Queer British Art 1861 – 1967: l’arte LGBTQI, ovvero l’arte gay in mostra alla Tate Britain di Londra.

David-Hockney-Life-Painting-for-a-Diploma-1962.-Yageo-Foundation-©-Yageo-Foundation.-Courtesy-TateAngus-McBean-Quentin-Crisp-1941.-Stampa-al-bromuro-dargento.-National-Portrait-Gallery-Londra.-©-Angus-McBean-National-Estate-e-Portrait-Gallery-Londra.-Courtesy-TateHenry-Scott-Tuke-The-Critics-1927.-Olio-su-tavola-412-x-514-cm.-Warwick-District-Council-Leamington-Spa-UK.-Courtesy-TateDuncan-Grant-Bathing-1911.-Olio-su-tela-2286-x-3061-cm.-©-e-courtesy-Tate-561x420Keith-Vaughan-Drawing-of-Two-Men-Kissing-1958–73.-Tate-Archive-©-DACS-The-Estate-of-Keith-Vaughan.-Courtesy-Tatefa75659e-c08c-42cc-b93f-2bd258280057646c70a8-0877-4214-a29d-e9993c3676f5791cf1df-9d98-41e5-bd31-c34684d852b56d647ebe-fe66-45d2-af56-173b6487ff3e3346e9ea-1775-412e-bff6-a014ec4c5ae8

La mostra londinese segna un significativo  anniversario, ovvero i 50 anni dalla depenalizzazione parziale dell’omosessualità in Inghilterra e Galles. La mostra raccoglie pezzi importanti di artisti di ogni genere ed orientamento sessuale dipinti tra il 1861 e il 1871, e non solo perché vi appaiono anche opere che datano fino agli anni Sessanta del Novecento: accanto a lavori più privati ed intimi ci sono opere destinate al grande pubblico e che hanno contribuito a sviluppare un forte senso di comunità quando i termini “gay” “lesbica” e “bisex” si facevano strada nel riconoscimento pubblico della società inglese. Fondamentale qui è l’utilizzo del termine […]

  

Lo sguardo dell’altro. L’omosessualità nei capolavori dell’arte occidentale in mostra al Museo del Prado.

20170614-636330356916127386_20170614111638-kvAB--656x437@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204855_imagenes_lv_terceros_cc40e420-1b2a-4153-a2d7-622c2a60f1d0-kDx--656x831@LaVanguardia-WebErmafrodita-1-696x392img_scolome_20170614-155441_imagenes_lv_terceros_d6a56ce7-9cf5-446f-ace1-620334e8a1c7-kvAB--656x228@LaVanguardia-Web20170614-636330353755085533_20170614111136-kvAB-U423380475973p5D-992x558@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204607_imagenes_lv_terceros_d0252f42-d432-409d-b891-416ea70b68b5-kDx--656x1009@LaVanguardia-Webimg_scolome_20170612-204121_imagenes_lv_terceros_a527657f-e875-4cd3-861d-359eeb445251-kDx--656x1231@LaVanguardia-Webimage

Il  Museo del Prado, tempio dell’arte a Madrid   accoglie in questi giorni una mostra sul tema dell’omosessualità, dal titolo “Lo sguardo dell’altro. Scenari per una differenza”. Potrà essere scioccante per i perbenisti l’intera tematica inscenata, ma i capolavori esposti  sono e hanno dell’incredibile. “La mirada del otro. Escenarios para la diferencia.” è infatti il titolo dell’iniziativa del Prado che, fino al 10 settembre, propone un itinerario guidato tra le sue sale pensato per contemplare la realtà storica delle relazioni sentimentali tra persone dello stesso sesso o di identità sessuali “fuori dalla norma”. La mostra si tiene in  occasione della celebrazione […]

  

Medhi-Georges Lahlou, è l’artista dai tacchi rossi, e coniuga sesso, religione e ambiguità.

foto-67207_1183_13828im_pf_lahlou_themeeting_web-4-630tachispillo1index1tacchispillo51-560x331index2013-67207-230918_35711_11453_ttacchispillo2

Medhi Georges Lahlou è l’artista, fotografo-pittore, detto anche l’uomo dai tacchi rossi, che ogni giorno macina sesso religione e ambiguità. Insomma nella sua arte si aggrovigliano le proibizioni del sesso e della religione . L’ambiguità è diventata il suo stile forte, il timbro estetico. Ormai tutti sanno che Lahlou ha preso l’abitudine di percorrere decine di kilometri sui suoi tacchi a spillo rosso fuoco ; vi assicuro che non si tratta né di provocazione né di eccentricità, la sua è una vera e propria performance che mira a schedare la storia del nostro tempo, a incrociare religione e fanatismo, ed […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019