Il belga Luc Peire in mostra alla Galleria Lorenzelli di Milano, con le sue geometrie verticali.

thYQV2MQ65tlao_98611thA5FJ58J0Luc_Peire_(1985)thECSY02KSSchermata_2015_07_08_alle_18_21_18_57221DDP-LqqWsAASrSS

Nella storica galleria Lorenzelli  Arte di Milano, avevamo già visto sue precedenti esposizioni, oggi l’artista belga vi ritorna con opere che ne segnano sistematicamente l’intero  percorso. Parliamo di Luc Peire  qui in mostra  fino al 20 luglio. A seguito di una lunga e lenta evoluzione, il pittore Luc Peire avanza da solo negli spazi inediti che ha saputo generare attraverso la pratica della linea verticale. Questa linea verticale si organizza spesso in composizioni finemente sfumate o altamente colorate. Ad eccezione, naturalmente, delle Graphies che sono in bianco e nero. Nato nel 1916 a Bruges, in Belgio, Luc Peire segue un […]

  

Bellotto e Canaletto, due artisti del Settecento europeo fra stupore e luce. Alle Gallerie d’Italia di Milano la mostra dei due grandi veneziani che dipinsero l’Italia e l’Europa.

1476793872585_Bellotto_061476793720807_Bellotto_021476793678564_Bellotto_011476796403658_Bellotto_101476796527235_Canaletto_021476796344899_Bellotto_091476793778007_Bellotto_041476794566017_Bellotto_0854795-Bellotto_03_light1476793827952_Bellotto_051476796463524_Canaletto_011476793913551_Bellotto_07

“Bellotto e Canaletto. Lo stupore e la luce”. E’ questo il titolo della mostra, ma aggiungerei anche altri termini per meglio dare accensione  a due pilastri dell’arte italiana.   E’ il primo ambizioso  progetto espositivo che Milano,   alle Gallerie d’Italia, dedica al genio pittorico e all’intelligenza creativa di due artisti di spicco del Settecento europeo: Antonio Canal, detto “il Canaletto” (Venezia 1697-1768) e suo nipote Bernardo Bellotto (Venezia 1722 – Varsavia 1780). Curata da Bozena Anna Kowalczyk, l’esposizione è organizzata da Intesa Sanpaolo in partnership con alcuni tra i più importanti musei europei che conservano le opere dei due artisti, […]

  

Preziose carte di Giancarlo Marchese, scultore della “Scuola di Milano”, in mostra all’Università Bocconi di Milano.

MARCHESE Ritratto-002516tricoloreD.N.2009-21-2009         cm.45x30D.N.2013-3-2013 cm126x100D.N.2009-22-2009   cm45x30la direzioneD.N.2008-1-2008        Studio  per Santa Tecla cm77x56

La mostra  di Giancarlo Marchese(Parma 1931- Milano 2013) appena conclusa all’Università Bocconi  ha messo in evidenza lavori su carta  che io preferisco chiamare “appunti”, tracce guida, anche se debitamente compiuti e ben realizzati, e -dunque- capaci di farsi leggere “apparizioni”, scoperte, lacerti di linee ,forme e colori. Queste carte, primi “spleen” di creatività che Marchese, illustre docente di scultura all’Accademia di  Brera, eppoi scultore di chiara fama,  ha subito fermato, e taluni poi tradotti e realizzati in scultura, manifestano già la armonia dello spazio  raccontato e la luce, anzi quelle lance di luce che circolano liberamente fra le forme tutte, […]

  

Michel Verjux fa vivere i luoghi e la luce. L’artista francese con una mostra racconta l’ impegno nella ristrutturazione di luoghi, spazi e mondi.

IMG_Michel_Verjux11_Michel_Verjux_A_arte_Invernizzi_201610_Michel_Verjux_A_arte_Invernizzi_201603_Michel_Verjux_A_arte_Invernizzi_201608_Michel_Verjux_A_arte_Invernizzi_201607_Michel_Verjux_A_arte_Invernizzi_201606_Michel_Verjux_A_arte_Invernizzi_201602_Michel_Verjux_A_arte_Invernizzi_201605_Michel_Verjux_A_arte_Invernizzi_2016

Entrate nello spazio mostra e siete avvolti da luci, naturali e proiettate. La luce investe le pareti, lo spazio e anche il vostro corpo. Sembrerebbe di entrare in una nuova dimensione, “m’illumino d’immenso” direbbe il grande poeta Giuseppe Ungaretti. Alla galleria A arte Invernizzi di Milano ecco  una mostra personale dell’artista francese Michel Verjux dal titolo “Staccato stabile” che presenta una serie di interventi pensati appositamente per gli spazi della galleria. Così mi accenna  Michel Verjux nel testo in catalogo: “Queste illuminazioni, proiezioni di luce, orientate, incorniciate e messe a fuoco, svelano chiaramente ciò che abbiamo davanti ai nostri occhi. […]

  

Adriano Castelli, un neochiarista mantovano in mostra da Firenze/Plus Florence al Museo Italo Americano di San Francisco.

14-L'ULTIMO_RAGGIO-20034-I_PAPAVERI-2008Fort_Mason_Center__Building_CN°17-PRIMA_DELLA_FESTA-2002N°3-SENZA_TITOLO-2014N°4-SENZA_TITOLO-2014

Adriano Castelli è uno degli ultimi neochiaristi italiani, artista di valore e di pregio che da anni indaga il paesaggio italiano argomentandolo attorno alla luce che, sovrana, è divenuta pelle singolare di un luogo mentale, dove silenzio, magia, stupore e riflessione rimandano alla grande pittura italiana dei secoli passati. Di questi tempi espone in Europa a Firenze al Plus Florence con una personale e a San Francisco al Museo Italo Americano in una distintissima rassegna. Fort Mason Center è un ex avamposto militare che è stato convertito in un centro culturale e artistico, oggigiorno ospita due musei,il Museo Italo Americano […]

  

David Tremlett e Michel Verjux dialogano fra loro sulle forme del mondo, volumetria, spazialità, luce e colori.

La galleria A arte Studio Invernizzi, rigorosa e colta nelle sue scelte,  ha inaugurato  la mostra Lo spazio di un duo all’interno della quale sono stati  presentati lavori di David Tremlett e Michel Verjux. La mostra, pensata in relazione allo spazio espositivo, si pone come l’esito di un’attiva collaborazione tra l’artista inglese e l’artista francese. Al piano superiore della galleria vengono  presentate opere realizzate singolarmente. Nella prima sala Michel Verjux ha realizzato  una proiezione luminosa in cui un fascio di luce attraversa lo spazio espositivo rimanendo tangente al muro e  illuminando  una porzione semicircolare di una delle pareti della sala […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020