Dal gesto alla forma . Arte europea e americana del dopoguerra nella Collezione Schulhof. Strepitosa mostra a Venezia nel Museo della Collezione Peggy Guggenheim.

img-COLLEZIONE-SCHULHOF-in-Guggenheim85675-Ellswoth_Kelly_Rosso_Bludal-gesto-alla-forma-arte-europea-e-americana-del-dopoguerra-nella-collezione-schulhof-guggenheim-venezia-26-gennaio-18-marzo-2019_30844_1_zoomdal-gesto-alla-forma-arte-europea-e-americana-del-dopoguerra-nella-collezione-schulhofPh.-Matteo-De-Finadownload_1

E’ stata appena aperta ed è già visitatissima la mostra che si tiene fino  al 18 marzo 2019 presso il Museo Collezione Peggy Guggenheim   dal titolo “Dal gesto alla forma. Arte europea e americana del dopoguerra nella Collezione Schulhof ”,  a cura di Gražina Subelytė, Assistant Curator, e Karole P. B. Vail, direttrice del museo veneziano. Nel 2012 ottanta opere d’arte europea e americana del dopoguerra sono andate ad aggiungersi alle collezioni della Fondazione Solomon R. Guggenheim, quale lascito di Hannelore B. Schulhof (1922–2012) e del marito Rudolph B. Schulhof (1912–1999). La mostra è l’occasione per vedere la Collezione Schulhof nel suo complesso, con quasi tutte le opere esposte e allestite […]

  

Francois Morellet(1926-2016), il barocco minimalista, protagonista dell’arte internazionale, celebrato con una mostra alla Galleria A arte Invernizzi di Milano.

01_François Morellet_A arte Invernizzi_201703_François Morellet_A arte Invernizzi_201704_François Morellet_A arte Invernizzi_2017francois-morellet-mostra-personale_01

La galleria A arte Invernizzi  inaugurerà a giorni, il 23 maggio 2017,   una mostra personale di François Morellet, protagonista dell’arte internazionale sin dagli anni Cinquanta. La collaborazione con l’artista francese, iniziata nel 1994 con l’esposizione “Dadamain,  Morellet,  Uecker” tenutasi in occasione dell’apertura della galleria, ha portato negli anni alla realizzazione di numerose mostre personali sia in  Italia che all’estero e, a un anno dalla scomparsa del maestro, questa esposizione desidera mettere in luce il suo peculiare e personalissimo approccio al “fare arte”, ripercorrendo l’ultimo decennio della sua ricerca. Nella prima sala del piano superiore sono esposte le ultime opere […]

  

Daniel Buren veste la Fondation Vuitton a Parigi. Un capolavoro di altra-modernità.

observatory-of-light-fondation-louis-vuitton4fondation-louis-vuitton2017-01-10-PHOTO-000000922017-01-10-PHOTO-000000912017-01-10-PHOTO-00000089

Parigi è in festa, come lo è stata in special modo in questi giorni dedicati alla moda. E ha stupito proprio tutti il telero, la veste  che è stata calata, messa addosso alla Fondation Vuitton. La Fondation Vuitton a Parigi è un piccolo Guggenheim rovesciato, nel senso che  mentre il museo disegnato da Frank Gehry a Bilbao si estende, in tutta la sua grandezza, in un piano orizzontale,  quest’ultimo capolavoro architettonico  dell’architetto canadese ma americano d’adozione  si  alza  in verticale. E forse mima, non so quanto, certo molto,   con l’altro monumento  maggiore, e forse gemello,  di Bilbao, con  i suoi […]

  

Gioni David Parra apre la stagione dell’arte a Milano. Alla Galleria Antonio Battaglia un evento internazionale.

IMG_6628IMG_6644IMG_6617IMG_6267IMG_6271IMG_6237IMG_6234Matterlight%20III%20Bianco,%20tec_mista%20su%20tavola%20intelata,%20cm%20100%20x%2070,%202016[2]Matterlight_OLTREMARE,_cm_100_x_70,_2016

Gioni David Parra apre la stagione artistica milanese con una mostra alla Galleria Antonio Battaglia che ha dell’incredibile per la sua internazionalità. Materie e universi, ma anche minimalismo, arte analitica, primitivismo e nomadismo.All’inaugurazione sembrava essere ritornati agli incontri che si vedevano nelle gallerie negli anni d’oro Ottanta. L’interesse verso mondi creativi, con l’uso di materiali diversi, ha mosso l’artista Gioni David Parra a far generare un fenomeno di nuove apparizioni e di nuove letture del mondo, una sorta di lenticolari capitoli di scenografie vitali ove convergono poetiche parallele, intenti evocativi atti a testimoniare quanto oggi l’arte viva di commistioni, di […]

  

Addio a Ellsworth Kelly, il maestro americano dell’Hard Edge Painting.

