La guerra e l’arte, o meglio l’arte della guerra. “?War is over”. Arte e conflitti tra mito e contemporaneità è la mostra che si tiene al Museo di Ravenna. Attualissima, una riflessione per il nostro tempo.

18. Pino Pascaliwar_is_over_Pablo Picasso07.-PerinoVele.81425-01_-Christo_03.-Gilbert-George.WARISOVER-3hermann_nitsch_schuttbild_mit_malhemd_2007_acrilico_su_lino_cm_200x300_collezione_privatae6d161e51d53c71ddf55e879eeedadbfimage_thumb_abcweb_cropIMG_20181005_121417

ll Comune di Ravenna  e il suo Assessorato alla Cultura, unitamente  al Museo d’Arte della città di Ravenna, fino  al 13 gennaio 2019 la mostra “? War is over”. Arte e conflitti tra mito e contemporaneità a cura di Angela Tecce e Maurizio Tarantino.  “Pólemos è padre di tutte le cose, di tutte è Re”(Eraclito). “Ma la guerra è finita! – Guerra è sempre” (Primo Levi). “Si vis pacem para bellum” dicevano i romani. Non si dà pace senza guerra e viceversa: sembra questo il modo inevitabile di affrontare la questione, ma la mostra propone un altro punto di vista: […]

  

Novecento di carta. Disegni e stampe di illustri maestri italiani di chiara fama, al Castello Sforzesco di Milano.

04.Sironi_Allegoria dell_espansione urbanistica, 192113.Turcato_Composizione 1960caMartini Bacio,191575651-Morandi_Grande_natura_morta_con_lampada_a_destra_192816.Baldessari_IX Triennale, 1951

Nell’ambito del palinsesto culturale Novecento Italiano il Comune di Milano – Cultura e la Soprintendenza del Castello Sforzesco hanno  presentato i capolavori della grafica italiana del Novecento conservati nelle raccolte civiche e nelle collezioni di Intesa Sanpaolo con una mostra di disegni, incisioni e libri d’artista dei più celebri maestri del secolo scorso. Un’occasione per mostrare al pubblico internazionale del Castello una selezione di lavori provenienti da un patrimonio straordinario, unico per qualità e varietà, e normalmente non visibile per ragioni conservative. Prodotta e organizzata con la casa editrice Electa, l’esposizione è a cura di Claudio Salsi con la collaborazione del comitato […]

  

Da Duchamp a Cattelan. Cento opere di arte contemporanea vivono a Roma sul Palatino. Traghettano il presente nell’archeologia romana.

65483-Vedovamazzeri-After-love-2003-1200x5408_arte-contemporanea-al-palatino_luca-vitone165556864-bc4e7da4-b521-4ec0-a046-7f1aaf9da48d2_arte-contemporanea-al-palatino_mario-airocq5dam_web_738_462163a6638

      L’arte contemporanea torna a confrontarsi con l’archeologia nella mostra “Da Duchamp a Cattelan. Arte contemporanea” esposti all’interno dello Stadio Palatino, tra il peristilio inferiore della Domus Augustana e le Arcate Severiane curata da Alberto Fiz,  presenta 100 opere -dal 28 giugno al 29 ottobre 2017- tra grandi installazioni, sculture, dipinti, fotografie e opere su carta di artisti provenienti da 25 diverse nazioni. Accanto a maestri riconosciuti come Marina Abramović, Gino De Dominicis, Marcel Duchamp, Gilbert & George, Joseph Kosuth, Barbara Kruger, Richard Long, Allan McCollum, Vettor Pisani, Michelangelo Pistoletto, Remo Salvadori, Mario Schifano, Mauro Staccioli, sono proposti […]

  

BORSINO DELL’ARTE 2016. I primi dieci artisti al top nel secondo semestre 2016. Investimento sicuro, storia e bellezza.

Burri-Sacco-e-Rosso_10.02-520x590piero_manzoni_merda_d_artista_d5584257hschifano-1-330x639images81DTJSPIcastellani3146_-_MODULI_SOMMERSI_ROSSI_cm_60x60x10_-2016MODULI_SOMMERSI_132_cm_70_x_70_x10__2016Il giallo si fonde nel grigio, cm 95 x 120, 2013Situazione di luce più accentuata, cm 95 x 120, 2013Verticalità di luci, cm 95 x 120, 2011mimmo-rotella-omaggio-a-marilyn_pag.22_1luciofontanaretrospettiva_cosebelle_01images aricò

Ultimo mese dell’anno 2016, è tempo di riscontri certi anche nel mondo dell’arte ed è quindi opportuno fare un bilancio sommario delle vendite, delle proposte  e degli artisti che maggiormente  tirano sul mercato italiano e internazionale. D’altronde i nostri risultati poggiano su quanto è stato proposto e venduto nelle aste del secondo semestre 2016. Basti pensare che  il 6 dicembre Il Ponte Casa d’aste di Milano ha raggiunto nell’asta di arte moderna e contemporanea  un fatturato di 5.450.000 euro, con il 91% dei lotti venduti e il 130% del venduto sul valore,  lasciando vedere  la qualità delle opere, le firme […]

  

BORSINO DELL’ARTE 2016. I primi dieci artisti al top nel primo semestre 2016. Investimento sicuro, storia e bellezza.

