Sei Artisti Europei in mostra al MVSA di Sondrio. Brillano i nomi di Ioan Sbârciu (Romania), Markus Lüpertz (Dusseldorf) e Guido Pertusi (Milano) che movimentano l’arte del terzo millennio.

Schermata 2020-01-12 a 23.29.27Schermata 2020-01-12 a 23.29.54Schermata 2020-01-12 a 23.30.01Schermata 2020-01-12 a 23.30.09Schermata 2020-01-12 a 23.30.17Schermata 2020-01-12 a 23.30.49Schermata 2020-01-12 a 23.31.54Schermata 2019-10-22 a 15.05.31IMG_20191101_180124

Il MVSA di Sondrio vive in questi primi giorni del 2020 un evento culturale di piano internazionale, e proprio in quanto città di frontiera bene accoglie una mostra dal titolo “Sguardi plurimi” che movimenta  il lavoro di ben sei artisti internazionali, capaci di farsi bandiere e indicatori della movimentazione artistica nel terzo millennio.  E se taluni  vogliono farsi un’idea di come l’arte oggi si vada configurando deve fare visita a questa mostra in cui teleri  e sculture raccontano la vita, il mondo e le poetiche mosse a sostegno del nostro tempo. Tre artisti, Ioan Sbârciu, Markus Lüpertz e Guido Pertusi, […]

  

Berlin 1989. La pittura in Germania prima e dopo il Muro. Un ampio sguardo su quegli anni in mostra alle Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli.

Berlin1989_logo-mostra-con-illustrazioneSigmar-Polke-Mostra-Napoliberlin-wall-1989-866x486Kiefer_Die-Schrecken-des-Eises-und-der-Finnsternis-587x1024kiefer_untitledalbert-oehlen-drberlin-1989--6sbmt5mhh32c3dukcx6i585n91qa8c3fzgfw5xp4m2c

Alle Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano, sede museale di Intesa Sanpaolo a Napoli, fino al 19 gennaio 2020 la mostra “Berlin 1989. La pittura in Germania prima e dopo il Muro”. Dopo Le mille luci di New York nel 2017 e London Shadow nel 2018, Berlin 1989 chiude il trittico di mostre dedicate alle grandi città che, sul finire del ‘900, hanno cambiato la storia dell’arte. In un coinvolgente percorso di 21 opere realizzate tra 1972 e 2003, in prestito da gallerie e collezioni private italiane, Berlin 1989 presenta capolavori dei più importanti pittori tedeschi del dopoguerra e tra […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020