Gli artisti visionari in mostra al MuSa Museo di Salò. Invenzione e fantasia colorano l’universo della contemporaneità.

IMG_6123-e1554816136760-650x534©contemplazioni_Luigi-Serafini-Persefone-C_DSC530856565461_803215293355512_3080519311136129024_nDomenico-Gnoli-Buste-en-vert-olio-su-tela-1964Gaetano-Pesce-profilo-di-ghiaccio-gp89897-_contemplazioni_Cesare_Inzerillo_Picuriedda_1_2019©contemplazioni_Cesare-Inzerillo-Duro-da-morireCesare-Inzerillo-Barone-rosso-gpAgostino-Arrivabene-Il-predestinato-in-eclissi-gp

Apre al MuSa – Museo di Salò la mostra a cura del collega  Vittorio Sgarbi dal titolo “Contemplazioni: i visionari” aperta fino all’8 dicembre 2019.  “Un viaggio attraverso le esperienze artistiche più creative della seconda metà del secolo scorso – racconta il direttore del MuSa Giordano Bruno Guerri – in un susseguirsi di camere delle meraviglie”.  Il Musa diventa così il luogo mistico in cui poter incontrare le alchimie di Agostino Arrivabene, il mondo fantastico e indecifrabile di Luigi Serafini, le presenze di Domenico Gnoli, l’aldilà di Cesare Inzerillo e la prorompente ricerca di Gaetano Pesce. «Non c’è altro modo […]

  

La Cultura e l’Arte di Expo Milano 2015. Classifica e premi anche ai Padiglioni migliori.

47ab8f4b2c91e37bf1f1a0e143bfa7c1_L10996013_668728726604444_3213145638299570293_nslide_433340_5651176_freeAD00213ALIS1814034-593x443slide_433340_5651142_free3bc03dadbda2be3aa076f3f425c6498a_L

                                                                    L’Expo Milano 2015 si chiude. C’è chi vi ha visto un gran luna park, invece al di là delle finalità etiche che pure hanno sorretto l’evento, l’Expo è stato un grande museo a cielo aperto che, spesso, pur essendo sotto gli occhi di tutti non ha destato molta sorpresa. Un esempio? All’ingresso del sito Expo una     scultura monumentale, raffigurante un seme d’arancia “ il seme dell’Altissimo” dell’artista Emilio Isgrò. «Sì, ma di quelli imperfetti, teneramente brutto ed esageratamente grande. Mi piaceva così», ha detto l’artista siculo-milanese Isgrò. Passando di fianco a sette metri di purissimo marmo bianco non tutti […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019