Ugo Nespolo. Un pilastro della nuova immagine italiana in mostra ad Acqui Terme.

Al Palazzo del Liceo Saracco ad Acqui Terme (finanziata dalla Regione Piemonte e dal Gruppo EGEA, divenuto negli ultimi anni principale sostenitore delle iniziative culturali cittadine) con il titolo “Le stanze dell”immagine” è aperta l’antologica  che quest’anno rende omaggio ad Ugo Nespolo, uno dei protagonisti dell’arte italiana contemporanea. L’artista, nato nel 1941 a Mosso (BI), si è diplomato  all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e si è  laureato  in Lettere Moderne. Il suo è un curriculum significativo che parte fin dagli anni Sessanta. E’  vissuto a New York negli anni  della nascente Pop Art, mentre negli anni Settanta ha […]

  

L’irlandese Pàdraig Timoney inaugura al Madre di Napoli un’ ampia antologica che fa vivere internazionalmente la svolta di una nuova e diversa stagione pittorica ; un neoeclettismo che apre all’ esplorazione del mondo vicino e lontano.

Il Museo Madre di Napoli sta vivendo una stagione felicissima con un lavoro di altissimo profilo storico e contemporaneo. E’ al via la prima e più ampia mostra personale,dal titolo “A lu tiempu de”, mai dedicata da un’istituzione pubblica, non solo italiana, al lavoro dell’artista irlandese Pádraig Timoney (Derry, 1968) che vive e lavora a New York. Questa antologica – che comprende oltre cinquanta opere realizzate nell’arco degli ultimi venti anni – rappresenta anche un ritorno simbolico per l’artista a Napoli, città che Timoney ha eletto a suo luogo di residenza e produzione dal 2004 al 2011, prima di trasferirsi […]

  

Jeremy Laffon,lo scultore neofuturista che lavora con il chewing-gum

Sono un po’ lontani i tempi in cui la scultura utilizzava i materiali nobili quali il bronzo e il marmo lasciandoci opere di esemplare bellezza. Un artista francese come Jeremy Laffon che vive e lavora a Marsiglia  utilizza oggi per mettere a punto le sue opere,  linguaggi e materiali diversi, dalla fotografia ai video e alle installazioni , esplorando il quotidiano anche un quotidiano banale,  e dandoci la possibilità di ammirare lavori che stordiscono un po’ per la loro ironicità, per il loro mistero e la loro enigmaticità. Ma chi l’avrebbe mai detto che per le sue sculture  si sarebbe […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020