Colpo di grazia all’ISIS. Dalla Siria all’Isis. Smantellato il sistema di vita imposta nelle zone conquistate dai miliziani islamici.

isis-a-palmyra

Tempi durissimi per l’ISIS. Mesi e giorni contati. Il capo del dipartimento generale operativo dello Stato maggiore russo, generale Serghiei Rudskoi ha comunicato che Palmira  è  stata riconquistata dalle milizie siriane, e che lo Stato Islamico ha  perso oltre mille soldati,  tra  morti o feriti, con  19 carri armati, 37 veicoli da sfondamento, 98 pick-up, armi pesanti e oltre 100 mezzi. Anche se  l’ISIS, a quanto pare,  sta ancora ricevendo  rinforzi da Mosul e Raqqa  pur con i suoi ultimi latrati. E tutto ciò non in apparenza, ma carte alla mano e con battaglie vinte. Lo riferiscono i quartieri generali […]

  

La Corte dell’Aja ha sentenziato in difesa del patrimonio culturale. Distruggere opere e monumenti è crimine di guerra.

45153-site_0119_0001-750-0-20151105122133Buddah Bamyian distruttoBudda BamyanNimrud -destruction53415-rinascere

Era proprio ora che si arrivasse alla sentenza della Corte Penale Internazionale (CPI)  nel processo contro Ahmad al-Faqi al-Mahdi,  primo jihadista  membro del gruppo estremista di Ansar Dine, accusato della demolizione di nove antichi mausolei e della celebre moschea Sidi Yahia di Timbuctù, in Mali. Al Qaeda: “distrutta per sempre in Mali la moschea di Sidi Yahya, datata 1440, nella città di Timbuctù, dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco.” Un evento storico senza precedenti, poiché non era mai accaduto prima che nello storico  Tribunale dell’Aja le distruzioni del patrimonio culturale e storico venissero iscritte tra i crimini di guerra. Adesso vedremo se questi […]

  

Salvare la Memoria dopo l’Isis. (La Bellezza, l’Arte, la Storia). Una mostra a Milano, mette in scena storie di distruzione e rinascita.

46323-1_Palmira_mOrchestra Marinski s'esibisce in antico teatro PalmiraPalmira-siria-prima-dopo-01-1000x600Palmira-siria-prima-dopo-07-1000x600Palmira-siria-prima-dopo-02-1000x600Palmira-siria-prima-dopo-04-1000x600

Vale proprio la pena visitare la mostra aperta fino al 6 novembre 2016 presso il Museo di Sant’Eustorgio a Milano, adiacente alla prestigiosa Cappella Portinari, capolavoro rinascimentale affrescato da Vincenzo Foppa, qui è locata l’esposizione  “Salvare la Memoria”, oggi idealmente dedicata al Direttore del sito archeologico di Palmira Khaled Asaad -barbaramente assassinato dall’Isis-  e anche al non meno prezioso, e spesso anonimo, esercito di Monuments Men che, ovunque nel mondo, si vota al recupero di un patrimonio di arte che è storia di tutti. Un patrimonio violentato da guerre, come quella in Siria appunto, ma anche da terremoti, alluvioni e da tutti quegli eventi che, ferocemente […]

  

Salviamo i cristiani. Donazione di artisti italiani mobilitati per i reportage di guerra de “il Giornale.it” sul dramma dei cristiani, nuovi martiri d’oggi.

monastero_mar_elian_siria-800isis-distrugge-il-monastero-di-mar-elian-701221imagecrocifissiisis-crucifixion-679729_tnindex13il-monastero-di-mar-elian-701217Frescos_in_Saint_Elian_Church_-_Hims_Syria-800-600x404

Ecco i nomi – ben venti – degli artisti che hanno voluto con la donazione di loro opere finanziare dal basso questi reportage di guerra messi in piedi da il Giornale.it per documentare le persecuzioni ai cristiani. Il gesto è fortemente nobile, nobilissimo, per queste persone offese nella loro dignità e nella loro fede. E poiché questi reportage hanno un costo, ecco il senso di queste donazioni, una mano per offrire dati e notizie certe e far aprire gli occhi a tutti i cristiani del mondo.                 Donazioni di Vincenzo Parea (Vigevano), Vincenzo […]

