Il Bosco magico di Paolo Martellotti. Alla Casina delle Civette dei Musei di Villa Torlonia a Roma gli alberi sciamanici dell’artista museografo.

02 fuoco blu10 la notte bianca04 Scorcio-201 fuoco rosso03 Gruppo06 Arpa rossa05 paesaggio08 la compagna07 Il compagno senza nome12 torre numero 113 luce

La Casina delle Civette – Musei di Villa Torlonia, ospita  fino  al 30 settembre 2018 la mostra “Bosco magico. Gli alberi sciamanici” di Paolo Martellotti” che permette di ammirare le ultime opere del Maestro, ovvero  30 sculture e 25 dipinti che l’artista, anche architetto e museografo di rango internazionale, ha sapientemente inserito nel prezioso contesto liberty dove architettura, arti applicate, natura coltivata, dialogano da sempre. La mostra, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è a cura di Tiziana Gazzini e Maria Grazia Massafra e  Servizi museali di Zètema Progetto Cultura. L’esposizione “Bosco […]

  

Willy Virginer, lo scultore che mette sul piedistallo la bellezza e la natura. Approda a Monza un campione della scultura contemporanea.

Where has the Stockbroker gone, 2015, lindenwood, arcryl color, aluminum leaf, iron, 270x93x64cmIMG_4422-1-590x590busto-2-1-489x59022310340_894577590710737_5936535014645386109_nimage (56)Ciu ria de fo ies, 2017, lindenwood, acryl color, 190x65x46cm (dettail) (4)22382293_894414664060363_4884059337791101427_o

Finalmente, dico finalmente. Ecco una mostra  fuori da tutti gli schemi dei “mostrifici”. Una mostra vera, sapiente, educativa, forte, etica, esteticamente bella. E’ la mostra con opere recenti di  Willy Verginer. Uno scultore tutto d’un pezzo, che sorvola  formalità e glorie. Uno scultore come ormai non se ne vedono più in giro da anni. Una volta c’era la storica galleria di Ada  Zunino a Milano, la regina della scultura italiana,  che proponeva il meglio della scultura italiana ed estera. Poi più nulla. E adesso torna a Monza tre anni dopo la personale al Mac di Lissone e la trasferta americana alla […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019