galatina-Lecce 1939),  artista illustrissimo  e di chiara fama  come amo definirlo, in corso alla Galleria Vigato-Arte Contemporanea di Alessandria, sempre attenta nella scelta delle figure dell’arte contemporanea da proporre lascia vivere  sensibilmente lo spaccato di una storia quale quella di Armando Marrocco che giovanissimo è giunto a Milano nei primissimi anni ’60 del Novecento trovandosi così coinvolto nei più importanti movimenti artistici dell’epoca. La mostra, aperta fino all’8 dicembre 2018   si tiene con il patrocinio della Città di Alessandria e di “850 anni Alessandria”(1168-2018),esposizione sicuramente “storica” -aggettivo da sottolineare-  perchè riunisce opere ed esemplari  delle […]

  

Tancredi, il pittore divenuto leggenda. La collezione Peggy Guggenheim presenta a Venezia in Palazzo Venier una mostra retrospettiva che incornicia un grande dell’arte italiana.

tancredi-santrovaso05-tancredi-ricordo-di-raoul-19539938704-tancredi-senza-titolo-195303-tancredi-senza-tit-1952-5301-tancredi-senza-tit-1950-5106-tancredi-composizione-195599388

“Tancredi, con la sua pittura, crea una nuova filosofia poetica per coloro che non posseggono né telescopi né razzi: quanto fortunati noi che abbiamo tali cristallizzazioni da trasportarci sani e salvi, verso altri mondi”(Peggy Guggenheim).  E ancora “Tancredi è il migliore pittore italiano, dai Futuristi in poi”( Peggy Guggenheim). Con questa mostra l’opera di Tancredi Parmeggiani (Feltre 1927–Roma 1964) torna a Palazzo Venier dei Leoni a Venezia. Talento precoce e irrequieto, nel 1951 fu riconosciuto da Peggy Guggenheim che gli offrì un contratto, concedendogli uno studio nella propria residenza e adoperandosi a dargli un prestigio internazionale. Alla mecenate sono dedicate […]

  

Domenico David. Una mostra a Milano consacra l’artista dei paesaggi che sono pareti di luce e colore.

IMG_6874IMG_6860IMG_6849IMG_6854

Sostenuto dalla galleria di punta, milanese, Antonio Battaglia,   l’artista Domenico David  docente all’Accademia di Belle Arti di Brera, vede le sue opere esposte in uno spazio alternativo  -situazione che si muove da qualche tempo anche in Italia-  ovvero presso lo show-room Overlite (parte del Gruppo Rossini) in via Feltre 32 a Milano. La mostra ha per titolo “Domenico David. La luce si fa pittura. E la pittura si fa luce”. E si rimane sorpresi non poco per i paesaggi di David, pareti di colore, capacità assoluta di dominare lo spazio del racconto e della rappresentazione. E’ un nuovo modo di […]

  

L’astrattismo di Giulio Turcato brilla a Milano.Ecco l’artista che dipinse galassie, mappe stellari e costellazioni.

Superficie_lunare,_1969_olio_e_t.m_su_gommapiuma_60x80_cm_BASSAItinerari_1970_olio_e_tm_su_gommapiuma,_70x100_cm_(2)Tranquillanti,_1968_olio_e_tm._su_tela,_48x58_cm_BASSASuperficie_malata,_1961_olio_e_tm_su_tela,_100x60_BASSA

Ghirigori, costellazioni, superfici, macchie colorate, galassie,  forme informi, superfici con tranquillanti, sono elementi che appaiono e brillano nella bellissima mostra che la Galleria Milano tiene nel capoluogo lombardo. Vi dirò che aspettavo da tempo una mostra del genere, anche perché ho avuto frequentazione con Turcato  e ne conosco bene il valore sia umano che artistico.  La Galleria Milano, in collaborazione con Paola De Angelis e la Galleria Il Ponte di Firenze, presenta una mostra dedicata a Giulio Turcato (Mantova, 1912 – Roma, 1995), pittore instancabile, considerato tra i maggiori esponenti dell’astrattismo e dell’informale italiano. Tra i promotori dell’Art Club (1945) […]

  

Toti Scialoja maestro indiscusso dell’arte italiana in mostra al Macro di Roma.

toti-scialoja1images 12images4p17f5_7674979f1_7067-064-kwoc-u430504639863204ke-512x384@corriere-web-roma_192x144images5images6

In occasione del Centenario della sua nascita (1914-2014), la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, l’Accademia di Belle Arti di Roma e la Fondazione Toti Scialoja hanno organizzato una mostra al Macro di Roma, dedicata ad uno dei maggiori artisti italiani del secondo Novecento, nazionale e internazionale, Toti Scialoja. E a Toti (all’anagrafe Antonio) appartengono anche le opere che dal 22 maggio hanno affiancato questa mostra, per una seconda tranche di esposizione (forse si poteva respirarla unita fin dall’inizio) dedicata ad amici e colleghi di cui amava collezionare i lavori, tra gli altri Afro, Burri, Calder, Colla, de Kooning, Dorazio, Fontana, […]

  

Alla Cascina Roma di San Donato Milanese le opere di Giusy Santoro. In un’antologica forte, intensa e colta, il suo lavoro dagli anni Cinquanta ad oggi.

Alla Cascina Roma di San Donato Milanese dove l’Assessorato alla Cultura e il  Sindaco della città sono da sempre attenti alle arti e alla cultura più raffinata  è da vedere  una bellissima antologica di Giusy Santoro, dal titolo “Dal segno al colore”, artista di chiara fama, e nobile soprattutto di cuore e di creatività, che non s’è mai confusa con il clima e l’andazzo del superficiale, del mercato arraffone e della produzione insistita. La mostra vive anche di un nobile corredo di immagini fotografiche che ripercorrono gli esordi di Giusy Santoro, la frequentazione dell’Accademia di Brera e delle aule degli artisti-docenti  […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019