Sandro Martini brilla in un’antologica che evidenzia Quantità/Spazio/Colore a Villa Borromeo Visconti Litta a Lainate-Milano.

La Salamandra, 1973, Tecnica mista su tela, 150x130 cm???sandro-martini-pittore-vendita-quadri-opere-prezzi-quotazioni-294x300

Dopo il successo dell’esposizione dedicata l’anno scorso a Carlo Nangeroni ecco ora “Sandro Martini – Quantità – Spazio – Colore”, titolo della personale presentata quest’anno ancora una volta nella fantastica cornice di Villa Borromeo Visconti Litta a Lainate, Milano, aperta fino  al 26 Maggio 2019 ed organizzata dalla MR FINE ART. A curarla, come la precedente, Daniele Palazzoli, che segue il lavoro dell’artista da sempre, prima come gallerista ed ora da co-direttore del dipartimento di Arte Moderna e Contemporanea alla casa d’aste Cambi. L’ultima collaborazione fra i due risale al 2012, una doppia personale negli spazi della storica Galleria Blu […]

  

Adriano Altamira. Sogni di carta nell’appartamento dei nani è la mostra a Palazzo Ducale di Mantova.

01_lowadriano-altamira-scala-santa-palazzo-ducale-mantovasogni-di-carta-palazzo-ducale

Dopo aver visitato  la mostra di Adriano Altamira “Sogni di Carta nell’Appartamento dei Nani”, mi son detto che mostre di eccezionale levatura intellettuale e artistica  se ne costruiscono ancora in Italia. L’esposizione in questione ha  luogo -Palazzo Ducale di Mantova-  nella Scala Santa (1615), piccolo gioiello architettonico che riproduce in dimensioni ridotte la celebre Scala Santa del Palazzo in San Giovanni in Laterano a Roma. L’ambiente, storicamente voluto dal duca Ferdinando Gonzaga e il cui progetto fu affidato all’architetto Anton Maria Viani, venne reso celebre da Giovanni Rodari quale “Appartamento dei Nani di corte”: un’espressione efficace ma inesatta, un falso […]

  

Renate Bertlmann e il Padiglione Austria alla 58ma Biennale di Venezia 2019. E’ il trionfo della sessualità.

Felicitas-Thun-Hohenstein-Renate-Bertlmann-Gernot-Blumel.-Photo-Renate-AignerMamas-Darling11.-Renate-Bertlmann_Corpus-Impudicum-Arte-Domitum_1984-copyrenate-bertlmann-945148download-1

E’ la  prima donna a rappresentare l’Austria nella storia della Biennale di Venezia, Renate Bertlmann (Vienna 1943) settantacinquenne, artista femminista d’avanguardia, che da oltre mezzo secolo indaga il ruolo sociale di genere, sesso e spiritualità da una prospettiva per l’appunto femminista. Basti pensare alla sua criticità radicale, con la volontà di marcarsi  su un percorso pericolosissimo e l’assunzione  anche dei rischi per via dei suoi lavori rivoluzionari, ironici e regolarmente banditi da musei e istituzioni fin dagli anni 70. Il padiglione austriaco è stato curato da Felicitas Thun-Hohenstein. Occorre sapere che durante la carriera, lunga 50 anni, la Bertlmann ha affrontato argomenti come […]

  

Gunther Forg a Venezia per la 58ma Biennale di Venezia. A Palazzo Contarini Polignac in mostra uno dei più significativi artisti tedeschi della generazione del secondo dopoguerra, tra astrazione e espressionismo.

