Roy Lichtenstein, artefice mondiale della Pop Art Americana. Alla Fondazione Magnani Rocca di Parma ottanta opere di un maestro del XX secolo.

Roy-Lichtenstein-Crying-Girl-1963-©-Estate-of-Roy-Lichtenstein-SIAE-2018-150x150Robert-Indiana-FOUR-1965-acrilico-su-tela-61-x-612-cm.-150x150Allan-DArcangelo-Smoke-dream-1-1963-olio-su-tela.-150x150Mel-Ramos-Doll-1964-olio-su-tela.-150x150Roy-Lichtenstein-Sweet-Dreams-Baby-1965-©-Estate-of-Roy-Lichtenstein-SIAE-2018-150x150Roy-Lichtenstein-Little-Aloha-1962-acrlico-su-tela.-Photo-by-Robert-McKeever-©-Estate-of-Roy-Lichtenstein-SIAE-2018.-150x150James-Rosenquist-1947-1948-1950-olio-su-masonite-1960-762-x-2223-cm.-150x150Tom-Wesselmann-Smoker-1971-vinile-colorato-su-pannello-cm-144x160.-150x150

La Fondazione Magnani-Rocca presenta una retrospettiva dedicata ad uno dei più grandi artisti del XX secolo: Roy Lichtenstein. Il genio della POP ART americana che ha influenzato grafici, designer, pubblicitari ed altri artisti contemporanei tanto che ancora oggi è possibile riscontrare riferimenti allo stile di Lichtenstein in ogni ambito del design e della comunicazione. Una mostra – allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma –  che riunisce oltre 80 opere del Maestro e degli altri grandi protagonisti della Pop Art americana; per evidenziare sia la sua originalità che l’appartenenza a uno specifico clima, […]

  

Addio a James Rosenquist. La Pop Art perde uno dei suoi padri.

james-rosenquist-f111220px-James_rosenquist1james-rosenquist-the-israel-flag-at-the-speed-of-light

                                                                                                  Temi e lavori rubati al cinema, alla tv e alla nostra quotidianità. Rossetti, automobili, il Presidente Kennedy, Marilyn Monroe, Joan Crawford, la Ford, la Pepsi,  le stelle della bandiera americana, viti e bulloni, tende veneziane, scolapiatti, cavi elettrici, fiori, la statua della libertà. E’ stato questo il lessico visivo  di  James Rosenquist. A detta dei colleghi critici di tutto il mondo “una rappresentazione accattivante ma frammentata”. E ancora tra  i temi politici formidabile il suo  “President elect […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019