  

In mano all’Isis i gioielli romani di Sabratha in Libia. E’ il primo schiaffo all’Italia. Sale l’allerta.

sabratha7sabratha-libia-unesco-isissabratha11LP-Meduses1sabratha17Sabratha-009-kX5D-U431401561444446ME-593x443@Corriere-Web-Sezionisabratha13

In mano all’Isis i gioielli romani di Sabratha in Libia. E’ il primo schiaffo all’Italia. Sale l’allerta. L’aver messo in Libia fuori gioco Gheddafi è stato un errore incalcolabile. Il nord africa nel caos più completo. Situazione che è sfuggita e sfugge a chiunque decide di porvi riparo. Si parla della Libia come di un “piano B” dello Stato Islamico(Is o Daesh), che secondo le fonti continuerebbe la sua avanzata alla conquista di fette del Paese del Nord Africa, e avrebbe messo sotto tiro in queste ore il sito Unesco di Sabratha, a 70 chilometri da Tripoli e a 30 […]

  

La Francia dichiara guerra all’Isis. Con una risposta dura, durissima. Io sto con la Francia.

164221747-f967e677-fce0-446d-b153-ecf249b199e8

La Francia è in guerra, io sto con la Francia. Ieri, domenica 15 novembre, già presente nella capitale tedesca, Berlino, per lavoro, c’ero anch’io dinanzi all’Ambasciata francese a dare una testimonianza forte al vile attentato, anzi ai vili attentati perpetrati a Parigi dagli islamisti. Ho pianto con i berlinesi. Ma non ho avuto paura, né l’avevano i berlinesi. Berlino ha risposto con decine di migliaia di fiori e migliaia di lumini a ricordare vittime inermi. Un silenzio tombale. Non se ne può più di questi fanatici islamisti, attentati a New York, attentati a Madrid, attentati a Londra, attentati a Parigi, […]

  

A processo per massacro di siti antichi. Primo caso nella storia giudiziaria.

mali-processo-timbuktu220px-Sankore_Mosque_in_Timbuktu105800256-cd1ef107-9de0-49b2-8016-a62a6f204c9f

                   Si chiama Ahmad al-Faqi al-Mahdi (nella foto) ed è stato sospettato di aver commesso crimini di guerra in relazione al “massacro” di siti antichi nel 2012, dopo che uomini dell’ISIS ovvero islamisti radicali attaccarono Timbuktu(antica città del Mali – Africa- Patrimonio Mondiale dell’Unesco dal 1988), fino all’arrivo militare francese che ci fu nel 2013. Ora questo personaggio è sottoposto a procedimento penale dalla Corte internazionale, per vilipendio e distruzione di edifici e monumenti storici. Un caso storico, e per la verità primo nel suo genere, visto che tradizionalmente la corte si è sempre concentrata sulla atrocità commesse […]

  

“Si vis pacem para bellum”. Se vuoi la pace fai la guerra. La lezione dell’impero romano è ancora oggi valida. L’Isis non ama la bellezza e non tollera la cristianità. Alziamo un muro.

Concordo in pieno con quanto ha scritto Vittorio Feltri sull’Isis, sui musulmani e su questo plotone di bastardi tagliagole allevati in Italia. Credo sia finito il tempo della tolleranza. Tolleranza zero. Ci avevano avvisati fin dal 1700, basti pensare a Voltaire. Oggi ci troviamo dinanzi a questo pericolo assoluto e primario, grazie alle bandiere arcobaleno, alle crociate di Pax Christi e alle frontiere aperte che vanno immediatamente chiuse. Ricordiamo che la storia romana insegna, in tempi difficili si eleggeva un dittatore, pronto a sanare e a fronteggiare ogni evenienza. Si può congelare momentaneamente la democrazia. L’Isis non ama la bellezza, […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019