Screenshot-91E836DE3E-9E52-48D3-9FAF-1225D994B55A-960x45060035541_2699167410154007_6570638271628443648_n-1-443x59090413-FORG-96381-hires_12DB9E6E-7418-4BF5-BB12-1BEC57505824-1024x86859706298_2728418763839088_3176713929887842304_n-443x5903BE9E6B5-AB16-4CC5-9B61-08C8EBA17F82-684x102459786260_393407761501535_6587158158957871104_n-443x590

Il Dallas Museum of Art (DMA)  presenta la mostra di Günther Förg (1952-2013), che è stata  ospitata nello storico Palazzo Contarini Polignac a Venezia durante la Biennale Arte 2019, ed  aperta fino al 23 agosto 2019. Evento Collaterale ufficiale della 58. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, Förg in Venice fa seguito a Günther Förg: a Fragile Beauty, la prima mostra americana in oltre trent’anni dedicata all’artista, organizzata nel 2018 dal Dallas Museum of Art in collaborazione con lo Stedelijk Museum di Amsterdam. Realizzata in stretta cooperazione con l’Estate di Günther Förg, Förg in Venice mette in mostra oltre […]

  

Tony Cragg a Boboli sotto il cielo di Firenze. In mostra le opere dell’ inglese, uno dei più noti e acclamati esponenti della scultura contemporanea.

90639-Fig_1aFig._9-6579-1920-1080-95tony_cragg_boboli_firenze_5img_4346-e1557008697779Tony-Cragg-Caldera-2008.-Bronze-480-x-372-x-342cm.-Courtesy-the-artist.-Photo-Michael-Richter-3Tony-Cragg-2a-300x222

Geysers di acciaio brillante si stagliano contro il cielo di Firenze, dalla ghiaia e tra le siepi spuntano stalagmiti di bronzo di apparenza preistorica e giganteschi fiori di resina, steli colossali e candidissimi, eruzioni collinari e forme ellittiche, intrecci colossali di immaginarie foreste fossili, colate di metallo che sussultano, si torcono e si ripiegano, colte nell’ultima fase molle prima di rapprendersi: le sculture monumentali di Tony Cragg propongono un dialogo inaspettato, tra associazioni e dissonanze, con l’ordinata natura del Giardino di Boboli e con il panorama della città, tra il loro tessuto storico stratificatissimo, fragile e organizzato e la forza primordiale […]

  

Carlo Storni pittore e “coloraro” svizzero a Roma. Una storica mostra lo fa riscoprire alla Pinacoteca cantonale Giovanni Züst, Rancate (Mendrisio), Cantone Ticino, Svizzera.

Fuga in EgittoNascita di MariaSposalizio della Vergine con GiuseppeFOTOGRAFIA  Villa Lancellotti

Un artista originario della Capriasca di cui non si sapeva quasi nulla. Un ciclo di teleri, realizzati alla fine del Settecento per la chiesa parrocchiale di Tesserete che, trafugati e venduti nel 1968, sono oggi conservati in collezioni pubbliche e private del Ticino. Il tema si inseriva perfettamente nel filone di esposizioni che in primavera la Pinacoteca Züst da molti anni dedica alla riscoperta di artisti del nostro territorio che si sono persi tra le maglie della Storia. Il nome di Carlo Storni (1738-1806) fino a pochi anni or sono risultava infatti praticamente sconosciuto. È solamente nel 2002, in occasione […]

  

La città di Pompei con 200 opere selezionate in mostra al Museo Statale di San Pietroburgo. Con le opere parlano gli Dei, gli Uomini e gli Eroi.

90339-ErmitageVittoria-Nike-Torre-Annunziata-Villa-di-Poppea-marmo-cm-175x64-Pompei-Parco-Archeologico-750x1024Oscillum-decorato-su-entrambe-le-facce-Pompei-Casa-degli-Amorini-dorati-marmo-cm415x45-Pompei-Parco-Archeologico-808x1024Nereide-su-Pantera-marina-Stabia-Villa-Arianna-affresco-cm62x92Napoli-Museo-Archeologico-Nazionale-1200x799Baccoe-Arianna-Pompei-Casa-di-Marco-Fabio-Rufo-vetro-cameo-cm255x395-Pompei-Parco-Archeologico-1200x792Bacco-e-Arianna-Pompei-Casa-di-Marco-Fabio-Rufo-vetro-cameo-cm255x395-Pompei-Parco-Archeologico-1200x800