TF10388-690x460marrocco blueindex23Balcone_con_Al-Gher_Light_©_Firenze_copiamimmo-rotella-omaggio-a-marilyn_pag.22_1luciofontanaretrospettiva_cosebelle_01Rodolfo-Aricò-visuale-della-stanzacastellani3index12974352_1294142603935148_3509453630454236146_nIMG_6617-e1474229725270pistoletto3IMG_6271-e1474229897173

Una mappatura vera e completa sull’andamento dell’arte italiana nelle aste internazionali da gennaio a giugno 2016, lascia leggere un numero ristretto di artisti italiani. Certo di taluni nomi già storicizzati, non ci sono molte opere in circolazione, ma  va anche detto che   per autori  come  Lucio Fontana, Piero Manzoni, Alighiero Boetti o Michelangelo Pistoletto non c’è stata una movimentazione di rilievo come nei mesi trascorsi. Intanto  da gennaio a giugno si sono avuti alcune performance  significative  come il nuovo record d’asta di Alberto Burri che, per la prima volta, ha superato i 10 milioni di euro (diritti esclusi) il 10 […]

  

L’Arte Povera in mostra al Pompidou di Parigi. Un movimento che sulla fine degli anni Sessanta rivoluzionò l’arte e l’estetica del bello.

index10index43index8images4images67imagesmerz-igloo-pompidouindex3indeximages44index87

Mi  sono detto, certe mostre non le trovi in Italia  e sei costretto a girare l’Europa per leggerle.  E’ il caso di questa mostra storica  dal titolo “L’Arte Povera, ieri e oggi” che in chiave pluridisciplinare (arte, musica, danza, cinema, performance, architettura e design) si tiene a Parigi  presso il Centre Pompidou fino al 29 agosto, anticipando i festeggiamenti  per  i 50 anni del movimento che ricorrono l’anno prossimo(1967-2017). L’Arte Povera è stata una tendenza artistica che, rifiutando i valori culturali legati a una società organizzata e tecnologicamente avanzata, ha puntato  al recupero dell’azione, del contingente, dell’archetipo come sola possibilità […]

  

Pio Monti festeggia i suoi quarant’anni di galleria a Roma con la mostra “Il futuro è passato”. Uno spazio storico per un gallerista storico.

pio-monti

                           La galleria PIOMONTI arte contemporanea presenta la mostra “Il futuro è passato”; il progetto espositivo nasce dall’idea di festeggiare ironicamente l’attività di Pio Monti che aprì il suo primo spazio romano nel 1975, preceduto dalla galleria Artestudio Macerata inaugurata nel 1969. Ricordo bene, benissimo, quegli anni Settanta a Roma e cosa è stata la galleria Pio Monti, io giovane professore di storia dell’arte che con il più illustre professore  e maestro Giulio Carlo Argan di cui ero assistente, abbiamo presenziato a più inaugurazioni mentre seguivamo i nuovi svolgimenti del contemporaneo, e soprattutto dettandone gusti, cadenze, stili e storia in […]

  

BORSINO DELL’ARTE 2015. I primi dieci artisti al top nel secondo semestre 2015. Investimento sicuro, storia e bellezza.

castellani3luciofontanaretrospettiva_cosebelle_01pistoletto3Rodolfo-Aricò-visuale-della-stanzaindex45Senza titolo-3sala-1-b2-MangiaterraAttachment-1-2index32

BORSINO DELL’ARTE 2015. Vi presento i  primi dieci artisti al top nel secondo semestre 2015. Investimento sicuro, storia e bellezza. La legislazione italiana in un certo senso favorisce il collezionista d’arte, l’investitore privato, perché sui guadagni derivanti dalla compravendita di proprie opere d’arte , non è prevista nessuna tassazione e il possesso delle opere non va denunciato nella dichiarazione dei redditi. Il che vuol dire poterne trarre un profitto senza dover nulla all’erario. Non è poco. Ma ai fini fiscali il collezionista rimane un “privato” fino a che la compravendita non assume i connotati dell’imprenditoria organizzata, ossia non abbia il […]

  

Vandalizzata la mela-scultura di Pistoletto a Milano

TERZO-~1

Eppoi si dice delle periferie, luogo di abbandono e di perdizione. Ormai Milano è diventata con la Giunta Pisapia tutta una periferia. Vandalizzata la mela-scultura che Michelangelo Pistoletto, artista di fama mondiale, aveva donato alla città. Segue di poco quello che è capitato all’opera di Anish Kapoor nel Parco della Reggia di Versailles a Parigi. L’Assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno ha reso noto questa mattina il danneggiamento della “Mela Reintegrata” di Michelangelo Pistoletto, opera che era stata donata dall’artista e dal Fondo Ambiente Italiano alla città di Milano lo scorso 3 maggio in occasione dell’inaugurazione […]

  

A Parma inaugurato il CSAC, Museo italiano punta di diamante del contemporaneo. Un progetto museale che finalmente compete con i grandi musei del mondo.

paradigna_sede_csac__totale_da_sseper_nl__foto_paolo_rosselli_lightCSACimages5mario_schifano_al_mare_1979imagesghirri-m2antzvhfts2c9vpums66m03i64v089fpqxcr36mpsmateriali CSAC nella Certosa di Paradigna parma.repubblica.itcertosa-CSACSede%20Csac_Standard

Finalmente un Museo coi fiocchi e un museo italiano. E badate bene, questo non a Milano ma a Parma. E già perché a Milano si scimmiotta con il Museo del Novecento in Piazza del Duomo ma a Milano manca ancora un Museo dell’Arte Contemporanea, che esiste già in molti paesi europei. Un museo, il CSAC, voluto grazie all’operosità di un collega quale il prof. Carlo Arturo Quintavalle, Ordinario di Storia dell’Arte presso l’Università di Parma. Finalmente un collega accademico operoso e ben inserito nei meccanismi dell’arte contemporanea. L’Archivio-Museo dello CSAC apre al pubblico sabato 23 maggio nell’Abbazia di Valserena, meglio […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019