L’arte di Mounir Fatmi mostra il dialogo fra religione, scienza e le ambivalenze del linguaggio. A Milano le sue installazioni raccontano il potere ingannevole di certa cultura.

mounir01 - mounir fatmi01b - mounir fatmi03 - mounir fatmi02 - mounir fatmi04 - mounir fatmi

La galleria Officine dell’Immagine di Milano ha inaugurato  la nuova sede di via Carlo Vittadini 11, ospitando la più ampia personale mai realizzata in Italia di Mounir Fatmi (Tangeri, Marocco, 1970), ed aperta fino al 7 gennaio. Molto noto a livello internazionale, Mounir Fatmi è tra i protagonisti dell’attuale Biennale di Venezia con una doppia partecipazione al Padiglione Tunisino, all’interno della mostra “The Absence of Paths”, e al NSK State Pavilion. Chiamato a esporre in prestigiosi musei come il Centre Georges Pompidou, il Brooklyn Museum, il Victoria & Albert Museum, il Mori Art Museum di Tokyo, o il MAXXI di […]

  

Ritrovato un capolavoro del Guercino. L’opera di inestimabile valore rintracciata in Marocco.

guercino-ritrovato(1)

Tela di inestimabile valore, rubata in una Chiesa di  Modena e ritrovata  a Casablanca in Marocco. Era stata trafugata nel 2014, dalla Chiesa di San Vincenzo a Modena, “la Madonna coi santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo,” firmata dal Guercino, e dal valore inestimabile. L’opera,  era stata stimata dal collega  Vittorio Sgarbi sui 5-6 milioni di euro, e dal sottoscritto ben 10 milioni di euro;   era sul “mercato” marocchino a un prezzo di 10 milioni di dirham (940mila euro circa). Ecco come sono tenuti e trattati i beni artistici in Italia;   perché la tela è stata -finalmente-  ritrovata in […]

  

Medhi-Georges Lahlou, è l’artista dai tacchi rossi, e coniuga sesso, religione e ambiguità.

foto-67207_1183_13828im_pf_lahlou_themeeting_web-4-630tachispillo1index1tacchispillo51-560x331index2013-67207-230918_35711_11453_ttacchispillo2

Medhi Georges Lahlou è l’artista, fotografo-pittore, detto anche l’uomo dai tacchi rossi, che ogni giorno macina sesso religione e ambiguità. Insomma nella sua arte si aggrovigliano le proibizioni del sesso e della religione . L’ambiguità è diventata il suo stile forte, il timbro estetico. Ormai tutti sanno che Lahlou ha preso l’abitudine di percorrere decine di kilometri sui suoi tacchi a spillo rosso fuoco ; vi assicuro che non si tratta né di provocazione né di eccentricità, la sua è una vera e propria performance che mira a schedare la storia del nostro tempo, a incrociare religione e fanatismo, ed […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020