Al Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo si mostra l’Italia, con l’esposizione  “Dei, Uomini, Eroi. Dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli e dal Parco Archeologico di Pompei”. Aperta  fino  al 23 giugno 2019, promossa dal prestigioso Museo Statale Ermitage con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e con il Parco Archeologico di Pompei – frutto dell’Accordo di collaborazione sottoscritto nel 2017 tra le due Istituzioni campane e il museo russo, in relazione con Ermitage Italia – la mostra propone quasi 200 opere tra affreschi, statue, mosaici e oggetti di uso comune, selezionati nelle straordinarie collezioni dei due siti, per raccontare […]

  

Giuliano Vangi. Lo scultore italiano che dalla matita allo scalpello ha dato un senso all’uomo e all’umanità. Una singolare mostra da Bottegantica a Milano ne mette in risalto la chiara fama.

vangi0Vangi-Giuliano-Donna-e-paesaggio-1982-M.88399-Vangi-Giuliano-Studio-di-figura-1977-m_index54732227_116508052866581_3410363028189308797_n

Con la mostra personale di Giuliano Vangi, Bottegantica apre un suo nuovo spazio espositivo in quello che fu uno dei luoghi dove si è fatta la storia dell’arte italiana del secondo Novecento. Qui, in via Manzoni 45, dal 1946 ebbe infatti sede la Galleria del Naviglio, diretta sino al 2001 da Carlo Cardazzo. “Giuliano Vangi. Dalla matita allo scalpello”, curata da Enzo Savoia, Stefano Bosi e Valerio Mazzetti Rossi, è aperta al pubblico fino al 12 maggio 2019. Con questa mostra, Bottegantica prosegue il suo progetto Contemporary / Lab, format con cui intende rendere omaggio alle principali personalità artistiche del […]

  

Il francese Claude Monet ritorna in Liguria. A distanza di 135 anni del suo soggiorno tra Bordighera e Dolceacqua, una mostra celebra il viaggio in Riviera a Villa Regina Margherita(Bordighera) e al Castello Doria (Dolceacqua) con opere lì realizzate.

Villa Regina Margherita_esterno 2_ph Claudio GavioliINVITO_preview stampa_Monet in Riviera_29aprDolceacqua_Castello Doria 4????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

“Ho l’impressione che farò cose meravigliose”.  Dopo 135 anni dal soggiorno di Monet in Riviera, tornano a Bordighera e Dolceacqua tre dipinti del grande artista francese nel luogo dove furono realizzati. Nella rivisitazione di questa avventura artistica, Monet è protagonista insieme a un territorio straordinario, definito da lui stesso un “paese fiabesco”. Un percorso espositivo anche multimediale illustra l’esperienza dell’artista nel suo viaggio in Riviera nel 1884. E’  un evento straordinario -l’ho trovato di altissimo livello- la mostra dedicata a Claude Monet, aperta fino al 31 luglio 2019. Dopo 135 anni dal suo soggiorno, tornano a Bordighera e Dolceacqua tre […]

  

Emilio Tadini 1967-1982.Una preziosa mostra allo Fondazione Marconi di Milano incornicia l’attività dell’artista artefice della Pop italiana e raffinato intellettuale.

2003201916032320032019160317200320191603192003201916031488675-13

                                                                                                                                                                      Fondazione Marconi presenta Emilio Tadini 1967-1972, la terza mostra dedicata all’artista e intellettuale milanese Emilio Tadini. Dopo Emilio Tadini 1960-1985. L’occhio della pittura del 2007 e Emilio Tadini 1985-1997. I profughi, i filosofi, la città, la notte del 2012, questo nuovo progetto espositivo pone l’attenzione sugli esordi della produzione artistica di Tadini, dal 1967 al 1972, ovvero dal primo ciclo Vita di Voltaire, che segna la nascita del suo linguaggio pittorico, fino ad Archeologia. Considerato uno tra i personaggi più originali del dibattito culturale del secondo dopoguerra italiano, fin dagli anni Sessanta Emilio Tadini sviluppa la propria pittura per grandi cicli, popolati da un clima surreale in cui confluiscono […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019