La strana morte dell’Europa fra immigrazione, identità e islam. Il libro di Douglas Murray è un bestseller internazionale e scuote l’Europa.

images.jpgllimagesimages.jpghhmaxresdefault31045649_750967778425924_3473983983836987392_n-e1524642724601YMBWhgoA_400x40021881444-0-image-a-28_1575583564390images

Lo scrittore Douglas Murray è un  giornalista e commentatore politico britannico, Associate Editor dello Spectator, collabora con numerose testate. Il suo libro “La strana morte dell’Europa” (Neri Pozza 2018) ha ottenuto, al suo apparire in Gran Bretagna, un grande successo di pubblico e di critica. “The Strange Death of Europe” è il racconto di bestseller internazionale di un continente e di una cultura colti nell’atto del suicidio. Douglas Murray fa un passo indietro e analizza le questioni più profonde  che vi sono dietro la possibile scomparsa del continente, da un’atmosfera di attacchi terroristici di massa e una crisi globale dei rifugiati. […]

  

Pasolini e le donne. Un percorso inedito nel più profondo universo femminile pasoliniano, in mostra a Berceto-Parma.

Pasolini-con-la-madre-Susanna-Dicitura-obbligatoria-Foto-Vittorio-La-Verde-Copyright-Gerardo-Martorelli2-1024x57201-1970-pasolini-callas-medea-arcRCSCinema: Lagunamovies, tornano testimoni Medea di Pasolini05-1969-pasolini-callas-medea-set-728x102417-1962-pasolini-magnani-venezia-724x102406-1969-pasolini-callas-davoli-752x102411-1961-pasolini-mamma-casa10-1969-pasolini-callas-arcRCS

Il Museo Piermaria Rossi di Berceto (PR) ospita fino  al 15 settembre 2019, “Pasolini e le donne”, mostra promossa dall’Associazione Culturale Sentieri dell’Arte con il patrocinio di Comune di Berceto, Borghi Autentici e Regione Emilia Romagna. Curata da Giuseppe Garrera e Sebastiano Triulzi con opere provenienti dalla collezione privata di Giuseppe Garrera, l’esposizione è stata  inaugurata sabato 27 luglio alle ore 17.30. La mostra indaga il rapporto tra Pier Paolo Pasolini e le donne, cioè cosa significa vivere e celebrare la diversità, e quella condizione di inadeguatezza nei confronti dei poteri e dei soprusi. Le donne hanno insegnato a Pasolini […]

  

“La strana morte dell’Europa: immigrazione, identità, islam”. Il libro di Douglas Murray racconta il nostro continente e la nostra cultura nell’atto del suicidio. Un’analisi vera e sconvolgente.

douglasmurrayinterviewfeatu_770x433la_strana_morte_dell_europa_02101767244551Pqcz4UrJL._SX316_BO1,204,203,200_9781472942241_0_0_300_75

Il vero titolo del libro di Douglas Murray è “The Strange Death of Europe”, ed è un vero e proprio  bestseller internazionale, si sviluppa nel racconto  di un continente e di una cultura colti nell’atto del suicidio. Douglas Murray  da sociologo esplora le questioni più profonde che ci sono dietro la possibile scomparsa del continente europeo, stretto da una serie  di attacchi terroristici di massa e una crisi globale dei rifugiati. Le parole chiave del libro sono “immigrazione, identità,  islam”. L’autore, giornalista e commentatore politico britannico,  Associate Editor dello Spectator, collabora con numerose testate, e “La strana morte dell’Europa” (Neri […]

  

L’immigrazione va fermata. “Siamo sull’orlo di una guerra civile”, ha dichiarato Patrick Calvar, capo della DGSI, ovvero la Direzione generale della sicurezza interna francese (Le Figaro 2016).

lampedusa_immigratipapa-ratzingerUdienza Generale del mercoledì di Papa Francescoa418775a1d9975d3cd069f5aa356430c--smsel 13

E’ certo  un invito accorato agli italiani  affinchè aprano bene gli occhi per notare che c’è ormai in atto in Europa un piano sicuramente organizzato, come altri opinionisti hanno  ben  segnalato e scritto,  per destabilizzare l’Europa  con l’invasione migratoria.  Qui non c’è Papa Francesco  che tenga, altro che accoglienza e altro che  allargare le braccia per dire al continente africano e ai paesi arabi, venite venite. Sicuramente Papa Ratzinger avrebbe bloccato sul nascere questo parto etnico.  Vi sottopongo due riflessioni. E’ degli anni ’90 il libro “1900-2000. Due sogni si succedono: la costruzione, la distruzione” (Fiducia, Roma 1990),  scritto dall’illustre […]

  

Birmingham musulmana. L’artista Jasper Carrot è il Califfo della città inglese di Birmingham. Ma anche Londra è sulla stessa via. Ecco l’Islam che ha conquistato l’Europa.