Untitled-design-32W1siZiIsIjE3NTk2NiJdLFsicCIsImNvbnZlcnQiLCItcmVzaXplIDUxMng1MTJcdTAwM0UiXV0W1siZiIsIjI5ODc0MSJdLFsicCIsImNvbnZlcnQiLCItcmVzaXplIDUxMng1MTJcdTAwM0UiXV0W1siZiIsIjE3NTA4NSJdLFsicCIsImNvbnZlcnQiLCItcmVzaXplIDUxMng1MTJcdTAwM0UiXV0W1siZiIsIjIxMTg5MSJdLFsicCIsImNvbnZlcnQiLCItcmVzaXplIDUxMng1MTJcdTAwM0UiXV0W1siZiIsIjMxNjIxNyJdLFsicCIsImNvbnZlcnQiLCItcmVzaXplIDUxMng1MTJcdTAwM0UiXV0

Ellsworth Kelly si è spento a 92 anni. Si era imposto come l’esploratore dell’astrattismo composto perseguendo l’Hard Edge Painting ( ovvero pittura a contrasti netti), opponendosi alla pittura gestuale di Jackson Pollock. Era nato nel 1923, soldato americano nella seconda guerra mondiale, Kelly è morto nella sua casa di Spencertown, a nord di New York, e ad annunciarlo è stato proprio il gallerista Matthew Marks. Subito sono iniziate a piovere sui social le condoglianze di tutto il mondo dell’arte internazionale, a partire dal collega critico Jerry Saltz che me ne ha dato notizia.. La sua prima mostra fu nel 1951 […]

  

Kenneth Noland alla Cardi Gallery di Milano. Artefice delle campiture piatte, dell’espressionismo astratto e del minimalismo.

      Immenso l’interesse dei collezionisti per la rivisitazione e l’approfondimento del lavoro artistico di taluni maestri dell’arte mondiale del Novecento, com’è il caso della mostra di “Kenneth Noland. Opere 1958-1980”, artefice dell’espressionismo astratto, in corso nella Cardi Gallery, punta di diamante fra le gallerie milanesi. Di grande efficacia paiono i lavori a campitura “piatta” ,che vanno bene a significare quel rapporto che legava Noland a Clement Greenberg critico statunitense di spessore (1916-1994)- appoggiava infatti il “colour field” ovvero pittura a campi di colore- ; quest’ultimo sostenne fin da subito il valore di queste sperimentazioni, faticava tuttavia a trovare […]

  

Andreas Miggiano scultore fra natura e artificio. Rilievi multicolori con schegge di cere, ricreano l’universo.

Si chiama Andreas Miggiano (Horgen-Zurigo 1980), è un giovane artista per metà italiano e per metà spagnolo, che ha come pochi, direi pochissimi, avuto il pass creativo di posizionarsi fra i nuovi artisti in crescendo, di quelli che fanno già l’arte grande e maggiormente la faranno in futuro con le potenzialità eruttive che si portano in corpo. Nella scultura costruisce delle realtà, e con una progressione di forme semplici a significanti frammentari, Miggiano trasforma e decora, concentra e decentra, sottopone ogni installazione a impulsi allegorici. E costruisce modellando la cera, una cera di mille colori che amalgamata diventa “rilievo multicolore”, […]

  

Il minimalismo di Hong Hao fatto di bottoni

Eccola la Pace Gallery di Pechino, vi si accede tramite un ponte levatoio che attraversa il fossato d’acqua che circonda lo spazio museale. Qui espone fino al 27 aprile 2013 l’artista cinese Hong Hao (Pechino,classe 1965) che argomenta da sempre il suo percorso e la sua poetica con oggetti di tutti i giorni. Ha studiato laureandosi al Dipartimento di Incisione all’Accademia Centrale di Belle Arti di Pechino, nel 1989. Ha esposto nella grande mostra internazionale “Il global contemporanea:Art wordls dopo il 1989”; ed il suo lavoro ha toccato i più grandi musei del mondo,dal Moma al Paul Getty Museum di […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019