070605712D040000044D-0-image-a-179_1447859829444-k1SE-U11001904423538EcH-1024x576@LaStampa.it528415_0140805_abu_dugma_al-britani.jpg.pagespeed.ce.4POTfkC63UFF7YNNYY4136-2037-kzRC-U10303485880801qyH-640x320@LaStampa.itBiscotti islameurope_is_islam__flag_map__wip__by_qwertyuiopasd1234567-d9kone9foto nuove 030041051120454130islam-in-europe-trojan-horse-2untitleddrapeau_europe_islam_eurabiaMolenbeek-

Francia, Belgio, Gran Bretagna, Olanda, Germania, Svezia e Danimarca.  E’ una mappatura, sicuramente in difetto, della Jihad in Europa. Una rete che ha delle vere e proprie roccaforti con  intere aree urbane disseminate in decine di città del vecchio continente. Una rete di quartieri dove regna un misto tra il caos e la Shariya islamica: insomma mini-emirati da cui organizzare attentati in tutta Europa e offrire rifugio a terroristi ricercati. Attacchi come quelli di oggi  che hanno gettato nel terrore gli abitanti di Londra. In Europa ci sono tante città e sobborghi   che sono diventate  covo dei jihadisti: da Malmo, […]

  

L’Olanda mette al bando il Corano. Parola di Geert Wilders.

imagesimages71949939indeximages1twitter-siria-amputazione-mano-21479923285_821790_1479928381_noticia_fotograma

I Paesi Bassi sono decenni avanti la nostra cultura. Mentre il governo  italiano è aperto all’accoglienza immigrati, l’Olanda che ha già avuto in passato simili trascorsi  oggi corre ai ripari.  E dunque si adopera a mettere al bando il Corano. Per legge. Non solo, ma a chiudere anche le moschee. Se ciò si facesse da noi il primo a levar voce sarebbe Papa Francesco.  Ora mentre negli Stati Uniti   Donald Trump   appena eletto  e per mantener fede a quanto promesso  in campagna elettorale  ha fatto  la voce grossa  nel suo nuovo approccio al mondo musulmano, questa politica può   apparire  fin […]

  

La Francia dichiara guerra all’Isis. Con una risposta dura, durissima. Io sto con la Francia.

164221747-f967e677-fce0-446d-b153-ecf249b199e8

La Francia è in guerra, io sto con la Francia. Ieri, domenica 15 novembre, già presente nella capitale tedesca, Berlino, per lavoro, c’ero anch’io dinanzi all’Ambasciata francese a dare una testimonianza forte al vile attentato, anzi ai vili attentati perpetrati a Parigi dagli islamisti. Ho pianto con i berlinesi. Ma non ho avuto paura, né l’avevano i berlinesi. Berlino ha risposto con decine di migliaia di fiori e migliaia di lumini a ricordare vittime inermi. Un silenzio tombale. Non se ne può più di questi fanatici islamisti, attentati a New York, attentati a Madrid, attentati a Londra, attentati a Parigi, […]

  

Siamo tutti Charlie Hebdo. Suona la campana per l’Europa.

Da tre giorni sono in lutto. In lutto per la strage di Charlie Hebdo e della sua redazione. Caro Charlie Hebdo (Stephane Charbonier -per tutti Charb), unico eroe della libertà, delle libertà occidentali, del laicismo francese ancora effervescente; non ci sei più ma sei diventato il segno più significativo dopo la rivoluzione francese. Terroristi islamici come bestie ti hanno ucciso, altro che martiri. Imbecilli. Lavorano con terrore perchè vogliono distruggere la nostra civiltà, hanno già in secoli passati tentato ciò, ma le crociate e la battaglia di Lepanto non lo hanno permesso. Cristiani, ebrei e atei, preparatevi alla guerra che […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020